Rotari
Rational
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
venerdì 10 aprile 2020 | aggiornato alle 02:32| 64772 articoli in archivio
HOME     CORONAVIRUS    

I malati “dimenticati” di Bergamo
«Siamo abbandonati a noi stessi»

I malati “dimenticati” di Bergamo 
«Siamo abbandonati a noi stessi»
I malati “dimenticati” di Bergamo «Siamo abbandonati a noi stessi»
Pubblicato il 25 marzo 2020 | 17:42

Bisogna solo sperare di non ammalarsi, nella Bergamasca, perché chi risulta affetto da sintomi anche gravi da coronavirus rischia di non poter essere curato. La drammatica testimonianza di una donna di 36 anni.

Si chiama Daniela Lupini, ha 36 anni, vive con marito e due figli piccoli in un comune in provincia di Bergamo, e in una toccante intervista rilasciata in questi giorni a TPI-The Post Internazionale racconta di come stia affrontando la malattia e di come, sempre a causa del Covid-19, abbia da poco perduto suo padre, 69 anni, morto al San Raffaele di Milano senza il conforto della famiglia.

La situazione è critica nella Bergamasca - I malati dimenticati di Bergamo «Siamo abbandonati a noi stessi»
La situazione è critica nella Bergamasca

Daniela è stata contagiata perché la suocera, che lavora presso la Clinica San Francesco di Bergamo, era positiva al coronavirus, cosa che poi è stata accertata a seguito di Tac e tampone effettuati in quanto lei è un operatore sanitario. Per Daniela invece avere una diagnosi o quanto meno un consulto medico è impossibile, tanti sono i casi che nel territorio bergamasco si registrano tutti i giorni. La percezione della gente ormai, secondo quanto afferma Daniela, è che possano ricevere soccorso o assistenza solo i soggetti in fin di vita o comunque in condizioni estremamente critiche.

Una situazione che - sempre secondo la testimonianza - sta portando le persone a raggiungere condizioni di salute estreme senza sapere più cosa fare. Non si riesce più ad avere contatti con medici di base o guardie mediche, le linee telefoniche dedicate risultano sovraccariche, e tentare di farsi fare una diagnosi risulta quasi utopia. Pare che online siano spuntate delle società che offrono la possibilità di effettuare esami a domicilio, come i raggi X, ma con costi esorbitanti. Addirittura Daniela parla di “mercato nero delle bombole d’ossigeno”, che vengono cedute a chi ha più bisogno invece di essere restituite agli operatori sanitari.

La situazione a Bergamo e provincia è sempre più critica. Di posti per i ricoveri non ce ne sono più e il personale sanitario è allo stremo. Quello che resta da fare - soprattutto chi ha la fortuna di non essersi ammalato - è di rimanere in casa e rispettare alla lettera le disposizioni delle autorità, per permettere che si riesca lentamente a riprendere il controllo della situazione e ad uscire da un’emergenza che dura ormai da tanto, troppo tempo.

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


CORONAVIRUS Bergamo covid 19 epidemia virus contagio malattia emergenza sanitaria bombola di ossigeno mercato nero cure assistenza medica ricovero terapia intensiva Daniela Lupini

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Surl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES - Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). - © ®
Edizioni Contatto Surl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES - Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). - © ®