Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
giovedì 18 aprile 2024  | aggiornato alle 15:43 | 104680 articoli pubblicati

Nella Legge di Bilancio, 2 miliardi per l'agricoltura. Ma per il cibo di qualità non c'è quasi nulla

Per Baldrighi (Origin Italia) manca un progetto per sostenere sul serio Dop e Igp. I prodotti tutelati generano un export pari a 10 miliardi di euro, ma serve un aiuto per fronteggiare le sfide, a partire da Nutriscore

 
30 dicembre 2021 | 15:29

Nella Legge di Bilancio, 2 miliardi per l'agricoltura. Ma per il cibo di qualità non c'è quasi nulla

Per Baldrighi (Origin Italia) manca un progetto per sostenere sul serio Dop e Igp. I prodotti tutelati generano un export pari a 10 miliardi di euro, ma serve un aiuto per fronteggiare le sfide, a partire da Nutriscore

30 dicembre 2021 | 15:29
 

Nella legge di bilancio, appena approvata, sono stanziati 2 miliardi di euro per l'agricoltura (il doppio dello scorso anno), ma al mondo dei consorzi di tutela non basta. Anzi. A denunciarlo senza mezzi termini è il presidente di Origin Italia (che rappresenta tutti i consorzi) Cesare Baldrighi che sottolinea come al sistema delle Dop e Igp, che conta 200mila operatori con un fatturato di 17 miliardi di euro, «serve un progetto di politica nazionale per sostenere il “progetto ripartenza” del cibo italiano di qualità». Una strategia che manca nella legge di bilancio, tanto che «le indicazioni che emergono dalle recenti scelte politiche in materia agricola non sembrano andare in questa direzione e aprono grandi preoccupazioni per il futuro della qualità italiana».

L'agroalimentare italiano chiede uno sforzo in più al Governo per valorizzare i marchi Dop e Igp Origin: più risorse per Dop e Igp agroalimentari! Nella Legge di Bilancio, 2 miliardi

L'agroalimentare italiano chiede uno sforzo in più al Governo per valorizzare i marchi Dop e Igp

 

Servono più fondi per supportare l'export agroalimentare italiano che vale 50 miliardi di euro

Nell’attuale Legge di Bilancio mancano sia il riconoscimento del ruolo e sia le risorse economiche di sostegno a un sistema che è capofila dell’export agroalimentare italiano di qualità con circa 10 miliardi di euro, pari al 20% dell’export agroalimentare che vale, nel complesso, 50 miliardi di euro. Stessa mancanza di attenzione nelle bozze del Piano strategico nazionale dove compare solo un intervento per la promozione dei prodotti di qualità. La stessa cosa si evidenzia nella mancanza di un coinvolgimento nel Pnrr e nelle misure di accompagnamento. Una considerazione amara se si pensa alle grandi sfide che attendono i prodotti Dop e Igp italiani. Con la pandemia in tutte le aree del mondo, infatti, si sono ancora di più acuiti i problemi delle contraffazioni e delle barriere che sicuramente hanno bisogno di un sostegno concreto per poter essere affrontati dal sistema produttivo del nostro Paese. 

Nicola Cesare Baldrighi, presidente Orign Italia Origin: più risorse per Dop e Igp agroalimentari! Nella Legge di Bilancio, 2 miliardi

Nicola Cesare Baldrighi, presidente Orign Italia

te

 

Baldrighi (Origin): «Le sfide non mancano, serve un vero progetto di ripartenza»

«Apprezziamo l’ordine del giorno presentato oggi che impegna il Governo a porre in essere un apposto provvedimento normativo volto ad incrementare le risorse per rafforzare la promozione, la valorizzazione e l'informazione dei prodotti agroalimentari italiani Dop e Igp e il potenziamento dei consorzi di tutela - prosegue ancora Baldrighi - Confidiamo, inoltre, che anche altri parlamentari di tutte le forze politiche condividano e sostengano questo bisogno per realizzare insieme anche al Governo un vero "progetto ripartenza". Alle organizzazioni della filiera agroalimentare chiediamo di non sottovalutare queste criticità: dal sistema dell’etichettatura, il cosiddetto Nutriscore, al tema della tutela delle Ig (per esempio i casi Prosek e aceto sloveno). Tutti campanelli di allarme che ci devono vedere quanto mai uniti, pena la deflagrazione, in un effetto domino assai pericoloso, per tutto l’agroalimentare italiano».  

 

 

Patuanelli: nella Legge di Bilancio 2 miliardi di euro per il settore primario

Di parere opposto, ovviamente, il ministro alle Politiche agricole, Stefano Patuanelli, secondo il quale, con l'ok arrivato dalla Camera, la Legge di Bilancio 2022 stanzia due miliardi per il settore primario; il doppio rispetto allo scorso anno. «Abbiamo insistito in particolar modo sulla gestione del rischio e sulla garanzia del reddito ai produttori perché crediamo che le politiche di sostegno all’agroalimentare debbano spostarsi sempre più in questa direzione, insieme a una serie di importanti misure destinate alle filiere, che rappresentano un settore determinante per il nostro Paese, in termini produttivi ed economici, ma anche in termini di tutela e salvaguardia del territorio e del paesaggio, in un’ottica sempre più rivolta al processo di transizione ecologica, ambientale e sociale», ha spiegato

Più nel dettaglio, i fondi saranno utilizzati per le filiere agricole, della pesca e dell'acquacoltura. Verrà costituito il fondo di mutualizzazione nazionale a copertura dei rischi castrofali e saranno finanziati due altri fondi a sostegno degli investimenti in beni strumentali e per la valorizzazione dei prodotti Dop, Igp e Stg nonché delle eccellenze della ristorazione e della pasticceria italiana. Sempre a favore del settore dell'accoglienza, verrà incentivato l'ingresso di giovani diplomati nei servizi enogastronomici e alberghieri. Centrali anche le politiche di filiera, con il rifinanziamento del fondo per la competitività delle filiere e dei Distretti del Cibo, e il rafforzamento di alcune filiere tra cui quella delle carni bianche, dell’apistica, delle piante officinali, della frutta in guscio e della birra, grazie al taglio delle accise. Vengono inoltre stanziati importanti fondi per proseguire l'attuazione della Strategia nazionale forestale e inserito inoltre un importante capitolo destinato ai produttori di vino Dop e Igp e biologico per incentivare l’uso dell’innovazione in agricoltura.

© Riproduzione riservata STAMPA

 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
       


Schar
Senna
Siad
Molino Grassi

Schar
Senna
Siad

Molino Grassi
Agugiaro e Figna Le 5 Stagioni
Nomacorc Vinventions