Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
martedì 05 marzo 2024  | aggiornato alle 15:22 | 103632 articoli pubblicati

Alla scoperta di Gorlago, borgo nobile a pochi chilometri da Bergamo

Lambito dal fiume Cherio, Gorlago si trova a soli quindici chilometri dal capoluogo ed è un luogo perfetto da scoprire su due ruote, con il parco Marco Moroni come punto di riferimento

 
22 maggio 2023 | 16:32

Alla scoperta di Gorlago, borgo nobile a pochi chilometri da Bergamo

Lambito dal fiume Cherio, Gorlago si trova a soli quindici chilometri dal capoluogo ed è un luogo perfetto da scoprire su due ruote, con il parco Marco Moroni come punto di riferimento

22 maggio 2023 | 16:32
 

L'Italia, questo si sa, è uno scrigno infinito di gioielli, a volte anche nascosti. Ci sono, infatti, luoghi sconosciuti al turismo e lontani dalle rotte più battute, ma allo stesso tempo capaci di stupire e meritevoli di una visita. Gorlago, piccolo borgo dal nobile passato, lambito dal fiume Cherio, a soli 15 km da Bergamo, che segna il confine tra la pianura e le dolci colline delle Terre del Vescovado, è uno di questi luoghi. Con grande lungimiranza e passione ha deciso di avviare un processo di valorizzazione del centro storico e di alcune sue aree anche al fine di armonizzare il proprio patrimonio, rendendolo una risorsa per l’economia locale e per chi ama il turismo lento, da vivere in bicicletta o per una piacevole uscita fuori porta alla scoperta di inattese meraviglie.

In bicicletta per le vie di Gorlago  Alla scoperta di Gorlago borgo nobile a pochi chilometri da Bergamo

In bicicletta per le vie di Gorlago

Le Trame Nascoste di Gorlago

Il progetto di valorizzazione di Gorlago ha un nome: si chiama "Trame Nascoste" e ha come colonna portante il potenziamento delle infrastrutture per la mobilità lenta, insieme alla costruzione di un nuovo brand territoriale. La bici, quindi, è strumento centrale del progetto, questo anche perché Gorlago si trova in una posizione strategica. Il borgo e il suo parco Moroni sono snodo delle ciclovie Milano-Monaco e Bergamo-Brescia, da cui prendono il via interessanti tracciati legati a “Trame nascoste”, sviluppati anche in collaborazione con Bergamo E-Bike e Terre del Vescovado.

La storia del borgo tra ville e chiese

Per capire un po’ meglio lo spirito di “Trame nascoste” e cosa cela questo piccolo borgo di origine medievale, vale la pena conoscere un po’ di dettagli del suo passato e dei luoghi da scoprire, per far acquistare alle storie tridimensionalità: la chiesa romanica di Sant’Andrea che rivela scorci e atmosfere medioevali; le preziose tracce del rinascimento bergamasco con le monumentali opere di Giovan Battista Moroni; le atmosfere di fine Ottocento dei salotti delle ville Siotto Pintor e Bolis. In posizione un tempo strategica, Gorlago vanta un passato ricco d’arte e di storia, che vede intrecciarsi le vite di prelati, patrioti, nobili e artisti: la fondazione del libero Comune risale, infatti, attorno al 1000/1100 e fra i primi consoli di Bergamo figurarono diversi cittadini di Gorlago.

Gorlago vista dall'alto  Alla scoperta di Gorlago borgo nobile a pochi chilometri da Bergamo

