Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
mercoledì 19 giugno 2024  | aggiornato alle 00:41 | 105944 articoli pubblicati

Elle & Vire
Siad
Siad

In alto i calici

A Bologna Slow Wine Fair 2024: il diritto a un suolo sano per un vino sano

Tre giorni dedicati al vino buono, pulito e giusto. La 3.a edizione della fiera, organizzata da BolognaFiere e SANA, Salone Internazionale del Biologico e del Naturale, con la direzione artistica di Slow Food. Dal 25 al 27 febbraio

 
07 novembre 2023 | 16:38

A Bologna Slow Wine Fair 2024: il diritto a un suolo sano per un vino sano

Tre giorni dedicati al vino buono, pulito e giusto. La 3.a edizione della fiera, organizzata da BolognaFiere e SANA, Salone Internazionale del Biologico e del Naturale, con la direzione artistica di Slow Food. Dal 25 al 27 febbraio

07 novembre 2023 | 16:38
 

Slow Wine Fair torna a Bologna dal 25 al 27 febbraio. Sul sito della manifestazione è già possibile prenotare le prime Masterclass in programma e registrarsi alle conferenze online, accedere alla lista delle prime 400 cantine già selezionate nel catalogo della fiera e candidare il proprio “locale del cuore” per il Premio Carta Vini Terroir e Spirito Slow.

A Bologna Slow Wine Fair 2024: il diritto a un suolo sano per un vino sano

Slow Wine Fair, si avvicina la terza edizione

Slow Wine Fair: i numeri dell'edizione 2023: oltre 10.000 ingressi

La seconda edizione di Slow Wine Fair, a febbraio 2023, ha fatto registrare oltre 10.000 ingressi e una forte presenza di operatori del settore, tra cui alcune centinaia di buyer provenienti dall'estero. Numeri che, sommati alle oltre 750 cantine (+50% rispetto alla prima edizione) provenienti da più di 20 Paesi, alle 4.000 etichette del banco d'assaggio e alla nutrita partecipazione di produttori nei 20.000 metri quadrati di spazio espositivo, testimoniano il diffuso interesse nei confronti del vino secondo Slow Food. Al centro della terza edizione di Slow Wine Fair vi è il tema della fertilità del suolo e la sua importanza, dal punto di vista agricolo ma non solo. «Grazie alla vita nel suolo ogni vino rappresenta al meglio il significato della parola terroir. In quei primi 30 cm di terra si conserva il 30% di tutta la biodiversità terrestre, un universo di simbiosi e interrelazione tra microrganismi, funghi e radici che consente alle viti di esprimere aromi specifici esclusivi. Ma il suolo è in grande pericolo - denuncia Federico Varazivicepresidente di Slow Food Italia».

«L'emergenza ambientale che lo riguarda è fra le più sottovalutate. Il 70% di tutti i suoli europei è in uno stato di cattiva salute a causa delle attuali pratiche di gestione, dell'inquinamento, dell'urbanizzazione e degli effetti del cambiamento climatico. Anche l'agricoltura ha le sue responsabilità. Pratiche agricole senza criterio e monocolture intensive hanno accelerato il fenomeno del degrado e dell'erosione quando, invece, il ruolo naturale dell'agricoltura dovrebbe essere quello di restituire al terreno ricchezza e fertilità biologica. Il suolo, come il cibo, deve essere considerato un diritto da garantire a tutti invece che una merce di scambio che sempre più spesso trasforma terreni agricoli e naturali in aree artificiali».

A Bologna Slow Wine Fair 2024: il diritto a un suolo sano per un vino sano

Giancarlo Gariglio, coordinatore Slow Wine Coalition

«Dopo due edizioni di grande successo possiamo sbilanciarci dicendo che la Slow Wine Fair sta prendendo corpo come l'evento del vino più identitario del panorama fieristico nazionale e non solo - sottolinea Giancarlo Gariglio, Coordinatore della Slow Wine Coalition -. Questo grazie a un preciso lavoro sui contenuti che sono al centro del nostro impegno per puntare su una viticoltura in grado di rivoluzionare il sistema agricolo e che presenti il vino al mondo come realmente è: un prodotto della pigiatura dell'uva che, se coltivata in modo virtuoso e seguendo pratiche agronomiche attente a preservare la salute del suolo e la sua vitalità, può contribuire a migliorare la salute del pianeta e a creare un sistema economico e sociale più giusto, rivitalizzando il tessuto dei borghi collinari che rischiano l'abbandono e lo spopolamento».

