Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
lunedì 11 novembre 2019 | aggiornato alle 21:17| 61960 articoli in archivio
Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
HOME     ALIMENTI     TENDENZE e MERCATO

Rider, pronto il decreto
Salario minimo e più tutele

Rider, pronto il decreto 
Salario minimo e più tutele
Rider, pronto il decreto Salario minimo e più tutele
Primo Piano del 05 agosto 2019 | 10:09

Il documento potrebbe essere approvato dal Governo già dopodomani. Le nuove disposizioni prevedono, tra l’altro, l’iscrizione obbligatoria all’Inail, rimborsi spese per gli strumenti di lavoro e assistenza sanitaria. L’esempio di un’azienda toscana che nei giorni scorsi ha annunciato l’assunzione di 200 lavoratori a tempo indeterminato.

Ci è voluto un anno di lavoro, ma alla fine l’elaborazione del decreto destinato a regolare l’articolato settore dei rider, i “ciclo fattorini” che consegnano soprattutto pizze a domicilio, è terminata. Mercoledì il Governo potrebbe dare il via libera al pacchetto di disposizioni (annunciato a fine aprile) che introdurrà innanzitutto, come ha assicurato il vicepremier Luigi Di Maio, «tutele assicurative, rimborsi spese per gli strumenti di lavoro, assistenza sanitaria, un salario minimo per non essere sfruttati e sottopagati».

Più tutele in vista con il decreto del Governo per i rider (Rider, pronto il decreto Salario minimo e più tutele)
Più tutele in vista con il decreto del Governo per i rider

In Italia i rider sono circa 10mila, in leggera prevalenza maschi. Quasi 8 su 10 hanno meno di 30 anni e, quando ce l’hanno, un contratto a tempo determinato per non più di 3-6 mesi. L’annunciata rivoluzione dovrebbe permettere loro di avere più garanzie e tutele, anche se non prevederà l’eliminazione del compenso a cottimo, che continuerà a integrare la paga oraria, seppure in maniera “non prevalente”, come spiegato da Di Maio. La paga oraria sarà riconosciuta a patto che, per ogni ora, si accetti “almeno una chiamata”. Al datore di lavoro viene comunque lasciata, si legge nella relazione che accompagna il provvedimento, un’autonomia negoziale per definire “schemi retributivi modulari e incentivanti”.

In attesa che queste norme vengano approvate e che, soprattutto, entrino in vigore, c’è un’azienda in Toscana che ha deciso di precorrere di tempi, aprendo forse la strada verso un diverso modo di concepire il lavoro dei rider. Dopo un serrato confronto con i sindacati, la Runner Pizza, una delle aziende più radicate sul territorio, ha deciso di assumere 200 riders inquadrandoli a tempo indeterminato nel contratto nazionale della logistica.

Una scelta per certi versi coraggiosa, ma che potrebbe contribuire a ridisegnare il perimetro dei diritti del comparto, prima ancora dei provvedimenti promessi dalla politica, a patto che, ricorda l’amministratore delegato di Runner Pizza Tiziano Capitani, «anche altre aziende di delivery si uniscano ed accolgano questo contratto. Altrimenti, la nostra sarà la sola che avrà costi più alti?».

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


alimenti Rider pronto decreto salario minimo tutele assistenza sanitaria luigi di maio governo politica runner pizza firenze toscana pizza fattorini contratto sindacati inail assicurazione Tiziano Capitani paga oraria

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160
& Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).