Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
giovedì 18 aprile 2024  | aggiornato alle 22:16 | 104686 articoli pubblicati

In Italia

I superalcolici si acquistano sempre più online. Il gin e la vodka “battono” il vino

Secondo un sondaggio del portale Idealo circa il 21% dei consumatori italiani ha fatto almeno un acquisto online in questo settore negli ultimi tre mesi. La crescita di interesse legata ai vini nell’ultimo anno è stata di 0,5%

 
21 marzo 2023 | 15:21

I superalcolici si acquistano sempre più online. Il gin e la vodka “battono” il vino

Secondo un sondaggio del portale Idealo circa il 21% dei consumatori italiani ha fatto almeno un acquisto online in questo settore negli ultimi tre mesi. La crescita di interesse legata ai vini nell’ultimo anno è stata di 0,5%

21 marzo 2023 | 15:21
 

Linteresse online nei confronti degli alcolici è effettivamente cresciuto anche in Italia? Idealo, portale internazionale tra i principali in Europa nella comparazione prezzi, cerca di dare una risposta a questa domanda. Innanzitutto, il comparto food & beverage nel nostro paese continua a farsi sempre più spazio. Secondo un recente sondaggio di Kantar per idealo, infatti, circa il 21% dei consumatori italiani ha fatto almeno un acquisto online in questo settore negli ultimi tre mesi, con picchi del 24% nella fascia 35-44 anni.

I superalcolici si acquistano sempre più online. Il gin e la vodka “battono” il vino

L’interesse online nei confronti degli alcolici è effettivamente cresciuto anche in Italia

Il 97% delle intenzioni di acquisto nel settore beverage è relativo agli alcolici

In dettaglio, sul portale italiano di idealo, il 97% delle intenzioni di acquisto legate al comparto beverage è relativo al mondo degli alcolici e solo il 3% a bevande analcoliche. Nel corso dell’ultimo anno, il 31% di quanti abbiano comparato prezzi e prodotti nel settore beverage si è indirizzato su “spumanti, prosecchi & champagne”, il 12% su liquori e whiskey e circa l’11% su gin, rum e vini.

Il gin piace sempre di più

Gli incrementi più significativi rispetto all’anno precedente sono stati registrati sul comparto gin, il cui interesse è cresciuto dell’89%; seguono a ruota vodka (+75%), superalcolici (+53%), liquori (+46%), cognac & brandy (+40%), rum (+22%) e spumanti, prosecchi e champagne (+16%). Questi dati mettono in luce come gli incrementi maggiori siano relativi principalmente al comparato dei superalcolici, basti pensare che la crescita di interesse legata ai vini nell’ultimo anno è stata pari solo allo 0,5%.

Il primato italiano

Un primato tutto italiano che curiosamente si distanzia molto dai dati registrati nel resto d’Europa. Basti pensare che negli altri paesi in cui è presente idealo (Germania, Austria, Francia, Spagna e UK), i maggiori aumenti di interesse sono stati registrati sul comparto birra (+56% rispetto allo scorso anno) e vino (+53%), mentre i gin e i whiskey hanno segnato numeri negativi (in dettaglio, -3% i gin e -2% i whiskey).

Favoriti dal tasso di inflazione minore

La crescita dell’interesse online nei confronti degli alcolici può essere anche stata favorita da un tasso di inflazione minore rispetto ad altri settori merceologici. Infatti – ad eccezione delle birre che in media hanno fatto registrare un aumento di costi superiore al 30% - liquori, gin, vodka e spumanti hanno segnato aumenti di prezzo tra l’1% e il 6%, mentre rum, vini, whisky, cognac & brandy hanno fatto registrare costi inferiori rispetto all’anno precedente.

 

Grandi anche i risparmi per gli acquisti online

Al contempo, anche i risparmi per chi decide di acquistare online sono sempre più consistenti: nell’ultimo anno chi ha acquistato sui canali digitali i liquori ha risparmiato fino al 58%, per i superalcolici fino al 20%, per cognac & brandy, spumanti, whiskey, rum e vodka tra il 10 ed il 15%.


«Premessa l’importanza di un consumo moderato e consapevole di alcol, l’aumento di interesse online nei confronti del comparto testimonia lo sviluppo del settore beverage in Italia ed il buono stato di salute dei tanti e-shop nati nel corso della pandemia.– ha commentato Antonio Pilello, responsabile della comunicazione di idealo per l’Italia - Livelli di inflazione più bassi, risparmi elevati ed un’offerta molto vasta stanno sostenendo il settore, con trend di crescita consistenti anche per il mondo dell’analcolico. Per quanto i volumi di ricerca restino più bassi rispetto agli alcolici, l’interesse nei confronti delle bevande analcoliche è infatti cresciuto dell’86% rispetto allo scorso anno».

© Riproduzione riservata STAMPA

 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
       


Siggi
Di Marco
Giordana Talamona
Mulino Caputo

Siggi
Di Marco
Giordana Talamona

Mulino Caputo
Molino Grassi
Schar