Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
venerdì 19 aprile 2024  | aggiornato alle 10:43 | 104689 articoli pubblicati

Eurovision Mania: in quali Paesi è più popolare?

La classifica dei Paesi in cui l’Eurovision è più popolare per numero di ricerche in rapporto alla popolazione

 
11 maggio 2023 | 16:03

Eurovision Mania: in quali Paesi è più popolare?

La classifica dei Paesi in cui l’Eurovision è più popolare per numero di ricerche in rapporto alla popolazione

11 maggio 2023 | 16:03
 

Non in tutta Europa è popolare allo stesso modo e noi italiani lo sappiamo bene: dall’aver dominato la manifestazione per decenni, all’oblio degli anni ‘90, fino alla rinascita negli ultimi 10 anni coronata con la vittoria e la conseguente organizzazione dell’evento stesso lo scorso anno a Torino. Ma ad oggi quanto è popolare l’Eurovision in Italia? E com’è messa l’Italia in tal senso rispetto agli altri Paesi europei? Holidu, portale di prenotazione di case e appartamenti vacanza tra i più rilevanti d’Europa, ha realizzato la classifica dei Paesi in cui l’Eurovision è più popolare considerando il numero di ricerche web in rapporto alla popolazione.

 
Posizione Paese Partecipante Volume di ricerca su 100.000 abitanti
1 Spagna 1318
2 Svezia 900
3 Grecia 876
4 Lituania 839
5 Regno Unito 820
6-36 ...  
37 San Marino 0

Fonte e classifica completa di tutte le posizioni con volumi di ricerca e punteggio per ciascun Paese è disponibile alla pagina: https://www.holidu.it/casa-vacanze/europa#eurovision-mania

L’Eurofestival è molto di più di una semplice gara musicale…

Quando nel 1956 si tenne in Svizzera il primo Eurovision Song Contest (ESC), l'obiettivo principale era quello di celebrare la pace e unire l'Europa dopo gli orrori della Seconda Guerra Mondiale. Nel tempo, a mano a mano che (tra alti e bassi) questo obiettivo diventava sempre più una realtà e l’evento sempre più un’abitudine dei cittadini del vecchio continente, la manifestazione è diventata un vero e proprio fenomeno di costume, uno dei simboli del pop paneuropeo. E dunque poco importa che, salvo poche e lodevoli eccezioni, il livello musicale sia lungi dall’essere elevato, e poco conta se l’offerta spazi dalla drammatica ballata pop al canto d'opera fino ai suoni etnici folkloristici dell’est Europa: il continente in senso lato si unisce da decenni davanti ad uno schermo e attorno alle medesime canzoni per una settimana l’anno celebrando l’unicità di ciascuna cultura. Lo scopo è partecipare, certo, ma anche vincere: in ballo per il Paese vincitore una vetrina lunga un anno e la possibilità di attrarre una quantità notevole di turisti con un indotto economico non irrilevante per la città ospitante.

Eurovision Mania: in quali Paesi è più popolare?



Ma veniamo alla classifica.

  1. Spagna | Volume di ricerca totale su 100.000 abitanti: 1318

La Spagna è il Paese più appassionato all'Eurovision Song Contest secondo questa ricerca, con un volume di ricerca complessivo di 625.000. Nonostante l'ultimo successo risalga al lontano 1969, lo scorso anno il Paese ha ottenuto il suo miglior risultato dal 1995 grazie a Chanel e alla sua canzone "SloMo". Anche quest'anno, la canzone vincitrice delle eliminatorie nazionali del "Benidorm Fest" promette di essere altrettanto entusiasmante, come dimostrano i pronostici dei bookmaker. I fan spagnoli possono quindi aspettarsi uno spettacolo di alto livello anche in questa edizione della manifestazione.

In gara quest'anno: Blanca Paloma con "Eaea”

  2. Svezia | Volume di ricerca totale su 100.000 abitanti: 900

La Svezia si posiziona al secondo posto in questa speciale classifica. E la cosa non sorprende affatto: il Paese ha ottenuto la sua prima vittoria nel lontano 1974 con gli ABBA e il loro iconico brano "Waterloo". Da allora, la Svezia ha continuato ad avere un grande successo. Non solo il concorso preliminare annuale "Melodifestivalen" riscuote molto favore dai fan internazionali, ma la Svezia è anche il secondo Paese più vincente nella storia del concorso, con ben sei vittorie. Solo nell'ultimo decennio, la Svezia ha trionfato due volte, con Loreen e la sua canzone "Euphoria" e Måns Zelmerlöw e "Heroes". Quest'anno, Loreen torna sul palco a rappresentare il suo Paese e, secondo i bookmaker, ha grandi chance di riportare il concorso in terra svedese nel 2024.

