Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
lunedì 04 marzo 2024  | aggiornato alle 23:24 | 103610 articoli pubblicati

Ristoranti aperti a... porte chiuse Veneto, caos dopo nuova ordinanza

Il governatore Luca Zaia ha firmato un provvedimento che consente ai locali di riaprire, ma senza specificare quali comportamenti si dovranno rispettare. E tanti ristoratori tengono chiuso. Alessandro Milani (Confartigianato): «Mancano le linee guida, non sappiamo come comportarci».

di Sergio Cotti
06 maggio 2020 | 14:00
Ristoranti aperti a... porte chiuse 
Veneto, caos dopo nuova ordinanza
Ristoranti aperti a... porte chiuse 
Veneto, caos dopo nuova ordinanza

Ristoranti aperti a... porte chiuse Veneto, caos dopo nuova ordinanza

Il governatore Luca Zaia ha firmato un provvedimento che consente ai locali di riaprire, ma senza specificare quali comportamenti si dovranno rispettare. E tanti ristoratori tengono chiuso. Alessandro Milani (Confartigianato): «Mancano le linee guida, non sappiamo come comportarci».

di Sergio Cotti
06 maggio 2020 | 14:00
 

Ristoranti aperti, ma… a porte chiuse. Una contraddizione in termini, che sta mandando in crisi migliaia di ristoratori veneti. A spiazzare l’intera categoria è l’ennesima ordinanza regionale. Dopo quella della Calabria, ora a creare scompiglio nel settore è quella firmata due giorni fa dal governatore della Regione Veneto Luca Zaia. Poche regole, confuse, e molto (troppo) lasciato all’iniziativa dei ristoratori, che non sanno letteralmente che pesci prendere.

Alessandro Milani (in primo piano) insieme al collega Piergiorgio Zavatti - Ristoranti aperti a... porte chiuse Veneto, caos dopo nuova ordinanza

Alessandro Milani (in primo piano) insieme al collega Piergiorgio Zavatti

In sostanza, i ristoranti possono aprire, purché effettuino esclusivamente un servizio-mensa per i lavoratori dei cantieri, e a patto che tra il locale e le aziende che decidono di usufruire del servizio venga firmata una sorta di “contratto” in cui appaiono i nomi dei lavoratori che si siedono ogni giorno ai tavoli del locale. Una procedura macchinosa e piena di lacune, secondo gli addetti ai lavori, che per ora in massa hanno deciso di restare chiusi.

«Si tratta dell’ennesimo provvedimento del nostro governatore che, facendo lo slalom tra i paletti dei vari decreti, sta cercando in qualche modo di far riaprire le attività», spiega Alessandro Milani, titolare della trattoria El Piron di Bassano del Grappa (Vi) e rappresentante locale di Confartigianato.

«Bene la riapertura – prosegue – ma c’è un problema grosso: non ci sono ancora le linee guida sulle norme di sicurezza. Non sappiamo se e come prendere la temperatura ai clienti, come organizzare il personale e i tavoli. Sull’ordinanza sta scritto che dobbiamo separare i lavoratori di aziende diverse, facendoli sedere in sale separate, ma non tutti possiedono più ambienti e non si possono riservare sale magari soltanto per un paio di clienti». Insomma, il caos più totale.

Luca Zaia - Ristoranti aperti a... porte chiuse Veneto, caos dopo nuova ordinanza
Luca Zaia

Ma cosa dice di preciso l’ordinanza del governatore Luca Zaia? Ecco lo stralcio che interessa da vicino i ristoratori: “In attuazione della lett. aa) dell’art. 1, DPCM 26.4.2020, è consentita l’effettuazione, previo apposito contratto, di attività di mensa per addetti di una o più imprese, presso esercizi chiusi al pubblico. Possono essere ammessi solo i lavoratori nominativamente indicati dal rispettivo datore di lavoro e nel rispetto dell’orario predeterminato, suddiviso in turni. Devono essere rispettati il distanziamento di almeno m. 1 e le norme igienico sanitarie. In caso di presenza di addetti di più imprese, deve essere garantito l’uso di sale separate tra addetti di imprese distinte. Tra un turno e il successivo devono essere effettuate arieggiatura e sanificazione dei locali, in particolare per quanto riguarda i bagni, senza permanenza di persone in attesa all’interno o all’esterno del locale. Il personale di sala deve utilizzare la mascherina e cambiare i guanti tra i turni. Se possibile, entrata e uscita devono essere separate. L’esercente dà comunicazione preventiva del servizio al comune”.

Insomma, una serie di disposizioni che i ristoratori non sanno come attuare, non ultima la procedura che impone al commerciante di comunicare al Comune l’avvio del servizio. E ancora: come garantire che non si formino code fuori dal locale, durante le operazioni di sanificazione? «Non vorrei che la pezza, come si dice in questi casi, non faccia più danni dello strappo», è la considerazione amara di Alessandro Milani, che nel frattempo ha deciso, insieme alla stragrande maggioranza dei suoi colleghi, di tenere le porte chiuse e pure le serrande abbassate.

© Riproduzione riservata STAMPA

 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
       


Italmill
Tipicità
ros
Molino Grassi

Italmill
Tipicità
ros

Molino Grassi