Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
martedì 27 febbraio 2024  | aggiornato alle 08:55 | 103418 articoli pubblicati

Centinaio: «Il turismo è un connubio tra territorio, enogastronomia e cultura»

 
01 aprile 2019 | 18:12

Centinaio: «Il turismo è un connubio tra territorio, enogastronomia e cultura»

01 aprile 2019 | 18:12
 

Il turismo del futuro? Un connubio tra territorio, luoghi rurali, cultura ed enogastronomia. Ne è convinto il ministro Gian Marco Centinaio, che oltre alla delega all’Agricoltura, ha assunto anche quella al Turismo, accorpando in un unico ministero comparti diversi per fare uno slacio ulteriore all'economia.

«Oggi i turisti scelgono sempre di più esperienze, emozioni», ha detto Centinaio a margine del dibattito organizzato da Italia a Tavola, durante il Premio, svoltosi nei giorni scorsi nella villa medicea “Ferdinanda” di Artimino (Po), che ha richiamato in Toscana alcuni dei principali attori della ristorazione, del turismo, dell’accoglienza e dell’agricoltura.

(«Il futuro del turismo è un connubio tra territorio, enogastronomia e cultura»)
Gian Marco Centinaio

«I turisti - ha aggiunto Gian Marco Centinaio - scelgono sempre di più l’abbinamento ai luoghi della cultura, ma anche ai luoghi naturali, dove però si possano anche gustare i prodotti del territorio, quindi l’enogastronomia del territorio. Tutto questo serve anche per rilanciare aree rurali che senza operazioni di marketing, operazioni di comunicazione rischierebbero di rimanere fuori dai cataloghi dei tour operator più importanti».

Per fare tutto questo, però, serve innanzitutto imparare a fare rete sul territorio, e anche su questo si è espresso Centinaio: «Sono convinto che fare rete in questo momento serve - ha aggiunto - perché per uscire dai confini nazionali e farsi conoscere, non si può andare solamente con il paesino di un’area rurale ai più forse sconosciuta. Se si fa rete si è vincenti, si va lontani e si vince anche contro la crisi economica».

(«Il futuro del turismo è un connubio tra territorio, enogastronomia e cultura»)

Dal ministro, nel corso del dibattito, è però arrivato anche un appello chiaro ai territori, perché questo “fare rete” possa davvero iniziare a funzionare: «Non può essere un Ministero a decidere chi e come deve fare rete - ha ricordato - che poi il Ministero abbia un suo ruolo cruciale è fuori dubbio: dobbiamo coordinare, accompagnare, unire, lavorare per fare sempre meglio e irrobustire la struttura dell’agricoltura e del turismo affinché lavorino sempre più a braccetto, tuttavia il grosso del lavoro deve arrivare dal basso».

(Premio IaT, un salto indietro di 400 anni per dar vita ad un nuovo Rinascimento)

(Premio IaT, un salto indietro di 400 anni per dar vita ad un nuovo Rinascimento)

© Riproduzione riservata STAMPA

 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
       


Horeca Expoforum
Molino Grassi
Notte Rossa

Horeca Expoforum
Molino Grassi

Notte Rossa
Tirreno CT
Delyce