In gara quest'anno: Loreen con "Tattoo"

  3. Grecia | Volume di ricerca totale su 100.000 abitanti: 876

Al terzo posto della classifica troviamo la Grecia. Il Paese è noto per la sua storia culturale e musicale, il che spiega perché le canzoni greche si distinguano spesso per le loro sonorità tradizionali. L'Eurovision fa parte dell'identità nazionale dei greci e offre loro l'opportunità di esprimere musicalmente sul palco il loro ricco patrimonio. La Grecia ha partecipato per la prima volta al concorso nel 1979 e da allora non ha mai saltato una edizione. Con la cantante Helena Paparizou, il Paese ellenico ha già vinto l'Eurovision nel 2005 e si è sempre qualificato per le finali ad eccezione di due sole volte (nel 2016 e nel 2018).

In gara quest'anno: Victor Vernicos con "What They Say”

  4. Lituania | Volume di ricerca totale su 100.000 abitanti: 839

La Lituania si posiziona al quarto posto nella classifica, grazie alla sua ricca scena musicale tradizionale che viene spesso portata su questo palco. Tale risultato è molto superiore rispetto agli altri due stati baltici, l'Estonia e la Lettonia, che si sono piazzati rispettivamente al 21° e 29° posto in questa classifica. Una possibile ragione di questo piazzamento potrebbe essere il desiderio dei lituani di ottenere la loro prima vittoria nella competizione. A differenza dell'Estonia e della Lettonia, infatti, la Lituania non è mai riuscita a portare a casa il prestigioso trofeo di vetro.

In gara quest'anno: Monika Linkyte con "Stay".

  5. Regno Unito | Volume di ricerca totale su 100.000 abitanti: 820

Al quinto posto troviamo il Paese che ospita la manifestazione ben 25 anni dopo l’ultima volta e subentrato all'Ucraina, vincitrice dello scorso anno ma che, per ovvi motivi, non può ospitare l’evento. Dopo molti anni di piazzamenti in fondo alla classifica finale e dopo aver toccato il fondo con l’ultimo posto e zero punti due anni fa, lo scorso anno il Regno Unito ha ottenuto un lusinghiero secondo posto, il suo miglior risultato dal 1998, forse proprio come rivalsa rispetto ai flop precedenti. Appuntamento a Liverpool!

In gara quest'anno: Mae Muller con "I Wrote a Song".

  6. Finlandia  | Volume di ricerca totale su 100.000 abitanti: 810

La Finlandia ottiene un ottimo sesto posto in questa classifica. Fin dal suo debutto nel 1961, il Paese ha presentato proposte innovative e insolite che hanno sorpreso i fan europei. In particolare, il genere "metal" è spesso scelto dalla Finlandia per lasciare un'impronta di originalità agli occhi del pubblico internazionale e proprio con una proposta di questo genere, il Paese è riuscito a vincere nel 2006 con i sorprendenti Lordi. Questa vittoria ha avuto un impatto significativo sulla scena musicale finlandese, portando alla popolarità di numerosi artisti del Paese.

In gara quest'anno: Käärijä con "Cha Cha Cha"

  7. Italia | Volume di ricerca totale su 100.000 abitanti: 701

E chi l’avrebbe mai detto di vedere l’Italia al settimo posto in questa speciale classifica nonostante una ventina di anni di assenza dalla competizione? La cosa sorprende ma non troppo: in concomitanza con l’odierno periodo d’oro del Festival di Sanremo, sin dal ritorno in gara nel 2011, l’Eurovision è lentamente tornato in auge nel nostro Paese fino alla vittoria dei Maneskin due anni e fa e all’organizzazione dell’evento lo scorso anno a Torino. Da un po’ di anni la Rai ha deciso di mandare in Europa la canzone vincitrice di Sanremo e quest’anno tocca a Marco Mengoni, che torna esattamente 10 anni dopo “L’Essenziale”.

