Allegrini
Rational
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
lunedì 13 luglio 2020 | aggiornato alle 09:05| 66678 articoli in archivio
Allegrini
Molino Quaglia
HOME     TURISMO     TENDENZE e SERVIZI

No di Fipe al Codice del turismo «Ucciderà la Ristorazione»

No di Fipe al Codice del turismo «Ucciderà la Ristorazione»
No di Fipe al Codice del turismo «Ucciderà la Ristorazione»
Primo Piano del 05 maggio 2011 | 16:22

Per Fipe la parte del Codice relativa alla ristorazione è l’implosione del turismo. Consentire a tutte le strutture ricettive di estendere la propria attività a quella di somministrazione di alimenti e bevande per le persone non alloggiate nelle stesse strutture produrrà effetti opposti sul turismo

Il Governo vara il codice-riforma sul Turismo e subito riceve le dure critiche della Federazione italiana pubblici esercizi. No, per ragioni opposte alla Fipe, anche di Agriturist (Confagricoltura), l'associazione nazionale per l'agriturismo, l'ambiente e il territorio). Secondo il premier Silvio Berlusconi (nella foto), nella conferenza stampa a palazzo Chigi insieme al ministro del Turismo Michela Vittoria Brambilla (nella foto), il Codice «ripara gli errori della sinistra» e ha l'obiettivo di far crescere il settore da circa il 10% del pil attuale «fino al 12-13%, e magari raddoppiarlo nel corso degli anni».

Silvio Berlusconi e Michela Vittoria Brambilla

Dura la posizione della Fipe, la Federazione italiana pubblici esercizi in merito. La parte relativa alla ristorazione del codice-riforma del ministro Brambilla è l'implosione del turismo e stravolge l'ordinamento giuridico del settore. Consentire a tutte le strutture ricettive di estendere la propria attività a quella di somministrazione di alimenti e bevande per le persone non alloggiate nelle stesse strutture produrrà effetti sul turismo opposti a quelli vantati in sede di conferenza stampa a Palazzo Chigi e creerà una sperequazione fra le imprese.

Fipe aveva già sollecitato più e più volte il ministro del Turismo, mettendo in evidenza come tale disposizione consentirà alle imprese del settore ricettivo (alberghiero, campeggi, b&b, agriturismi, eccetera) di effettuare somministrazione al pubblico senza fornire garanzie di professionalità e integrità morale previste i pubblici esercizi. Questo comporterà asimmetrie nel mercato, perché mette sullo stesso piano tipologie differenti di imprese che così possono proporre uno stesso servizio. Crea cioè un mercato con regole diseguali per una stessa offerta, in totale spregio alla Direttiva servizi recepita dal Dlgs 59/2010. La ristorazione italiana è il secondo motivo di scelta dell'Italia come meta turistica e il primo motivo per cui uno straniero decide di tornare in Italia. E non si capisce per quale motivo si tenti di svalutare questo tipo di attrazione turistica.

Fipe si riserva, a questo punto di attivare forme di protesta più idonee sui territori, coinvolgendo le 260mila imprese di pubblico esercizio in grado di dare lavoro a circa un milione di persone e generare un fatturato complessivo da 64 miliardi di euro. Per questo è stato convocato d'urgenza un consiglio nazionale; l'azione di protesta sarà fortissima.

Contrario alla presa di posizione della Fipe, il presidente Silvio Berlusconi, che si dice molto positivo per il futuro del settore grazie anche al nuovo Codice. «Il turismo è croce e delizia del nostro Paese. Vale meno del 10% del nostro pil, ma dovremmo avere molto di più, visto che abbiamo il maggior numero di beni artistici al mondo, oltre alle bellezze naturali straordinarie, dalle alte montagne alle acque cristalline», ha osservato Berlusconi.



Non solo: «Il turismo con la sanità è l'attività che si pensa debba avere nel prosieguo degli anni il maggiore sviluppo: l'Onu prevede in 8 anni l'incremento di almeno il 50% dei cittadini che oggi vanno per il mondo per turismo. Da noi invece - ha affermato - il turismo è diminuito, perché c'è stato un grande errore della sinistra, guarda caso, chissà perché... che ha attribuito alle regioni la competenza turistica, con venti politiche diverse e senza saper fare promozione all'estero. I miei figli mi hanno telefonato dall'Australia e mi hanno detto che c'erano i cartelloni che dicono 'visita il Molise”...».

«Poi - ha rivendicato Berlusconi - siamo arrivati noi: abbiamo fatto l'agenzia nazionale per il turismo, abbiamo ricostruito il ministero del Turismo che era stato cancellato e chiamato il ministro Brambilla, è un po' il suo mestiere, e abbiamo iniziato a pensare a cosa potevamo inventarci per arrivare al 12, 13% e chissà con gli anni magari ad un raddoppio. Siamo partiti con l'unificazione della promozione nel mondo, preso contatti diretti con le imprese del settore, e abbiamo poi pensato che dovevamo operare un riassetto normativo per tutto il settore. Anch'io ci ho lavorato, e abbiamo dato vita a questo Codice del Turismo oggi definitivamente approvato dal Cdm. Siamo orgogliosi di metterlo a disposizione del settore: dobbiamo creare le condizioni perchè le aziende turistiche possano crescere e investire, possano garantire qualità di servizio molto elevata». Tra le misure elencate dal premier, «diventano imprese turistiche tutte quelle che forniscono servizi ai turisti, dai bar agli impianti sportivi, e le agenzie turistiche online vengono equiparate».



«Sono estremamente soddisfatta – ha detto il ministro Brambilla - dell'approvazione definitiva del decreto legislativo con la normativa statale su ordinamento e mercato del turismo e l'attuazione della direttiva Ce sulla multiproprietà, in breve il Codice-riforma del Turismo, che rappresenta una svolta determinante per il settore e la sua competitività».