Gorlago vista dall'alto

Dopo il 1166 subì la vendetta del Barbarossa che decise di rimettere ordine tra le città della Lega lombarda e, nonostante la vittoria contro l'esercito imperiale, diversamente da Bergamo, fu sottoposta ai vincoli feudali imposti dai cittadini che avevano guidato il comune alla sua nascita. Il periodo che, però, vide il paese al centro di numerosi avvenimenti sociali e politici fu il Medioevo. In relazione alla sua posizione, all’imbocco della val Cavallina, lungo la strada proveniente dalla Valcalepio, il borgo, di fazione ghibellina, fu oggetto di ripetuti attacchi da parte di quella guelfa, che aspirava a controllarlo, e da numerosi altri nemici. Proprio per questo vennero costruite diverse fortificazioni, tra cui un castello, a protezione della zona e dei suoi abitanti. Pace e serenità vennero ritrovate soltanto con l'arrivo della Repubblica di Venezia e la conseguente fine delle rivalità tra fazioni diverse. I problemi tornarono all'inizio del XIX secolo, quando il paese ebbe di nuovo grandi problemi, dovuti a una carestia che causò molte vittime. Purtroppo a causa di incendi e saccheggi non si riesce a datare con precisione quando si costituì il comune di Gorlago poiché non si sono salvati documenti storici antecedenti al 1872.

I gioielli da scoprire a Gorlago

Di quel passato, a tratti avvincente a tratti fin troppo movimentato, rimangono ville dai raffinati colonnati, eleganti parchi e giardini, chiese adorne di affreschi e tele rinascimentali, che dialogano con il presente e restituiscono un palinsesto che invita ad approfondire la particolarità delle sue sovrapposizioni. Alcuni edifici sono privati e visitabili in alcune particolari occasioni: vale comunque la pena osservarli anche soltanto dall’esterno per coglierne atmosfere e particolarità.

Chiesa di San Pancrazio

Costruita nel XV secolo e ristrutturata nel XVIII, si distingue per la sua navata unica a pianta ellittica. Al suo interno ospita un’importante collezione di tele cinquecentesche che ornavano la precedente chiesa quattrocentesca: opere di grandi artisti lombardi quali Moretto, Giovan Paolo Cavagna, Carlo Ceresa e Giovan Battista Moroni. Di quest’ultimo meritano particolare menzione il celebre Giudizio Universale, opera incompiuta a cui si lega la leggenda della vicina Casa della Torre, e l’Adorazione dei Magi, uno degli esiti migliori dell’artista, fonte d’ispirazione per l’opera di Street Art che caratterizza il nuovo parco sul fiume Cherio. Chiudono il percorso di questa preziosa pinacoteca le monumentali tele dell’artista veneziano Francesco Polazzo, realizzate in occasione della riedificazione settecentesca della chiesa.

Chiesa di Sant’Andrea

La chiesa romanica di Sant’Andrea al Castello è incastonata in un’antica contrada di Gorlago e la sua presenza è rivelata quasi unicamente dall’antico portone. Costruita in origine come cappella del castello della famiglia Lanzi, presenta al suo interno un palinsesto decorativo unico nel sui genere: affreschi altomedievali convivono con l’opera di Giovan Paolo Cavagna, uno dei migliori esempi di pittura manierista bergamasca. Dal 1760 questo piccolo e prezioso edificio religioso è conosciuto anche come “chiesa di Sant’Anna” in relazione alla pioggia che cadde il 26 luglio dopo un lungo e dannoso periodo di siccità: ancora oggi la comunità di Gorlago festeggia quella data animando le vie della contrada con eventi e un appuntamento conviviale aperto a tutti.

L'ingresso alla chiesa di Sant'Andrea  Alla scoperta di Gorlago borgo nobile a pochi chilometri da Bergamo

L'ingresso alla chiesa di Sant'Andrea

Villa Siotto Pintor

Villa Siotto Pintor, visitabile su richiesta, rivela nel nome l’origine sarda degli ultimi proprietari. La famiglia Siotto Pintor giunse, infatti, a Gorlago a metà dell’800, al servizio del nuovo Regno d’Italia. In occasione del trasferimento sul continente, a ricordo della terra natia, portarono con sé una giovane quercia da sughero e da allora l’albero è ancora presente nella corte della villa, dove ancora oggi accoglie i visitatori.  L’edificio, sebbene di origini antiche, stupisce per lo stile eclettico della facciata, gli interni finemente decorati e gli arredi di fine ‘800. Varcando la sua soglia, grazie alla presenza di arredi e complementi originali, si prova immediatamente la sensazione che il tempo si sia fermato e sembra quasi di poter incontrare da un momento all’altro il proprietario di casa, Diodato Siotto Pintor, nella sua alta uniforme da ufficiale dell’Esercito del Regno d’Italia.

