Molino Quaglia
Rotari
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
venerdì 29 maggio 2020 | aggiornato alle 14:21| 65851 articoli in archivio
HOME     CORONAVIRUS    

Brescia, chiude Piazzale Arnaldo
Assembramento da movida

Brescia, chiude Piazzale Arnaldo 
Assembramento da movida
Brescia, chiude Piazzale Arnaldo Assembramento da movida
Pubblicato il 23 maggio 2020 | 12:37

Il sindaco Emilio Del Bono firma la chiusura per il primo weekend di riapertura di bar e ristoranti per una condotta scriteriata dei cittadini nel corso della serata di venerdì. Anche Bergamo inasprisce i controlli.

Bergamo e Brescia unite prima nel dolore per le migliaia di morti da covid, poi nella ripartenza con l’alleanza per la candidatura a Capitale italiana della Cultura e ora nella severità dei controlli messi in atto dai sindaci per contenere gli assembramenti. Non solo, le due città si stanno riscoprendo più vicine che mai (al di là di storici campanilismi) anche nella condotta non eccelsa (eufemismo in qualche caso) dei cittadini. Tanto che il sindaco bresciano, Emilio Del Bono oggi emetterà un’ordinanza per chiudere Piazzale Arnaldo, tra i luoghi preferiti per la movida cittadina.

Piazzale Arnaldo venerdì sera - Brescia, chiude Piazzale Arnaldo Motivo? Assembramento da movida
Piazzale Arnaldo venerdì sera

Sì, perché nel primo venerdì di riaperture tanto temuto dalla Fipe e dagli amministratori, i bresciani si sono riversati lì approfittando del weekend senza prestare minimamente attenzione a distanze e, in molti casi, anche mascherine. «Sabato firmerò ordinanza di chiusura serale di Piazza Arnaldo per questo fine settimana - ha dichiarato il sindaco Del Bono - troppe persone, assembramenti nonostante la presenza significativa di Polizia locale. Quindi è bene dare un segnale chiaro. In settimana si definirà con gestori dei locali e con l'ausilio della Questura la gestione della Piazza e delle vie limitrofe durante la sera».

Un film già visto. In principio furono i Navigli milanesi con la conseguente tirata d’orecchie del sindaco Beppe Sala che aveva minacciato di utilizzare il pugno di ferro. Poi Bergamo con la “Corsarola” di Città Alta presa d’assalto nel corso di una domenica pomeriggio e il sindaco Giorgio Gori che è corso ad appellarsi ad un maggior senso di responsabilità.

Lo stesso primo cittadino bergamasco ha rafforzato il monito inviando una lettera a 701 locali cittadini chiedendo loro di far rispettare al massimo le regole per la sicurezza. Non solo, ha anche ordinato severità nei controlli sulle mascherine con le Forze dell’Ordine che nel corso di venerdì hanno inflitto tre multe da 400 euro a cittadini che circolavano senza la protezione. Sembra un po’ un gioco da guardia e ladri che avremmo preferito non vedere, ma a mali estremi…

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
Abbonati alla rivista cartacea in spedizione postale

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


CORONAVIRUS movida weekend venerdi brescia milano bergamo navigli emilio del bono giorgio gori beppe sala

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®