ABBONAMENTI
 
Molino Quaglia
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
giovedì 01 ottobre 2020 | aggiornato alle 23:19 | 68134 articoli in archivio
 
Ros Forniture Alberghiere
HOME     EDITORIALI    
di Alberto Lupini
direttore
Alberto Lupini
Alberto Lupini
di Alberto Lupini

Evo, a 3 euro al litro non è extravergine
E magari fa pure male

Evo, a 3 euro al litro non è extravergine 
E magari fa pure male
Evo, a 3 euro al litro non è extravergine E magari fa pure male
Pubblicato il 31 dicembre 2018 | 11:30

Serve più chiarezza sul tema dell’olio di oliva. Quello che al supermercato si trova a 3 euro al litro non può essere vero extravergine. Con il nuovo anno invitiamo le istituzioni ad avviare le iniziative per la tutela

Non bastava un mercato già condizionato in negativo dalla prevalenza di prodotti contraffatti o comunque senza alcun valore per gusto e salute. Ora ci si mettono anche le statistiche che in modo asettico indicano un calo dei consumi da 14 a 10 litri l’anno procapite. Come dire: per l’olio di oliva extravergine sembrano davvero tempi bui.

(Evo, a 3 euro al litro non è extravergine E magari fa pure male)

Un calo dei consumi potrebbe anche essere positivo se fosse dovuto ad una modifica degli acquisti, privilegiando cioè l’Evo di qualità (che non può costare meno di 10 euro al litro) al posto del liquido industriale che al supermercato può costare dai 3 ai 5 euro al litro e che si può definire olio extravergine solo grazie ad una vergognosa normativa che per troppi anni abbiamo accettato di fatto senza reagire.

Il risultato è che più della metà delle famiglie italiane oggi compra delle bottiglie con liquidi più o meno gialli o verdi (il riferimento all’alleanza di governo è solo casuale...) attirata da prezzi bassi, perdendoci sul piano economico (di un “olio” senza qualità se ne consuma più del doppio di uno “artigianale” perché non ha gusto!) e su quello della salute (tutte le componenti realmente utili al nostro organismo sono di fatto eliminate nella raffinazione industriale del prodotto).

Ora non vogliamo lanciare una tardiva guerra all’industria (per lo più di proprietà spagnola) che ha finora speculato su uno dei simboli dello stile di vita italiano, ma nel passaggio al nuovo anno rivolgiamo un invito al Ministro Centinaio e a tutte le istituzioni perché partano al più presto le iniziative annunciate (e sollecitate con decisione da Coldiretti) per fare chiarezza sul mercato e promuovere l’Evo Dop (l’unico autenticamente italiano) e sostenere i coraggiosi produttori che finora hanno permesso di far capire cos’è realmente un olio extravergine, al di là di quello che viene indicato su etichette che continuano a coprire troppi imbrogli. E magari - aggiungiamo - non sarebbe male vedere qualche controllo in più considerando che la produzione di olive è crollata del 40%, ma inspiegabilmente sugli scaffali si trovano ancora bottiglie a 3 euro al litro, che è più o meno il costo di vetro, etichetta e trasporto... Quello che chiamano “olio” è in omaggio?

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
Abbonati alla rivista cartacea in spedizione postale

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


Evo extravergine salute olio di oliva olive oil etichetta supermercato olio italiano olio spagnolo normativa olio Dop olio extravergine Ministro Gian Marco Centinaio

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >

TUTTI GLI EDITORIALI


Loading...


Caricamento...
Edizioni Contatto Surl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Surl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®