Rotari
Rational
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
sabato 28 marzo 2020 | aggiornato alle 11:50| 64412 articoli in archivio
HOME     BIRRA    

Forst, una fabbrica unica

Forst, una fabbrica unica
Forst, una fabbrica unica
Pubblicato il 17 giugno 2011 | 17:39

Sopravvissuta a due guerre mondiali e a sconvolgimenti politici ed economici, oggi la Forst è un’azienda di importanza e mercato nazionale, con una produzione annua di circa 700mila hl. I denominatori comuni nella storia di Forst sono la qualità e il rispetto della natura, perché la birra è natura

Nel 1857, due imprenditori meranesi, Johann Wallnöfer e Franz Tappeiner, furono autorizzati dal magistrato competente a fondare una fabbrica di birra. La scelta del luogo cadde sul Maso Unterkofl, a Foresta (Forst in tedesco), che offriva anche allora le migliori caratteristiche: un'acqua superlativa sgorgante dalle sorgenti delle montagne, la possibilità di immagazzinare ghiaccio naturale durante l'inverno, necessario per raffreddare in estate le cantine scavate nelle rocce del Josefsberg, la strada che collegava Foresta sia a Merano sia alla val Venosta.



Con il passaggio della proprietà a Josef Fuchs, nel 1863, inizia la dinastia di casa Fuchs che continua oggi con la 4ª generazione. J. Fuchs da Laces è un esempio di imprenditorialità moderna: contadino, proprietario di stazione di posta, con grande intelligenza e laboriosità seppe porre le basi e segnare la via, seguita poi dai figli, di un'impresa che si è evoluta nel tempo fino al modernissimo impianto attuale.

Sotto l'illuminata guida di Hans Fuchs e con la costruzione del nuovo complesso di cantine di maturazione, inizia il nuovo corso, seguito da una nuova malteria, la sala di cottura fino alla nuova cantina di fermentazione che riscosse grande interesse ed attenzione nel mondo birarrio per il progetto e la funzionalità.

Prova di quanto Forst sia sempre stata un'azienda aperta ai miglioramenti tecnici, è data dall'introduzione dei compressori frigoriferi già nell'anno della loro invenzione, il 1890, svincolando così la produzione dall'andamento delle stagioni.

Anche in campo sociale, l'azienda si è sempre comportata in maniera moderna: dagli appartamenti per i propri dipendenti (inizi del ‘900) al grande contributo dato alla costruzione della tramvia (1908) che univa Merano a Foresta. In particolare, Luis Fuchs è stato la guida carismatica della Forst dal 1933 al 1989, particolarmente attento alle tematiche sociali e al bene dei suoi dipendenti, tanto che per i meriti ottenuti, è stato fregiato anche del titolo di Gran Ufficiale della Repubblica Italiana.

Da sinistra: Cellina von Mannstein, Margherita Fuchs von Mannstein, Cellina Fuchs Barth e Cordula Wolf
Da sinistra: Cellina von Mannstein, Margherita Fuchs von Mannstein, Cellina Fuchs Barth e Cordula Wolf.

La Forst è sempre stata, allora come oggi, un punto di ritrovo per chi vuole gustare una birra nel ristorante annesso alla fabbrica o nel Biergarten nelle giornate estive; si racconta che anche la Principessa Sissi, ospite di Merano, apprezzasse una sosta nel giardino della Forst per ristorarsi con un'ottima birra.

Sopravvissuta a 2 guerre mondiali e a sconvolgimenti politici ed economici, oggi la Forst è un'azienda di importanza e mercato nazionale, con una produzione annua di circa 700mila hl.

Le date salienti
  • 1857: La Birra Forst fu fondata, dove si trova ancora oggi, da due imprenditori meranesi, Johann Wallnöfer e Franz Tappeiner
  • 1863: Con una produzione molto limitata, la fabbrica di birra con il terreno annesso viene acquistata da Josef Fuchs. Grazie anche al sostegno della moglie Filomena, l'azienda fiorisce
  • 1892: L'azienda passa nelle mani del figlio, Hans Fuchs. L'azienda raggiunge nel 1901 la poderosa produzione di 22.500 hl.
  • 1917: Alla morte di Hans Fuchs succede la moglie Fanny, che con spirito imprenditoriale la guiderà fino al 1933
  • 1933: L'azienda passa in mano al figlio Luis Fuchs, che in 56 anni di attività porta l'azienda a livelli qualitativi e tecnologici altissimi
  • 1989: La presidenza viene assunta dalla moglie Margarethe Fuchs
  • 1991: Viene rilevata la Menabrea di Biella
  • 2009: Posa della prima pietra della nuova sala di cottura
  • Oggi: Con Margherita Fuchs von Mannstein, alla 4ª generazione è affidata la guida dell'azienda

I numeri di Forst
  • 700mila: Ettolitri di birra prodotti
  • 50%: Percentuale di produzione in fusto, la restante in bottiglie
  • 5%: quota di mercato nazionale
  • 85%: quota di mercato in Alto Adige
  • 300: dipendenti Forst

Qualità e rispetto della natura
Dalla carrozza di cavalli di allora alla moderna tecnologia attuale c'è un denominatore comune che si ritrova ininterrottamente nella storia della Forst e di casa Fuchs, tale da essere assunto a filosofia aziendale e di vita: qualità e rispetto della natura, perché la birra è natura. A partire dalla fabbrica stessa.

Birra Forst, l'ultimo grande brand rimasto indipendente in Italia, non è infatti una fabbrica come tante. Qui tutto è fatto con la massima diligenza e discrezione e cura per il dettaglio. I silos con la bevanda a maturare, sono custoditi all'interno di una costruzione particolare di cinque piani con le tipiche finestre altoatesine; la sala di imbottigliamento e l'impianto di riempimento fusti, uno tra i più moderni d'Europa, sono sotto un tetto di legno; le caldaie lavorano al piano interrato, alimentate da una sorgente di acqua naturale che sgorga dalla montagna.

La manutenzione viene fatta da dipendenti interni, idraulici e muratori, elettricisti, decoratori che mantengono sempre pulito e decoroso l'ambiente della fabbrica Forst. Anche l'ingresso agli uffici e alla direzione è tradizionale, legno e vetro, discrezione e gentilezza del personale e all'interno dell'area della fabbrica, sono state costruite case vere e proprie destinate ai dipendenti single, portando avanti la filosofia del capostipite.


Articoli correlati:
Forst, tecnologia e qualità per le birre speciali da Horeca
Birra Forst punta sulla tecnologia La costruzione della nuova sala cottura
La gamma Forst

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


forst lagundo bolzano birra horeca tecnologia Italia a Tavola beverage birra

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Surl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES - Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). - © ®
Edizioni Contatto Surl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES - Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). - © ®