Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
martedì 05 marzo 2024  | aggiornato alle 14:32 | 103628 articoli pubblicati

Il Pagliaccio e L’Olivo entrano ne "Les Grandes Tables du Monde"

I due ristoranti bistellati sono gli unici italiani (su 12 new entry straniere) ad essere entrati quest'anno nella guida che è stata presentata a Parigi. L'associazione conta 188 membri, di cui il 60% fuori dalla Francia.

 
28 gennaio 2020 | 19:28

Il Pagliaccio e L’Olivo entrano ne "Les Grandes Tables du Monde"

I due ristoranti bistellati sono gli unici italiani (su 12 new entry straniere) ad essere entrati quest'anno nella guida che è stata presentata a Parigi. L'associazione conta 188 membri, di cui il 60% fuori dalla Francia.

28 gennaio 2020 | 19:28
 

Ci sono due ristoranti italiani nella Guida Les Grandes Tables du Monde, la cui edizione 2020 è stata presentata a Parigi. Già annunciato ad ottobre come membro ufficiale dell'Associazione, che si era riunita in occasione del 65° congresso a Saint-Jean-Cap-Ferrat, in Provenza, il ristorante due stelle Michelin Il Pagliaccio di Roma dello chef stellato Anthony Genovese è entrato nella Guida 2020 come “uno dei migliori al mondo”.

Il team de Il Pagliaccio (Il Pagliaccio e L’Olivo new entry ne Les Grandes Tables du Monde)

Il team de Il Pagliaccio

«L’Associazione riserva la massima attenzione nella valutazione delle strutture ristorative applicando rigidi criteri di ammissione che vanno a preservare l'esclusività dei ristoranti che rientrano in questi standard qualitativi – si legge in una nota – Per questo motivo l'ingresso rappresenta per Il Pagliaccio un importante traguardo raggiunto, una dimostrazione dell'eccellenza che il ristorante riserva ai suoi ospiti e della cura che pone nello spingere sempre più avanti la propria idea di ristorazione di alto livello".

La brigata di cucina de L'Olivo (Il Pagliaccio e L’Olivo new entry ne Les Grandes Tables du Monde)
La brigata di cucina de L'Olivo

Insieme al ristorante romano, tra i 12 nuovi membri stranieri, l’unico italiano presente da quest’anno è il bistellato L'Olivo di Andrea Migliaccio a Capri. «La particolare attenzione ai sapori mediterranei, reinterpretati con eleganza e raffinatezza dallo chef, e la cura di ogni dettaglio ne fanno un luogo raro», si legge nella presentazione della guida.
Con 188 membri in 25 Paesi e 392 stelle sul bancone (il 60% sono all'estero), l'associazione rappresenta una delle più grandi comunità di tavoli stellati del mondo.

© Riproduzione riservata STAMPA

 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
       


Ristorexpo
Tirreno CT
Nomacorc Vinventions
Cantine Collalto

Ristorexpo
Tirreno CT
Nomacorc Vinventions

Cantine Collalto
Siggi
Julius Meiln