Rational
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
domenica 17 novembre 2019 | aggiornato alle 06:17| 62052 articoli in archivio
Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
HOME     ALIMENTI     TENDENZE e MERCATO

Pecorino sardo negli Usa
La pazza idea di George Clooney

Pecorino sardo negli Usa 
La pazza idea di George Clooney
Pecorino sardo negli Usa La pazza idea di George Clooney
Primo Piano del 21 agosto 2019 | 08:42

La star di Hollywood avrebbe scoperto le qualità e il gusto del celebre prodotto made in Italy e secondo i tabloid inglesi sarebbe pronto ad entrare in affari per produrlo e commercializzarlo personalmente. Nelle ultime settimane per gli Stati Uniti ne sono partiti già alcune decine di chili, destinati agli amici dell'attore.

I bene informati dicono che dall’Italia sia già partito un carico di 32 chili con destinazione Los Angeles. E altri potrebbero partirne presto sempre alla volta degli Stati Uniti. Mittente George Clooney; destinatari i suoi amici del jet-set americano; contenuto: tanto buon pecorino sardo.

George Clooney potrebbe buttarsi presto nel business del formaggio (Pecorino sardo negli Usa La pazza idea di George Clooney)
George Clooney potrebbe buttarsi presto nel business del formaggio

È proprio il celebre formaggio, eccellenza dei prodotti made in Italy, la nuova fiamma dell’attore due volte vincitore del Premio Oscar che, secondo il quotidiano inglese Daily Star, sarebbe pronto a una nuova avventura imprenditoriale, dopo quella intrapresa nel 2013, quando ha fondato la società Casamigos, per commerciare la tequila Casamigos. Questa volta si tratterebbe proprio di formaggio e, in particolare, proprio del pecorino sardo che ormai farebbe parte dei pranzi e delle cene di George Clooney durante i soggiorni dell’attore nella sua dimora sul lago di Como.

Il quotidiano inglese ha intervistato un amico di George e di sua moglie Amal svelando che la star hollywoodiana ha scoperto il pecorino dopo averlo assaggiato dal contadino Peppino Fadda. Il commerciante ha una bancarella vicino San Teodoro e si sposta con furgone. Ed è proprio lui ad aver raccontato che la prima volta in cui ha venduto formaggio ai Clooney ha ricevuto anche la mancia più grossa della sua vita, circa 380 euro.

La notizia dell’interesse di George Clooney al business del pecorino sardo ha suscitato la reazione di Coldiretti, che ricorda come le esportazioni del tipico formaggio volano con un aumento record del 46% nel 2019. «Appare quindi giustificato - sottolinea la Coldiretti - l’interesse economico da parte del famoso attore che sarebbe pronto ad aprire una attività legata al formaggio sardo. Gli Stati Uniti sono di gran lunga il principale mercato di sbocco all’estero del pecorino e del fiore sardo tanto che finiscono negli Usa quasi 2 pezzi su 3 del famoso formaggio esportati dall’Italia. Nel mondo sono stati spediti quasi 8,5 milioni di chili nei primi cinque mesi del 2019 con un aumento del 31% rispetto allo scorso anno».

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


alimenti George Clooney pazzo pecorino sardo business formaggio made in italy commercio import daily star lago di como hollywood premio oscar tequila casamigos amal Clooney pazza idea

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160
& Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).