Rational
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
mercoledì 20 novembre 2019 | aggiornato alle 15:49| 62119 articoli in archivio
Rational
Pentole Agnelli
HOME     ALIMENTI     DOLCI e GELATO

Lo stop ai pesticidi ha fatto bene
Boom di miele italiano nel 2009

Lo stop ai pesticidi ha fatto bene 
Boom di miele italiano nel 2009
Lo stop ai pesticidi ha fatto bene Boom di miele italiano nel 2009
Pubblicato il 01 febbraio 2010 | 16:24

Gli alveari italiani stanno rinascendo a nuova vita, con uno stato di salute eccellente e produzioni di miele ottime. Gli italiani si sono resi protagonisti di una vera e propria gara di solidarietà nei confronti delle api, con consumi di miele in crescita vertiginosa (+50%) nel corso del 2009

Gli alveari italiani stanno rinascendo a nuova vita, con uno stato di salute eccellente e produzioni di miele ottime, sia in termini di qualità che di quantità, dal nord al sud del Belpaese, registrate nel 2009. Gli italiani si sono resi protagonisti di una vera e propria gara di solidarietà nei confronti delle api, con consumi di miele in crescita vertiginosa (+50%) nel corso del 2009.

Un successo per gli apicoltori, in prima linea nella campagna contro i pesticidi killer, che ha visto tutta l'Italia - dai produttori ai consumatori, dalle istituzioni fino alla ricerca - mobilitarsi per salvare le api dal grave problema della moria degli alveari. Ma il mondo del miele non si ferma e, riunito dal 2 al 7 febbraio a Chianciano Terme (Si) in occasione del congresso nazionale dell'apicoltura italiana, sarà al lavoro perché lo stop all'uso dei concianti neonicotinoidi possa diventare definitivo, dopo lo stop fino al 20 settembre 2010 previsto dal ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali.

Per proseguire la loro campagna, e in vista dello scadere dello stop all'uso dei concianti neurotossici per il mais, gli apicoltori italiani insieme all'Unaapi hanno raccolto, tramite una sottoscrizione, oltre 120mila euro «per fronteggiare nei tribunali e nel Paese lo strapotere della lobby dei venditori di chimicà», spiega il presidente Francesco Panella. Gli apicoltori italiani, infatti, hanno saputo tenere testa - dice un comunicato stampa - ai potenti interessi privati della lobby dei produttori e venditori di chimica, ottenendo da parte della Commissione Fitofarmaci, sulla linea delle prime conclusioni delle attività scientifiche attivate dal ministero delle Politiche agricole, il rinnovo della sospensione dei concianti neurotossici per il mais anche nel 2010.

E gli effetti si sono potuti registrare fin da subito: lo scorso anno non si sono verificati quei fenomeni devastanti di spopolamento e moria degli alveari degli anni precedenti, gli allevamenti apistici italiani si sono ricostituiti, le produzioni aumentate e migliorate qualitativamente, i consumi passati dai 400 ai 600 grammi a testa. E ora, dagli Stati generali in Toscana, gli apicoltori italiani si confronteranno affinché possano essere messi a punto concretamente metodi più rigorosi nelle autorizzazioni ai fitofarmaci, studi e limitazioni analoghe anche nei confronti di antiparassitari chimici utilizzati in tutte le altre coltivazioni, e per rendere noti i dati scientifici fin qui rilevati, insieme alle pratiche e ai prodotti alternativi che abbiano un minore impatto ambientale.

Fonte: Agi


Articoli correlati:
La moria delle api è finita Zaia annuncia lo stop ai neonicotinoidi
Unaapi: Alveari in buona salute Zaia rinnovi lo stop ai concianti

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


miele biologico etna apicoltura acacia millefiori pesticidi cibo gastronomia Italia a tavola tavola

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160
& Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).