Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
mercoledì 29 maggio 2024  | aggiornato alle 02:11 | 105458 articoli pubblicati

Roero
Salomon FoodWorld
Roero

Troppo stress, lascia il ristorante e diventa riciclatore

Cristian Viola, ex ristoratore di Bardolino (Vr), ha lasciato la vita da ristorante a causa dei ritmi stressanti che stavano minando la sua salute. Ora riqualifica luoghi abbandonati, lavorando a stretto contatto con la natura

 
22 aprile 2024 | 12:51

Troppo stress, lascia il ristorante e diventa riciclatore

Cristian Viola, ex ristoratore di Bardolino (Vr), ha lasciato la vita da ristorante a causa dei ritmi stressanti che stavano minando la sua salute. Ora riqualifica luoghi abbandonati, lavorando a stretto contatto con la natura

22 aprile 2024 | 12:51
 

Lavorare nella ristorazione sembrerebbe sempre meno sostenibile per la salute. E non stiamo parlando solo di cucina stellata (chi non ricorda le motivazioni date da René Redzepi all’annuncio della chiusura del Noma di Copenaghen: rivedere costi e ritmi di lavoro diventati ormai insostenibili). L’ultimo caso è quello di Cristian Viola (noto come Tita) ex ristoratore con il fratello a Bardolino (Vr) che ha deciso di abbandonare la vita da ristorante a causa dei ritmi stressanti che stavano minando la sua salute. «Ritmi stressanti e a un certo punto ho dovuto smettere, perché ho capito che mi stavo uccidendo con le mie mani» ha detto Viola a L’Arena. In lui la voglia di riqualificare luoghi abbandonati, lavorando a stretto contatto con la natura.

Troppo stress, lascia il ristorante e diventa riciclatore

Cristian Viola al lavoro

Cristian Viola: addio al ristorante, diventa riciclatore

Amore per la natura che all’inizio ha portato Viola a coltivare verdura biologica sulle colline sopra Bardolino per venderla ai ristoranti e agli hotel della zona. «Ma non è andata bene», racconta Viola. Da qui la voglia di rimettersi in gioco inseguendo il suo sogno: «Ho iniziato a ripulire a mano i terreni incolti reinventandomi “riciclatore” di scarti vegetali».

Il suo impegno consiste nel liberare terreni soffocati da rovi, spine, edere e piante infestanti, operando con un cesello rigorosamente a mano. Ciò che riesce a recuperare durante questo processo viene utilizzato per costruire steccati ecologici ed ecompatibili, unendo così la sua passione per l'ambiente alla sua abilità nel recupero dei materiali.

Uno dei suoi sogni è quello di sostituire la recinzione in ferro dell'asilo di via Dante Alighieri, ora abbattuto e in fase di ricostruzione, con una barriera vegetale composta da rovi, noccioli, robinie e canne, al fine di offrire una preziosa lezione di natura ai bambini del paese.

Il riciclatore Cristian Viola e il progetto Laudato si’” di Bardolino

Grazie al progetto "Laudato si’", ispirato all'enciclica di Papa Francesco che promuove l'ecologia integrale, Viola ha trovato una nuova opportunità. In collaborazione con i servizi sociali del Comune di Bardolino e l'associazione "Comunità dei giovani - Oltre il confine", ha contribuito alla pulizia dei terreni incolti lungo il torrente San Severo, utilizzando solo la forza fisica e le cesoie, senza l'ausilio di attrezzi meccanici.

Il sindaco Lauro Sabaini, insieme alla vice Katia Lonardi e alla consigliera Carlotta Bonuzzi, ha recentemente visitato i luoghi ripuliti, apprezzando l'impegno di Viola e sottolineando l'importanza del progetto "Laudato si’" nel promuovere il rispetto per la natura. Don Paolo Bolognani, presidente della "Comunità dei giovani - Oltre il confine", ha espresso la speranza che esperienze simili possano nascere anche in altri comuni, ispirandosi al lavoro e alla dedizione di Cristian Viola.

© Riproduzione riservata STAMPA

 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
       


Molino Colombo
Molino Dallagiovanna
Bergader
Consorzio Barbera Asti

Molino Colombo
Molino Dallagiovanna
Bergader

Consorzio Barbera Asti
Festival Brodetto 2024
Fonte Margherita