Villa Bolis

Villa Bolis, visitabile all’interno in occasione particolari, prende il nome dal suo ultimo proprietario, il tenore Luigi Bolis, che l’acquistò dai nobili Piatti nella seconda metà dell’800. Molto interessanti i ricordi e i cimeli collezionati e conservati con cura dagli eredi. Il nucleo più antico della Villa, composta da più corpi di fabbrica, risale al 1500 e conserva ancora tracce degli affreschi originari, impreziositi dalle cornici in pietra di porte e finestre. Nel corso dei secoli l’edificio fu ampliato mutando il proprio aspetto e adeguandosi alla moda del tempo, in forme neo-romaniche. La nuova torretta e lo chalet si inseriscono in un preciso progetto paesaggistico, in cui il rigoglioso giardino si protende verso il ponte romano e il fiume Cherio che da sempre lambisce il parco di questa affascinante villa.

Palazzo Gaurneri-Gozzini

Palazzo Guarneri-Gozzini, luogo privato e visitabile sono in alcune particolari occasioni, si erge in posizione strategica, dove un tempo sorgeva l’antico castello della famiglia Lanzi: una rupe affacciata sul fiume Cherio da cui si poteva dominare l’imbocco della valle e il Colle degli Angeli. Ancora oggi si coglie con uno sguardo quello stesso paesaggio, incorniciato dall’architettura del borgo. Con il passare dei secoli l’antica fortezza perse le funzioni difensive per assumere l’aspetto di un raffinato palazzo nobiliare. La corte interna, caratterizzata da un doppio loggiato con colonne e archi a tutto sesto, custodisce pregevoli sale affrescate. Dell’antico castello rimane solo il basamento della torre, realizzato in possenti blocchi squadrati di pietra: una quinta scenografica che chiude la prospettiva della Contrada Castello.

La Casa Quadra

La Casa Quadra, luogo privato accessibile in alcuni momenti dell’anno, è un’austera architettura in pietra riconoscibile per la massiccia torre a base quadrata che si eleva sopra gli altri edifici. Diversamente da quanto si possa pensare, il nome deriva dal termine “Quadra” con cui, durante la dominazione veneziana, si identificava una giurisdizione amministrativa. A quel tempo, il rappresentante della Quadra di Trescore risiedeva proprio in questo edificio, espressione di ricchezza e potere. L’antico splendore, in gran parte perduto, si riverbera ancora oggi negli affreschi cinquecenteschi di Giovan Battista Castello raffiguranti le Storie di Ulisse: staccati e conservati all’interno della Prefettura di Bergamo, sono oggi accessibili a tutti grazie a un Tour Virtuale.

Villa Gozzini

Risalente al XVI secolo, Villa Gozzini si presenta dalla strada con un aspetto severo e compatto: la sua raffinata eleganza si rivela a coloro che hanno il privilegio di percorrere i sentieri del parco privato. che come la villa viene aperto in speciali occasioni. Gli spazi esterni mostrano pregevoli terrecotte e decorazioni in marmo, mentre le sale interne conservano tutt’oggi gli affreschi manieristi di Giovan Paolo Cavagna. Le due ali decorate e il doppio loggiato del corpo centrale dialogano armoniosamente con gli alberi monumentali che abitano il giardino. Gli immensi Cedri del Libano e i maestosi Lecci si alternano a inaspettate Palme e a numerose essenze arboree, dando vita a particolare spazio verde che testimonia il passato glorioso di questa villa, del vicino castello e del borgo che la ospita.

