Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
martedì 27 febbraio 2024  | aggiornato alle 15:28 | 103449 articoli pubblicati

Lago di Garda, siccità e aviaria. L'Ats: «Basso rischio per la popolazione»

Un istmo nel Benaco formatosi a causa del basso livello delle acque, frotte di turisti accorsi per percorrerlo; gabbiani morti sulla spiaggia e lo spettro dell'aviaria, la situazione del bacino si fa sempre più grave

di Renato Andreolassi
 
27 febbraio 2023 | 11:50

Lago di Garda, siccità e aviaria. L'Ats: «Basso rischio per la popolazione»

Un istmo nel Benaco formatosi a causa del basso livello delle acque, frotte di turisti accorsi per percorrerlo; gabbiani morti sulla spiaggia e lo spettro dell'aviaria, la situazione del bacino si fa sempre più grave

di Renato Andreolassi
27 febbraio 2023 | 11:50
 

Gran siccità e aviaria: l'inverno 20022/23 sul Lago di Garda sarà ricordato come l'anno delle anomalie e dei record. Entrerà sicuramente negli annali della storia, la ''camminata'' sulle acque, o meglio sull'istmo che da porto Torchio di Manerba si allunga fino all'isola di San Biagio, o isola dei conigli. Una striscia di sabbia e ghiaia larga 1 metro e lunga 100 metri. Un evento che accade raramente, almeno a memoria d'uomo e che ha richiamato fino a ieri, migliaia di persone.

Siccità e aviaria aumenta la preoccupazione sul Lago di Garda

Problemi di ordine pubblico a causa dell‘arrivo di molti turisti

Curiosi e turisti hanno affollato come non mai, a causa appunto delle acque basse, l'isolotto, tanto da creare non pochi problemi di ordine pubblico (legati anche alla maleducazione di chi non rispetta nulla) fino a ipotizzare l'istituzione del numero chiuso. La speranza è che torni presto a piovere non solo per innalzare i livelli e scongiurare la siccità, ma anche e soprattutto per tutelare  le sponde del lago alle prese con un altro grosso problema: la moria di gabbiani il rischio di diffusione dell'aviaria.

La situazione monitorata e i consigli dell'Ats

L'Ats di Brescia sta monitorando e controllando gli allevamenti di polli e tacchini. «Sono preoccupato - ha dichiarato di recente il direttore generale dell'Ats di Brescia, Claudio Sileo - per la costante crescita delle carcasse degli animali trovate sulle spiagge e fra i canneti da Sirmione , Desenzano e Padenghe. Non ci sono problemi per la salute umana, potrebbero esserci invece questioni di contaminazione per il settore avicolo». Già oltre un centinaio i gabbiani morti e portati  via dal personale sanitario e dai carabinieri forestali.

 

«Il rischio- dicono sempre i tecnici dell'Ats- per la popolazione in generale è da ritenersi basso. E' opportuno tuttavia raccomandare, senza alimentare allarmismi, di evitare il contatto diretto con i  selvatici, in particolare nel caso appaiano malati o deceduti, è di non provvedere autonomamente alla raccolta e allo smaltimento delle carcasse. Va segnalata alle autorità competenti  la presenza di tali anomalie; soprattutto evitare ogni contatto con pollame d'allevamento». Precauzione  e cautela quindi e denuncia alle autorità sanitarie. Anche i pescatori professionisti lanciano l'allarme per i molti volatili che galleggiano sulle acque e segnalano: «Sui laghi di Garda e Iseo le troppe colonie di cormorani che si nutrono quotidianamente di migliaia di pesci. Sono a rischio di estinzione molte specie».

© Riproduzione riservata STAMPA

 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
       



Giordana Talamona
Notte Rossa
Siggi

Prugne della California