A Bologna Slow Wine Fair 2024: il diritto a un suolo sano per un vino sano

Slow Wine è anche in formato guida

«Il vino biologico è un settore che continua a crescere, rappresenta un punto di forza per il mercato interno ed è particolarmente apprezzato a livello internazionale, dove vale il 19% delle esportazioni globali di agroalimentare bio italiano. In questo momento, in cui tutta l'agricoltura è messa a dura prova a causa di cambiamenti climatici sempre più estremi e improvvisi, la viticoltura biologica ha mostrato grande resilienza, grazie anche all'importante ruolo dell'innovazione in questo settore. Ritengo che i princìpi e i valori fondanti dell'agroecologia, che puntano sull'incremento della fertilità del suolo e della biodiversità, uniti a costanti investimenti in ricerca e innovazione, costituiscano i fattori chiave affinché la viticoltura bio e, più in generale, il modello agricolo biologico, rappresenti una strategia concreta di contrasto e adattamento ai cambiamenti climatici. La partnership con BolognaFiere e Slow Food, che si concretizza in Slow Wine Fair, valorizza il ruolo centrale della viticoltura biologica per un vino buono, pulito e giusto» ha sottolineato la presidente di FederBio Maria Grazia Mammuccini.

Gli eventi della nuova edizione di Slow Wine Fair

Il ricco programma di Slow Wine Fair si apre con tre conferenze online, in programma il 6 dicembre, il 17 gennaio e il 7 febbraio. Al centro, naturalmente, il tema del suolo, affrontato da diversi punti di vista. Insieme agli esperti Claude e Lydia Bourguignon e a Francesco Sottile, agronomo e membro del board internazionale di Slow Food, si parla di rigenerazione e fertilità del terreno; Saverio Traini, agronomo e vice presidente del Biodistretto San Gimignano, e il sustainability consultant Íñigo Álvarez de Toledo trattano il tema del suolo come bene comune e della necessità che la politica si occupi di tutelarlo. 

A Bologna Slow Wine Fair 2024: il diritto a un suolo sano per un vino sano

A Slow Wine Fair incontri e masterclass con I professionisti del settore

Infine, si discute di suolo come strumento di mitigazione degli effetti del cambiamento climatico, ascoltando gli interventi di Viviana Ferrario, professoressa associata presso l'Università IUAV di Venezia, Francesco Bordini, agronomo e consulente enologico, Pedro Parra, esperto di terroir, e Adriano Zago, direttore di Cambium formazione, primo master internazionale in biodinamica per il vino. Confermate le Masterclass, le degustazioni guidate rivolte agli appassionati e ai professionisti del settore, e dedicate a esplorare il panorama vinicolo italiano e internazionale e l'affascinante mondo degli amari. 

Più di 400 gli espositori già confermati a Slow Wine Fair

Se, in soli due anni, Slow Wine Fair si è affermata come una delle fiere più rilevanti del panorama nazionale e internazionale, il merito è certamente anche degli espositori, la cui selezione comincia sette mesi prima del via ufficiale all'evento. A oggi, sono già più di 400 gli espositori confermati, con un occhio di riguardo a chi produce in biologico e in biodinamico. A Bologna, a febbraio, supereremo le 800 cantine.

A Bologna Slow Wine Fair 2024: il diritto a un suolo sano per un vino sano

Slow Wine Fair: la locandina della terza edizione

Tra i produttori che hanno già confermato la propria presenza, abbiamo rappresentanze dai territori classici, come Austria, Francia, Germania e Spagna, e da quelli tutti ancora da esplorare, come Argentina e Cile, Georgia e Turchia, oltre che Australia e Cina. 

Il Premio Carta Vini Terroir e Spirito Slow

Anche nel 2024 torna il premio Carta Vini Terroir e Spirito Slow, nato dalla collaborazione tra Slow Food e la Milano Wine Week. Il premio è assegnato da appassionati e professionisti a enoteche, ristoranti, osterie, bistrot, pizzerie che valorizzano i vini di una delle categorie territoriali o tematiche in concorso. Dodici quelle protagoniste dell'edizione 2024: otto riguardano le migliori selezioni territoriali, dall'Amarone alla Champagne, passando per Etna, Carso, Romagna, Rodano, Jura e Portogallo; quattro sono invece tematiche: i vini provenienti da vitigni autoctoni, quelli certificati biologici o biodinamici, quelli che spiccano per il rapporto qualità-prezzo e la migliore selezione di vini italiani buoni, puliti e giusti all'estero. 

Buyer e i professionisti tutti i giorni a Slow Wine Fair

Buyer e professionisti, per i quali Slow Wine Fair 2024 sarà aperta tutti i giorni, potranno contare anche sulla forza del digitale, grazie a un servizio di matching fruibile sul sito dell'evento. Come di consueto ampio e variegato il mondo Ho.re.ca, impreziosito dal coinvolgimento della rete di ristoratori amici di Slow Food. L'edizione 2024 della fiera pone l'accento anche su importatori e distributori nazionali, i cui cataloghi rispecchiano la selezione presente all'evento. Infine, la manifestazione può contare su un importante lavoro di scouting degli operatori esteri grazie alla collaborazione con ICE e agenzie specializzate estere: Faye Cardwell (Baviera, Germania), Danitacom (Danimarca), Strive International Consulting Ltd.

Slow Wine Fair
Viale della Fiera 20 - 40128 Bologna

© Riproduzione riservata STAMPA

 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
       


Molino Colombo
Julius Meiln
Molino Pivetti
NTfood
Siad

Molino Colombo
Julius Meiln
Molino Pivetti

NTfood
Siggi
Torrevento