Il nuovo parco Moroni

Il nuovo Parco Moroni, sul fiume Cherio, è un luogo di svago e un punto di snodo per coloro che percorrono le ciclovie Milano-Monaco e Bergamo-Brescia: un prolungamento della ciclabile proveniente dalla Val Cavallina che indirizza verso il centro storico di Gorlago. Il parco unisce natura, street art e storia in un’opera totale immersa nel paesaggio, accogliendo le persone con nuove aree alberate, strutture ludiche e spazi per il relax: una conca erbosa è l’ideale per stendersi al sole e godersi un picnic autunnale, mentre i bambini giocano sicuri a breve distanza, mentre l’angolo ombreggiato da un bosco è stato pensato per i giorni più caldi. L’opera di street art è firmata da Paolo Baraldi (Il Baro) e rientra nello StreeArtBall Project (SAB), un progetto di rigenerazione urbana e valorizzazione dello spazio pubblico in cui la street-art incontra lo streetball, il basket da strada. Nei suoi pressi sono presenti postazioni di ricarica per e-bike e una caffetteria. A breve, anche un infopoint.

Parco del Malmera, dei Montecchi e del Colle degli Angeli

La Cascina Alpina (aperta stagionalmente anche con un servizio di ristorazione) è la porta di accesso al PLIS - Parco Locale di Interesse Sovracomunale del Malmera, dei Montecchi e del Colle degli Angeli: un’area protetta che consente di immergersi in una natura rigogliosa, accompagnati dal suono del fluire dell’acqua. Folti boschi si alternano a terrazzamenti soleggiati, testimoni di un’antica vocazione agricola e del fare sapiente dell’uomo che per secoli ha plasmato il paesaggio per coltivare la vite. I versanti ombrosi, invece, rivelano la cura mai venuta meno del bosco e ai suoi frutti selvatici che ha permesso di conservare l’ecosistema originario. Interessanti per passeggiate e trekking, i sentieri pianeggianti lungo gli argini del Cherio, o quello che sale in collina fino a raggiungere il Castello degli Angeli, da dove dominare con uno sguardo il borgo di Gorlago e la Pianura Padana.

Biblioteca comunale

Degna di note anche la biblioteca comunale, luogo di ritrovo, molto attivo in ambito culturale (Gorlago ospita un importante concorso di calcografia), ricavato nel vecchio palazzo novecentesco, un tempo sede del Municipio e delle Reali Poste e Telegrafica, che ha conservato un coronamento di iscrizioni e decorazioni liberty.

Gli itinerari in bicicletta a Gorlago

Come detto, lo strumento privilegiato per la scoperta di Gorlago è la bicicletta. Trame Nascoste ha immaginato sei diversi itinerari, adatti a ogni tipo di "pedalatore" (vanno da 5 a 71 chilometri). Tutte le tracce possono essere seguite in modo totalmente indipendente, ma nel corso dell’anno le attività legate a “Trame nascoste” prevedono anche l’organizzazione di uscite accompagnate da guide professionali e con la possibilità di noleggiare le e-bike adatte. Scopriamoli insieme.

Natura e bicicletta a Gorlago  Alla scoperta di Gorlago borgo nobile a pochi chilometri da Bergamo

Natura e bicicletta a Gorlago

Itinerario 1

Trame nascoste: arte, natura e pedali – Percorso di 5 chilometri e senza particolari dislivelli

Itinerario che esplora il centro storico di Gorlago e tutti i suoi punti di interesse, lambendo anche il Parco del Malmera, dei Montecchi e del Colle degli Angeli. Punti di interesse: La Cascina degli Alpini, i parchi, le chiese e le ville del borgo antico di Gorlago.

Itinerario 2

Il Romanico della bassa Val Cavallina – Facile percorso di circa 19 chilometri con 200 metri di dislivello, prevalentemente asfaltato

Itinerario ad anello che conduce alla scoperta delle architetture romaniche della bassa val Cavallina, ripercorrendo il Bicitour del Romanico ideato da inValcavallina e Terre del Vescovado.
Punti di interesse: la chiesa di Sant’Andrea e il borgo antico di Gorlago, le chiese romaniche di Trescore Balneario, il Castello lupi di Cenate Sotto e le chiese romaniche di San Paolo d’Argon.

