Sofidel Papernet
Ros Forniture Alberghiere
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
giovedì 13 agosto 2020 | aggiornato alle 10:53| 67199 articoli in archivio
Sofidel Papernet
Molino Quaglia
HOME     ALIMENTI     DOLCI e GELATO

Piano triennale per l'apicoltura
Valorizzazione del miele umbro

Piano triennale per l'apicoltura 
Valorizzazione del miele umbro
Piano triennale per l'apicoltura Valorizzazione del miele umbro
Pubblicato il 26 agosto 2009 | 17:02

Approvato in Umbria il piano triennale per l'apicoltura. Tra gli obiettivi: provvedere alla certificazione di qualità, alla tracciabilità e all'etichettatura del miele e delle produzioni umbre, rafforzare l'assistenza agli apicoltori e migliorare i sistemi di prevenzione e cura delle patologie

 PERUGIA - Valorizzare e promuovere il miele e le produzioni apistiche umbre, rafforzare l'assistenza agli apicoltori, migliorare i sistemi di prevenzione e cura delle patologie e delle selezioni genetiche dell'Apis mellifera ligustica, l'ape più diffusa in Italia, introdurre attrezzature più moderne di allevamento, lavorazione, trasformazione e commercializzazione dei prodotti. Sono alcuni degli obiettivi del piano triennale a favore dell'apicoltura per il 2009-2011, che la Giunta regionale, su proposta dell'assessore all'agricoltura, Carlo Liviantoni, ha adottato per sviluppare e valorizzare il settore. Tra gli obiettivi anche quelli di provvedere alla certificazione di qualità, alla tracciabilità e all'etichettatura.

«Il piano - dice Carlo Liviantoni - è stato elaborato in armonia con gli indirizzi del Dap e tiene conto delle osservazioni degli enti e delle organizzazioni interessate. L'apicoltura è un settore importante per lo sviluppo dell'agricoltura, non solo per la produzione di miele, ma anche per il miglioramento qualitativo e quantitativo delle produzioni vegetali, il mantenimento della biodiversità e il contributo che riesce a dare nella conservazione e nella tutela dell'ambiente».

Il documento, che ora dovrà essere approvato dal Consiglio regionale e che, per gli interventi finanziabili, sarà sviluppato attraverso tre programmi annuali e la pubblicazione di appositi bandi, prevede specifiche campagne di educazione alimentare e valorizzazione del prodotto umbro nelle scuole e negli agriturismi, interventi per dotare gli apicoltori di adeguate attrezzature per l'allevamento delle api e per lavorare e commercializzare i prodotti apicoli. In base al piano, oltre a facilitazioni per diffondere sul territorio piante arboree, arbustive ed erbacee mellifere, potranno essere attivate azioni di sensibilizzazione sull'utilità delle api per incrementare qualità e quantità delle produzioni ortofrutticole, sementiere e biologiche. E non mancheranno iniziative per la selezione delle api regine, la formazione professionale e l'assistenza tecnica, compresa quella sanitaria di risanamento, profilassi e prevenzione di malattie come la varroasi.

 L'apicoltura umbra, caratterizzata da un'elevata polverizzazione aziendale e da profonde differenze territoriali, ma suscettibile di grande sviluppo per numero di alveari (quasi 33mila) rappresenta il 2,8% del dato nazionale, ma merita interesse per la funzione impollinatrice delle colture agricole, di specie protette, essenze forestali, prati e per tutti gli altri prodotti diversi dal miele. La maggior parte degli apicoltori sono stanziali (oltre il 97% sul totale, con l'83% degli alveari), spesso hobbisti e semiprofessionisti in aziende non specializzate. Il 50% degli apicoltori ha un numero di arnie inferiori a 20 e una produzione di miele inferiore a 3 quintali all'anno.

Il 3% dei cosiddetti "nomadisti" produce invece quasi 70-80 chili l'anno. Dall'esame dei dati, nei luoghi montani risiede circa il 18% degli apicoltori con una media di quasi 10 alveari per operatore. La produzione più redditizia è nelle zone del Trasimeno e lungo il bacino del Tevere (Perugia, Marsciano, Orvieto e Ternano), caratterizzate da clima sub-mediterraneo collinare. In Umbria vengono prodotti mieli di melata e millefiori, in minima quantità anche biologici (nell'Eugubino, a Città di Castello, Colfiorito, Norcia, sui Monti Sibillini e in quelli dell'Amerino). Da alcuni anni, l'apicoltura regionale vende le proprie produzioni "al minuto" o direttamente ai grandi canali commerciali. Una notevole quantità di miele è utilizzata dalle molte industrie dolciarie presenti nella regione.


Fonte: Agi


Articolo correlato:
Gli italiani scelgono il miele: +150% il consumo nel 2009
La riscossa delle api italiane Produzioni record per il miele d'acacia

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
Abbonati alla rivista cartacea in spedizione postale

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


talia a Tavola alimenti food bevande caffè birra distillati vino salute diete ristorazione aziende attrezzature ristoranti pizzerie bar enoteche hotel SPA agriturismi appuntamenti fiere turismo circoli libri stampa ricette oroscopo enogastronomia territorio ospitalità  horeca

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Sky
Allegrini
Caricamento...
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®