Ros Forniture Alberghiere
Rotari
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
martedì 10 dicembre 2019 | aggiornato alle 01:33| 62477 articoli in archivio
Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
HOME     BEVANDE     TENDENZE e MERCATO

Accise, la nuova regola sui pagamenti
penalizza le aziende vittime di furto

Accise, la nuova regola sui pagamenti 
penalizza le aziende vittime di furto
Accise, la nuova regola sui pagamenti penalizza le aziende vittime di furto
Primo Piano del 06 marzo 2015 | 16:14

Il decreto Milleproroghe prevede che fino al 31 dicembre 2017 si sospenda il pagamento delle accise per gli imprenditori derubati. Per il presidente di AssoDistil Emaldi serve rivedere la normativa: la sospensiva è valida solo in presenza di procedimenti penali chiusi entro l'entrata in vigore del decreto

«Un passo importantissimo, ma è tempo di fare di più». Antonio Emaldi, presidente di AssoDistil, l'Associazione nazionale dei distillatori, dopo la recente approvazione del decreto Milleproroghe, chiede ufficialmente di rivedere le norme fiscali sul pagamento delle accise da parte delle aziende che hanno subito un furto d'alcol. Il decreto, passato al Senato pochi giorni fa, ha infatti stabilito il differimento al 31 dicembre 2017 della “pretesa tributaria nei confronti del soggetto obbligato al pagamento dell'accisa”.



Inoltre impone di posticipare il pagamento della tassa “in attesa di apposita regolamentazione dell'estinzione della pretesa tributaria”. Un'apertura fondamentale nei confronti del comparto, che più volte in passato, ha richiesto la possibilità di “abbuono” delle imposte sull'alcol in caso di furto o rapina. Fino ad oggi, «oltre al danno - aggiunge il presidente Emaldi - i distillatori dovevano sopportare anche la beffa di vedersi richiedere, da parte degli uffici fiscali, il pagamento dell’accisa come se il prodotto rubato fosse stato regolarmente venduto. Questa iniquità ha accelerato la chiusura di molte aziende, incapaci di corrispondere le somme dovute».

La sospensiva del Milleproroghe fino al 2017 è ammessa soltanto in presenza di un procedimento penale già concluso e definito “alla data di entrata in vigore del decreto legislativo 29 marzo 2010, n. 48”, vale a dire il provvedimento di attuazione della direttiva 2008/118/CE sulle accise. Quindi, chi ha definito la propria posizione giudiziaria in ambito penale dopo quella data non potrà avvalersi della norma. Il problema è che la disposizione esclude così un buon numero di imprese, colpite da furti e rapine, in rapido aumento negli ultimi anni.

«Abbiamo più volte segnalato - sottolinea il leader di AssoDistil - la recrudescenza di episodi di criminalità organizzata tesi alla sottrazione di alcol trasportato su autocisterne. Tali eventi avvengono in maniera sempre più sistematica e violenta da parte di associazioni per delinquere, finalizzate al contrabbando di prodotti alcolici. La sensazione è che in alcune aree del territorio nazionale non sia più garantita la sicurezza per gli operatori del settore distillatorio». Anche per questo, la revisione delle regole fiscali, per gli industriali del settore, è ormai all'ordine del giorno.

«È tempo di riscrivere la norma - rilancia il presidente Emaldi - prevedendo un'adeguata “clausola di salvaguardia” per le imprese che rischiano l'accanimento fiscale, in caso di rapina o furto d'alcol, quando sia dimostrata la loro estraneità ai fatti criminosi. Molti produttori di altri Paesi europei condividono tale posizione e sono pronti a sostenerci in ambito Ue per una battaglia di legalità e di giustizia».

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


accisa alcol distillato AssoDistil decreto legge furto Antonio Emaldi

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160
& Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).