TuttoFood
Rotari
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e ospitalità
lunedì 18 marzo 2019 | aggiornato alle 16:53 | 58039 articoli in archivio
HOME     EDITORIALI    
di Alberto Lupini
direttore
di Alberto Lupini
direttore

Bar, ristoranti e hotel
A breve sarà emergenza lavoro in nero

Pubblicato il 04 febbraio 2019 | 16:09

Il futuro della nostra economia non è roseo. Anche il settore del turismo e dell’accoglienza rischia di soffrire a causa dei provvedimenti del Governo. Quello che più preoccupa è l’assenza di una politica di settore



Un po’ la caduta delle esportazioni innescata dalla guerra commerciale contro tutti di Trump e dalla Brexit. Un po’ una manovra assistenzialistica e riforme strutturali o investimenti in grandi opere che sono bloccate o rinviate a non si sa quando. Il risultato è che l’economia italiana si è fermata e drammaticamente dobbiamo cominciare a pensare in termini di crisi economica in vista. È ben vero che in tutta Europa lo sviluppo sta rallentando, ma da noi (che già avevamo quello tendenzialmente più debole) sta letteralmente crollando. Le imprese, grandi o piccole, lo hanno avvertito da tempo, tanto che con la fiducia ai minimi storici verso un Governo si stanno fermando gli investimenti.

Matteo Salvini, Giuseppe Conte, Luigi Di Maio (foto: www.tpi.it) (Bar, ristoranti e hotel A breve sarà emergenza lavoro in nero)
Matteo Salvini, Giuseppe Conte, Luigi Di Maio (foto: www.tpi.it)

Accusare Conte-Di Maio-Salvini di essere la causa unica di quella che si prospetta come una nuova possibile recessione è forse ingeneroso, ma certo i giallo-verdi, con i mille fronti aperti con tutti e l’ostinazione a negare l’evidenza di una realtà che non è determinata dai soliti poteri forti (cosa c’è di più forte del Governo del cambiamento oggi in Italia?), ci hanno messo molto del loro.

Piaccia o non piaccia, il reddito di cittadinanza è in ogni caso una realtà, anche se distrarrà miliardi che in questo momento sarebbero utili per investimenti produttivi (coi quali creare posti di lavoro reali). È inutile pensare di rimediare a questo nel breve periodo. I 5 stelle si sono assunti una responsabilità enorme e per il bene dell’Italia c’è solo da augurarsi che possano avere ragione.

Il fatto che in momenti di crisi si tentino esperimenti sociali almeno dubbi per tutti gli economisti (salvo che per i seguaci della decrescita felice immaginata da Grillo e Casaleggio) non ci può certo riempire di ottimismo, ma in momenti come questo occorre pensare a cosa si può fare per non soccombere. E ciò vale ovviamente anche per tutte le aziende dell’Horeca che negli ultimi tempi, grazie alla crescita del Pil degli ultimi 4-5 anni e grazie al forte incremento del turismo, erano riuscite a recuperare un minimo di equilibrio. Ora però tutto sembra essere rimesso in discussione e soprattutto le aziende famigliari guardano con preoccupazione ad una possibile caduta della domanda. Ciò che fa paura è in particolare l’assenza di una politica di settore per fare fronte a questa situazione, mentre le uniche novità cominciano a pesare come macigni su ristoranti, bar od hotel. Ciò che è realmente insopportabile è ad esempio il decreto dignità, che eliminando i voucher ha cancellato ogni elasticità in un comparto che vive di picchi della domanda, giornalieri, settimanali o stagionali che siano. Se non si restituisce almeno questa valvola di sfogo da subito, il risultato sarà la crisi di molti locali e l’esplosione del lavoro in nero. Già oggi in molte cucine o dietro i banconi, grazie alla geniale iniziativa di Di Maio, è cresciuto il numero di addetti senza alcuna copertura o garanzia. È indispensabile un immediato ripensamento prima che sia troppo tardi.

Horeca accoglienza turismo governo governo giallo verde governo del cambiamento economia crisi economica decreto dignita voucher


ARTICOLI CORRELATI
Loading...
Mostra più articoli >

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >

TUTTI GLI EDITORIALI


Loading...


COMMENTA
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

Sky
Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Edizioni Contatto Srl
via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg)
P.IVA 02990040160
Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548