Molino Quaglia
Rotari
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
venerdì 29 maggio 2020 | aggiornato alle 16:50| 65856 articoli in archivio
HOME     CORONAVIRUS    

Mascherine, farsa sui contributi
Soldi solo a chi è veloce coi click

Mascherine, farsa sui contributi 
Soldi solo a chi è veloce coi click
Mascherine, farsa sui contributi Soldi solo a chi è veloce coi click
Pubblicato il 23 maggio 2020 | 12:15

I 50 milioni di euro per i dispositivi di protezione, solo all’1,26% delle aziende che ci hanno provato, solo perché più veloci nel registrarsi. La denuncia di Matteo Musacci (giovani Fipe): servono bandi differenziati.

La farsa del click day tutta italiana, prosegue. Dopo il disastro Inps per il bonus autonomi, ora ecco quello del bando Invitalia (L’Agenzia nazionale per lo sviluppo) che aveva messo a disposizione 50 milioni di euro da distribuire alle aziende per l’acquisto dei dispositivi di protezione anti-covid. Risultato? 3.150 le aziende ammesse perché dal dito velocissimo, 191.025 quelle invece escluse perché più “lente”, magari di un solo centesimo.

La protesta di Fipe contro il bando Invitalia - Invitalia, farsa sui contributi Fipe: Differenziare i bandi
La protesta di Fipe contro il bando Invitalia

Ed è proprio per una questione di centesimi che non è riuscito ad ottenere un contributo più che mai sacrosanto Matteo Musacci, presidente dei giovani imprenditori di Fipe - Federazione Italiana dei Pubblici Esercizi, che racconta: «Tra i migliaia di imprenditori italiani che si sono illusi di poter accedere ai fondi messi a disposizione del governo tramite Invitalia per l’acquisto dei dispositivi di protezione individuale da consegnare ai dipendenti, ci sono anche io. Sono stato 5 centesimi di secondo più lento dei 3.150 Usain Bolt che sono riusciti a rientrare tra gli ammessi al contributo. E dunque le mascherine, obbligatorie per poter lavorare e far lavorare i miei 5 dipendenti in sicurezza, dovrò acquistarle da solo».

In un battito di ciglia sono stati distribuiti 50 milioni di euro, senza alcuna scelta meritocratica o di proporzione, semplicemente premiando i più veloci. Un danno, soprattutto per i ristoratori i quali sanno bene quanto le mascherine siano la vera unica arma di difesa. «Nessun dramma - spiega Musacci - ma è assolutamente ridicolo che in un secondo e 4 centesimi si siano bruciati 50 milioni di euro di fondi pubblici, lasciando a bocca asciutta il 98,74% delle attività economiche interessate dal bando. Una farsa che non deve più ripetersi. Mi auguro che, dal prossimo bando, Invitalia abbandoni il click day e differenzi le proprie gare tenendo conto, per lo meno, della dimensione delle imprese».

Matteo Musacci - Mascherine, farsa sui contributi Soldi solo a chi è veloce coi click
Matteo Musacci

Sì, perché i costi ora sono davvero importanti. In una recente intervista rilasciata a Italia a Tavola, Daniele Minotto, vicedirettore di Federalberghi Venezia, aveva stimato in 300€ la spesa giornaliera per consentire ad un solo dipendente di un albergo di lavorare in sicurezza. «Quest’ultima gara - chiude Musacci - ha infatti premiato in larga parte imprese grandi se non grandissime, molte delle quali hanno programmato acquisti per 150mila euro, pari a 33 dipendenti. Agli altri sono rimaste le briciole, mentre alla maggioranza nemmeno quelle. Confido che l’esperimento, fallito, non si ripeta più. Altrimenti diventerebbe lecito pensare di vivere nel paese del gioco d’azzardo. Della lotteria di Stato».

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
Abbonati alla rivista cartacea in spedizione postale

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


CORONAVIRUS contributo fondi click day fipe bando invitalia dispositivi di protezione mascherine Matteo Musacci

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®