Itinerario 3

I colli di Bergamo e del Moscato – Percorso di media difficoltà di circa 58 chilometri con 540 metri di dislivello prevalentemente asfaltato

Itinerario ad anello che permette di scoprire i colli dove nasce il prezioso Moscato di Scanzo spingendosi fino alle mura venete, nel cuore della città di Bergamo, lungo uno dei quattro percorsi che compongono il Quadrifoglio cicloturistico delle Terre del Vescovado.
Punti di interesse: il borgo antico di Gorlago, i colli del Moscato di Scanzo, la Città Alta e le Mura Venete di Bergamo, la Città Bassa, il Parco Regionale del Serio.

Itinerario 4

I castelli di Bartolomeo Colleoni - Percorso di media difficoltà di circa 60 chilometri con 230 metri di dislivello che alterna tratti asfaltati a lunghi tratti su ciclabile sterrata

Itinerario ad anello che segue il fiume Serio fino ai Castelli della bassa pianura bergamasca, dove visse il celebre condottiero Bartolomeo Colleoni, e che si sviluppa lungo uno dei quattro percorsi che compongono il Quadrifoglio cicloturistico delle Terre del Vescovado.
Punti di interesse: il borgo antico di Gorlago e il suo castello, il Parco regionale del Fiume Serio, i castelli di Malpaga e Cavernago, il castello Camozzi Vertova.

Itinerario 5

Il monte Misma e i colli d’Argon – Percorso impegnativo di circa 46 chilometri con 770 metri di dislivello che alterna tratti asfaltati a lunghi tratti su ciclabile sterrata

Itinerario ad anello, lungo uno dei quattro percorsi che compongono il Quadrifoglio cicloturistico delle Terre del Vescovado, che conduce dalle pendici del Monte Misma fino alla vetta del colle d’Argon, da cui si domina un panorama mozzafiato. Il percorso presenta tratti in salita e discesa che richiedono discrete capacità tecniche e l’uso di una mountain bike o di una gravel bike adeguate. Punti di interesse: il borgo antico di Gorlago, chiese e santuari sui colli d’Argon e sul Monte Misma, il panorama e la vista sulla Pianura Padana.

Itinerario 6

Il lago d’Iseo - Percorso particolarmente impegnativo di circa 71 chilometri con 1250 metri di dislivello che alterna tratti asfaltati a lunghi tratti tecnici su ciclabile e sentieri sterrati

L’itinerario ad anello si spinge fino al Lago di Iseo, lungo uno dei quattro percorsi che compongono il Quadrifoglio cicloturistico delle Terre del Vescovado. Il percorso presenta tratti in salita e discesa che richiedono discrete capacità tecniche e l’uso di una mountain bike o di una gravel bike adeguate.
Punti di interesse: il borgo antico di Gorlago, i colli d’Argon, il Lago d’Iseo, le pendici meridionali del Monte Misma.

Proposte di gusto a Gorlago

Non di sole bici vive l'uomo. Ecco, allora, che non si può mancare all’andata o al ritorno, dopo aver fatto una ricognizione del centro, una sosta nella storica pasticceria Giò e Marzia, che offre un’ottima selezione di proposte dolci e salate, o da DiVino InVino, enoteca con cucina ospitata in un palazzo storico di cui si può ammirare ancora l’enorme camino. Gli spazi sono caldi, i soffitti ritmati da volte dal candido intonaco o con i mattoni a vista, gli scaffali traboccano di bottiglie italiane e del mondo, con una varietà davvero notevole, e di delizie che possono essere anche acquistate prima di andare a casa: aceti pregiati, dolci, composte e marmellate, sottoli… Ogni cosa è di alta qualità e scelta con cura, così come sono ottimi i piatti e i taglieri. Menzione speciale per il servizio e la scelta di vini al calice che contempla anche bottiglie importanti. 

Giò e Marzia | Via Lorenzo Sibellini 31 - 24060 Gorlago (Bg) | 035952877

DiVino InVino | Via Asperti 12 - 24060 Gorlago (Bg) | Tel 0354251095

© Riproduzione riservata STAMPA

 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
       


Nomacorc Vinventions
ros
Siad

Nomacorc Vinventions
ros

Siad
Italmill
Giordana Talamona