Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
martedì 16 luglio 2024  | aggiornato alle 08:48 | 106464 articoli pubblicati

Bufala Campana
Bufala Campana

Scenari futuri

Per quanto ancora acquisteremo vino in bottiglia di vetro?

L'aumento dei costi dell'industria vetraria e l'esigenza di sostenibilità pongono l'interrogativo: fiaschi, anfore e bottiglie magnum cederanno il passo un domani all'impiego di lattine, “bag in box” e caraffe alla spina?

 
20 ottobre 2023 | 10:11

Per quanto ancora acquisteremo vino in bottiglia di vetro?

L'aumento dei costi dell'industria vetraria e l'esigenza di sostenibilità pongono l'interrogativo: fiaschi, anfore e bottiglie magnum cederanno il passo un domani all'impiego di lattine, “bag in box” e caraffe alla spina?

20 ottobre 2023 | 10:11
 

Il vino è profondamente radicato nella nostra cultura. Stappare una bottiglia d'annata, mescere in un calice di cristallo, brindare alle occasioni speciali, ma anche nella quotidianità sono riti talmente radicati che spesso diamo per scontati. Ma ora c’è un ma e una domanda che incalza: nell'era della sostenibilità ambientale ed economica, il vino in bottiglia di vetro ha un futuro? Una domanda a cui serve una risposta concreta visto l'aumento dei costi dell'industria vetraria e l'esigenza di salvaguardia dell’ambiente. Intorno a questi quesiti è stato inaugurato l'anno accademico 2023/24 dell'Università della Cucina Italiana di Firenze con il dibattito “Bottiglia e bicchiere: archeologia o futuro?”. Al dibattito hanno partecipato Guido Mori, direttore didattico, Angelo Minisci, docente di food design, Laura Ruggieri, public relations dell’azienda vitivinicola Carpineto di Montepulciano (Siena), Julian Biondi, docente e fondatore di FermenthinkS, Sofia Taiti, responsabile comunicazione web di Collevilca.

Per quanto ancora acquisteremo vino in bottiglia di vetro?

Il vino in bottiglia di vetro ha un futuro?

Vinai 2.0 sempre più alla ricerca di soluzioni green per i vini

Il fatto certo al giorno d’oggi è che i vinai artigianali e non solo, sono sempre più alla ricerca di soluzioni innovative e “green” per il trasporto, la conservazione e il servizio di vini e spumanti, dalla riduzione dello spessore del vetro di bottiglia all'impiego di materiali alternativi come la plastica o l'acciaio, fino al cartone riciclato. Sullo sfondo c'è la variazione delle tariffe praticate dall'industria, il conto sul costo del vetro per il settore del vino è salito in media di circa il 70% in appena 12 mesi, nel 2022 (dati Unione italiana vini). Complici gli altri fattori di inflazione, il consumatore finale ha assistito a un rialzo dei prezzi medi a scaffale del +8,7%, finendo per acquistare meno vino (-6,1% a volume) nel primo trimestre 2023 (dati Osservatorio Ismea-Uiv).

Addio al vetro per il vino? Sì a lattine e caraffe alla spina?

Fiaschi, anfore e bottiglie magnum cederanno il passo un domani all'impiego di lattine, “bag in box” e caraffe alla spina? «La ricerca sui materiali alternativi non implica soltanto un nuovo imballaggio ma un'intera esperienza del vino nettamente diversa – spiega Minisci - Contenitori e bicchieri in vetro o ancor meglio in cristallo offrono precise attitudini comunicative a livello funzionale e percettivo verso la tavola, l'utente e la qualità del vino servito. L'aumento dei costi delle materie prime, la concorrenza estera e un potere d'acquisto sempre più limitato mettono in discussione il futuro del vetro in tavola. Il corso sul food design affronta questa materia mettendone in luce il valore aggiunto a livello semiotico, guardando al tempo stesso alla sostenibilità della produzione, della comunicazione e ai segnali che arrivano dal mercato».

«Dalla fondazione di Carpineto nel 1967 ad oggi, per quanto riguarda le bottiglie lo sforzo maggiore si è concentrato sull’alleggerimento del vetro e degli imballaggi che, per un’azienda il cui export incide molto, hanno un impatto consistente sull’ambiente - racconta Antonio Mario Zaccheo cofondatore con Giovanni Carlo Sacchet della Carpineto, consolidata firma dei grandi rossi con cinque tenute ad emissioni zero nelle denominazioni storiche della Toscana - Nel 1968, le bottiglie della prima vendemmia pesavano 800 grammi, oggi meno della metà. Per la linea Dogajolo, un vino molto contemporaneo anche al gusto e molto amato anche proprio per le bottiglie, siamo scesi infatti a 360 grammi».

«Per noi che produciamo molti vini longevi, e che spesso fanno un affinamento in bottiglia, il vetro continua ad essere l’unico materiale che garantisce qualità nel tempo - afferma Caterina Sacchet, giovane generazione della Carpineto ed anche enologa - Le bag in box e le bottiglie in PET, etc., hanno il problema di avere una durata di conservazione troppo ridotta, massimo nove mesi, che per un’azienda che esporta molto anche in paesi lontani non è indicato. Non escludo però che in futuro per vini meno strutturati, più leggeri, e con minor contenuto alcolico, andando peraltro incontro ad una tendenza di gusto che chiede vini meno alcolici, possiamo pensare anche a delle bag in box che il mercato nordico sembra pronto a recepire».

Per quanto ancora acquisteremo vino in bottiglia di vetro?

Da sinistra Laura Ruggeri, Nadia Fondelli, Guido Mori, Angelo Minisci, Sofia Taiti

Il futuro degli chef, maître e sommelier all’Università della Cucina italiana

L'Università della Cucina Italiana conferma anche per il quinto anno la tradizione inaugurale con un evento aperto al pubblico (l'anno scorso tenuto sulla “Cucina del futuro”). Nata per offrire percorsi di formazione in ambito enogastronomico di livello culturale accademico, la scuola garantisce corsi di valore legale certificati dal partner formativo Ateneo IUL (Università Telematica degli Studi), riconosciuti dal Ministero dell'Università e della Ricerca. L'offerta si articola tra master di primo livello e corsi di alta formazione, al via da questo mese. Nel primo caso possono accedere i partecipanti in possesso di una laurea triennale, nel secondo è necessario un diploma di scuola superiore quinquennale.

• Iscriviti alla newsletter su WhatsApp

«I giovani chef, maitre e sommelier devono orientarsi in un mondo in costante evoluzione, dove la sostenibilità e la trasparenza nella filiera enogastronomica vanno sempre più di pari passo con la ricerca di una qualità dei prodotti e dell'esperienza da parte del consumatore – sottolinea Mori -. Fino a 10 anni fa nessuno avrebbe messo in discussione in binomio vetro-vino, un vero totem della cultura enologica tradizionale ma l'attenzione al consumo energetico, all'impatto ambientale, all'accessibilità economica e alla ricerca sulle materie prime alternative hanno generato una nuova riflessione sui risvolti pratici del nostro lavoro. L'Università della Cucina Italiana offre ai suoi studenti un'ampia cultura di livello accademico, di cui il food design è una componente importante; in prima fila nel dibattito attuale la nostra scuola è il posto giusto per chi vuole diventare un professionista preparato e consapevole del domani».

© Riproduzione riservata STAMPA

 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
       


Rcr
Consorzio Tutela Aceto Balsamico Tradizionale di Modena
Prima
Julius Meiln

Rcr
Consorzio Tutela Aceto Balsamico Tradizionale di Modena
Prima

Julius Meiln
Martini Frozen
Molino Grassi