In gara quest'anno: Marco Mengoni con "Due vite”

  8. Norvegia | Volume di ricerca totale su 100.000 abitanti: 669

La Norvegia è ottava in questa speciale classifica, ma ciò che più conta è che quest’anno la Norvegia parli italiano e non è una battuta: a rappresentarla, infatti, ci sarà Alessandra Mele, in arte solo Alessandra (nome con un evidente basso rischio di omonimia nei paesi scandinavi). Di padre italiano e madre norvegese, è cresciuta in Liguria, precisamente a Cisano sul Neva in provincia di Savona. Perfettamente bilingue, dopo la scuola si è trasferita in Norvegia cercando il successo musicale, partecipando all’edizione locale di “The Voice” e vincendo la selezione nazionale che l’ha portata a Liverpool. Nel palmares la Norvegia ha 3 vittorie, l’ultima con “Fairytale” di Alexander Rybak nel 2009. Quest’anno Alessandra canta il tema dell’autoaccettazione; a Liverpool lo farà in inglese ma ha realizzato anche una versione italiana del brano facilmente reperibile online.

 In gara quest'anno: Alessandra con "Queen of Kings”

   9. Irlanda | Volume di ricerca totale su 100.000 abitanti: 643

Al nono posto di questa classifica, il Paese con più vittorie: sono 7 di cui ben tre di fila negli anni '90 (1992, 1993 e 1994). Tuttavia, l'ultimo trionfo dell'Irlanda risale a più di 25 anni fa con risultati altalenanti nell'ultimo decennio. Ciononostante gli irlandesi non hanno perso la passione verso il concorso e non mancano ogni anno di fare il tifo per la qualificazione alla finale del sabato.

 In gara quest'anno: Wild Youth con "We Are One”

   10. Paesi Bassi | Volume di ricerca totale su 100.000 abitanti: 520

L'ultima posizione della Top 10 è occupata dall’Olanda, che partecipa all'Eurovision Song Contest sin dalla sua prima edizione nel 1956 e vanta cinque vittorie nel concorso, l’ultima delle quali nel 2019 dal cantante Duncan Lawrence con "Arcade". Nonostante abbiano vissuto un periodo difficile con 8 finali mancate consecutive prima del 2013, i Paesi Bassi hanno ottenuto risultati superiori alla media negli ultimi dieci anni, regalando ai loro fan grandi soddisfazioni.

In gara quest'anno: Mia Nicolai & Dion Cooper con "Burning Daylight".

Altri Paesi da tenere d’occhio

Secondo i bookmaker favorita sembra essere la Svezia, seguita dalla Finlandia e dalla Francia, rappresentata quest’anno da La Zarra, artista francofona canadese. Si prevede un buon piazzamento anche per la Spagna ma anche per Israele, rappresentata da Noa Kirel che canterà “Unicorn”. Marco Mengoni, secondo sempre i bookmaker, è candidato a classificarsi nella parte bassa della top 10 appena sopra i padroni di casa del Regno Unito, mentre la Germania, pur non arrivando ultima a zero punti, rischia ugualmente l’ennesimo risultato negativo.

La classifica completa di tutte le posizioni con volumi di ricerca e punteggio per ciascun Paese è disponibile alla pagina: https://www.holidu.it/casa-vacanze/europa#eurovision-mania

Metodologia:

Lo studio è stato preparato da Holidu, sulla base del volume di ricerca su Google* del rispettivo Paese. Sono stati presi in considerazione i 37 Paesi che partecipano all'Eurovision Song Contest di quest'anno. Per ogni Paese sono state esaminate le ricerche medie mensili degli ultimi 12 mesi per le tre parole chiave "Eurovision", "Eurovision 2022" e "Eurovision 2023". Inoltre, è stata inclusa una quarta parola chiave, quella più ricercata nella rispettiva lingua o nelle rispettive lingue nazionali di ciascun Paese (ad esempio, per la Finlandia "Euroviisut 2022" o per la Polonia "Eurowizja 2022"), al fine di ottenere dei risultati il più possibile realistici. Infine sono stati sommati i volumi di ricerca di tutte e quattro le parole chiave e sono stati messi in relazione con le dimensioni della popolazione. In questo modo è stato possibile determinare in quali Paesi l'Eurovision Song Contest è più popolare.

Volume di ricerca

Il volume di ricerca descrive il numero di ricerche medie mensili per una determinata parola chiave, ovvero la frequenza con cui un termine viene digitato su un motore di ricerca.

© Riproduzione riservata STAMPA

 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
       



Schar
Consorzio Barbera Asti

Delyce
Fonte Margherita