Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
sabato 02 marzo 2024  | aggiornato alle 20:46 | 103573 articoli pubblicati

Al “Ristoro degli Angeli” di Roma tutto il gusto e il rispetto della tradizione

A prendere in mano il locale, peraltro già apprezzato e ben noto alle guide, sono stati i giovani Francesco Morrone e Domenico Falcone, appassionati di cucina, e Marco Ceccarelli, unico già esperto di ristorazione

di Mariella Morosi
 
16 luglio 2023 | 14:30

Al “Ristoro degli Angeli” di Roma tutto il gusto e il rispetto della tradizione

A prendere in mano il locale, peraltro già apprezzato e ben noto alle guide, sono stati i giovani Francesco Morrone e Domenico Falcone, appassionati di cucina, e Marco Ceccarelli, unico già esperto di ristorazione

di Mariella Morosi
16 luglio 2023 | 14:30
 

Un cambio di gestione di un ristorante storico, con un restyling di location e di proposte, può talvolta cancellarne l'identità. Non è avvenuto al Ristoro degli Angeli della Garbatella, quartiere romano altrettanto storico, quasi una piccola città-giardino nella città, nata negli anni Venti e caratterizzata da un'edilizia popolare creativa con case oggi ambitissime. A prendere recentemente in mano il locale, peraltro già apprezzato e ben noto alle guide, sono stati i giovani, Francesco Morrone e Domenico Falcone appassionati di cucina, e Marco Ceccarelli, unico già esperto di ristorazione. Ne hanno compreso i valori e si sono impegnati a rispettarne la storia anche in un cammino a ritroso recuperando ricette dimenticate delle tavole romane.

Al “Ristoro degli Angeli” di Roma tutto il gusto e il rispetto della tradizione

Ristoro degli Angeli della Garbatella, quartiere di Roma

Nessuno ha pensato di staccare dal muro la vecchia insegna dell'Ente Comunale di Consumo sui cui spazi il locale era nato nè di sostituirne l'arredo. La monumentale ghiacciaia anni '50 continua a dominare la sala e i tavoli e le sedie di legno sono rimasti al loro posto nelle due sale interne. Se è mancato il contributo modaiolo di qualche arredatore d'interni, la tecnologia è entrata silenziosamente in cucina dando un valore aggiunto alla proposta. La continuità tra il vecchio e il nuovo è molto apprezzata soprattutto dagli abitanti del quartiere anche perchè spesso, ad accoglierli, torna il vecchio titolare per un saluto, per un ricordo comune o per la storia di una vecchia ricetta inamovibile dal nuovo menu.

Al “Ristoro degli Angeli” di Roma tutto il gusto e il rispetto della tradizione

Lo staff di sala del Ristoro degli Angeli con Marco Ceccarelli e Gabriele Giannatasio

La tradizione regna sovrana con qualche divagazione creativa che ben completa il menu 

È il caso delle Fettuccine al burro e parmigiano con una spolverata di semi di sesamo bianco, ispirata a quelle celeberrime di Alfredo, o dell'Uovo in trippa: una semplice frittata tagliata a striscioline poi annegate nel pomodoro. È un piatto che come gli altri si basa sulla qualità degli ingredienti (uovo bio San Bartolomeo, pomodori pelati Inserbo, pecorino romano Dop e mentuccia romana) e che ha incantato anche il giornalista americano Luke Pyenson che ne ha celebrato il gusto sul Washington Post. Nel complesso la tradizione regna sovrana con qualche divagazione creativa che ben completa il menu: Fiori di zucca farciti con fiordilatte di Agerola ed alici del cantabrico fritti in tempura di riso, Rigatone alla amatriciana, alla carbonara o alla gricia, Ravioli artigianali, Costine di agnello fondenti con purè di patate dolci, Calamaro imbottito con verdure di stagione con salsa al pecorino e polvere di pistacchio o Polpette vegetali con un tocco agrodolce all'arancia.

 

Per la bella stagione, da gustare al fresco nel dehors sotto i portici, ci sono anche nuove proposte come le Linguine Felicetti, vongole e fiori di zucca su crema di patate al limone, il Trancio di tonno gratinato alle mandorle e semi di finocchio, la Tartare di manzo piemontese con salsa alla senape, la Cacciatora di pollo. Tra i dolci, da provare il Tiramisù degli angeli, uova bio, mascarpone artigianale, caffè e biscotto gluten free, Cheesecake al cucchiaio con frutta biologica e cream cheese tradizionale, Gelato al pistacchio con vodka al caramello e alla alla crema con olio evo e rosmarino.

Il ristoro degli Angeli continua a essere il punto di riferimento della Garbatella

Il locale è apprezzato anche per la sua wine list ben compilata per varietà e valore dal sommelier e restaurant manager Gabriele Giannattasio e che conta una quarantina di etichette. Privilegiati i vini laziali, come il Cesanese, il Frascati superiore e la versione rosata del Nero Buono di Cori, ma non mancano i piemontesi come il Timorasso, il Dolcetto e la Freisa, il ligure Rossese e, da altre regioni, il Trebbiano Spoletino, il Brunello di Montalcino, il Greco di Tufo. E come è uso a Roma, alla fine del pasto ci si può attardare al tavolo con biscottini secchi, ciambelline e un bicchierino finale.

Al “Ristoro degli Angeli” di Roma tutto il gusto e il rispetto della tradizione

La sala interna de Il Ristoro degli Angeli

La scelta è davvero ampia: Passito di Pantelleria o di Sagrantino, Barolo Chinato o Malvasia delle Lipari mentre un'intera lista è dedicata alle grappe: dalla Storica Nera a quelle trentine S.Massenza fino quelle di Barolo e Brunello. Non mancano rum e whisky d'autore, e non sono da trascurare i liquori artigianali, consigliati come digestivi: Amaro di China Calisaya, finocchietto selvatico, mirto, alloro e limone, Orus alla genziana ed erbe officinali, Amacardo all’arancio e carciofino selvatico. Il ristoro degli Angeli continua a essere il punto di riferimento della Garbatella anche perchè è sulla piazza principale Bartolomeo Romano dov'è il teatro Palladium, bell'esempio di arte razionalista, oggi molto frequentato come centro culturale dell'Università Roma Tre.

Ristoro degli Angeli
Via Luigi Orlando 2 - 00154 Roma
Tel 06 51436020

© Riproduzione riservata STAMPA

 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
       



Cantine Collalto
Molino Grassi

Delyce
Mulino Caputo
Horeca Expoforum