«Il testo - aggiunge - non solo risponde a un' esigenza di semplificazione e riordino della legislazione in materia molto sentita dagli operatori e di grande portata per i turisti, ma rappresenta la prima vera e completa opera di riforma del turismo che viene fatta in questo Paese, per un settore tra l'altro privo fino ad oggi di un sistema di regole chiaro e completo. Una riforma che ha l'obiettivo di tutelare il turista, aiutare le imprese, stimolare la riqualificazione dell'offerta turistica nell'ottica di una maggiore competitività del sistema Italia nel suo complesso».

«Con il riordino del quadro normativo di riferimento - conclude Michela Vittoria Brambilla - la nostra iniziativa legislativa conferisce certezza e sicurezza a tutti i soggetti coinvolti, siano essi gli operatori o i turisti, e costituisce, senza ombra di dubbio, una straordinaria occasione per la crescita e lo sviluppo di un settore strategico per l'economia del Paese, anche grazie all'introduzione di istituti di semplificazione, incentivazione e valorizzazione».

In merito al nuovo Codice, segnaliamo anche la posizione di Agriturist. Il suo presidente Vittoria Brancaccio accusa il Ministero di non avere un piano di sviluppo per il settore e la mancata promozione degli agriturismi sul portale ufficiale www.italia.it.

Nonostante il rifiuto al nuovo codice del Turismo, la Fipe è invece favorevole ad altre norme siglate dal Consiglio dei Ministri. Bene il diritto di superficie previsto nel decreto sviluppo annunciato dal ministro Tremonti, anche se in quel testo alcuni aspetti sarebbero ancora da migliorare. Plauso anche al provvedimento sull'apprendistato, strumento principale di ingresso nel mondo del lavoro e in grado di generare vero sviluppo anche nel comparto turistico. Questi vengono considerati da Fipe - che condivide interamente il commento di Confcommercio sul decreto sviluppo - interventi strutturali, a differenza del provvedimento di facciata del ministro Brambilla su cui pare si registri anche il dubbio delle Regioni.


Articoli correlati:
Il Codice del turismo fa un passo avanti Soddisfazione del ministro Brambilla
Tutela del turista, sostegno alle imprese La Brambilla vara il Codice del turismo

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
Abbonati alla rivista cartacea in spedizione postale

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


codice turismo brambilla ristorazione fipe Italia a Tavola Tendenze servizi turismo

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

10/05/2011 10:45:00
1) Codice del turismo: danno morale? Lo sapevamo già...
Il Codice del turismo, appena approvato, prevede alcune novità, tra le quali la previsione normativa del 'danno morale” da vacanza rovinata, maggior protezione contro possibili truffe di agenzie viaggi online (equiparate alle agenzie tradizionali), oltre che l'istituzione delle stelle per i bed and breakfast ed altre agevolazioni per portatori di handicap e per chi voglia portare in vacanza cani e gatti. Finalmente anche il legislatore ha recepito quanto di fatto i collegi legali di Telefono Blu avevano già raggiunto costantemente per via giudiziale. I Giudici di Pace o il Tribunale di Milano e tanti altri in Italia, su nostra istanza, hanno più volte riconosciuto indennizzi di danno morale in caso di disservizi legati ai servizi turistici, quali ritardi dei voli, smarrimento dei bagagli o pacchetti turistici con alberghi o villaggi inadeguati (se non 'fantasma”); tali vittorie in giudizio avvengono sottolineando, talvolta, l'irripetibilità di tali viaggi (esempio: viaggio di nozze), o la particolarità degli stessi (esempio: itinerari da potersi effettuare solamente in determinati periodi dell'anno o di ferie del viaggiatore, oppure con attrezzature particolari al seguito, non sostituibili, che non arrivano a destinazione per colpa del vettore aereo o del tour operator).

Come già detto, a maggior ragione da oggi in poi, Telefono Blu Consumatori consiglia ai turisti e consumatori di conservare dunque copia dei biglietti acquistati, dei reclami, degli scontrini o delle ricevute d'acquisto ed anche ogni possibile prova di occasioni importanti perse (esempio visite mediche o incontri di lavoro) per colpa dei ritardi, delle cancellazioni o dei disagi, ma altresì di ricordarsi di indicare al tour operator, al momento della prenotazione o della stipula del contratto di viaggio, la 'ragione qualificante” il viaggio, affinché essa, in caso di giudizio, possa costituire base certa e sicura per una richiesta di risarcimento di danno morale (in aggiunta al rimborso prettamente patrimoniale).

Pierre Orsoni presidente dell'associazione che dal 1989 tutela i consumatori turisti, dichiara che «un po' del merito è anche nostro e ora finalmente compresa l'importanza lo Stato faccia un passo indietro e consenta alle associazioni come la nostra di gestire i contenziosi. Con queste regole, continua  il presidente, non vi sarà bisogno di fare class action, ma ricorrere al giudice come da sempre facciamo con buona soddisfazione».

Si auspica che le associazioni dei tour operator italiani inseriscano nelle condizioni generali di contratto o nei moduli utilizzati dalle agenzie un'apposita sezione nella quale il turista possa indicare utilmente le ragioni e le finalità 'particolari o irripetibili” del viaggio prenotato. Telefono Blu Consumatori raccoglie, dunque, tutte le lamentele legate al mondo del consumo ed è sempre pronta a richiedere i legittimi rimborsi e risarcimenti in caso di disservizi e inadempimenti. Dal portale www.telefonoblu.it è possibile richiedere l'assistenza legale, caso per caso, città per città, sia per email che per telefono.




ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Sky
Sofidel Papernet
Allegrini
Caricamento...
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®