ABBONAMENTI
 
Ros Forniture Alberghiere
Molino Quaglia
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
giovedì 29 ottobre 2020 | aggiornato alle 08:38| 68956 articoli in archivio
Ros Forniture Alberghiere
Molino Quaglia
HOME     EDITORIALI    
di Alberto Lupini
direttore
Alberto Lupini
Alberto Lupini
di Alberto Lupini

I 600 euro vanno in pagamento
Ma la Cassa integrazione dov’è?

I 600 euro vanno in pagamento 
Ma la Cassa integrazione dov’è?
I 600 euro vanno in pagamento Ma la Cassa integrazione dov’è?
Pubblicato il 14 aprile 2020 | 19:08

Mentre il bonus di 600 euro per i lavoratori autonomi arriverà a breve, delle indennità di Cassa integrazione (che riguardano, tra gli altri, i dipendenti di bar e ristoranti) non si è vista l’ombra in nessuna provincia italiana. E intanto il governatore Fontana ha cercato di attribuirsi il merito di un accordo con le banche, ma è una fake news

Non può che essere una buona notizia se entro la fine della settimana verrà girato sul conto corrente di un milione di autonomi il bonus di 600 euro. In verità l’importo è vergognosamente modesto, soprattutto se paragonato a cosa si fa in altri Paesi. Né sarà un grande miglioramento l’aumento ad 800 euro per il prossimo mese. Ma certo è un primo segnale positivo che giunge dall’Inps e da una macchina burocratica capace finora di incolpare gli altri per i propri errori (tipo inesistenti attacchi hacker) o di porre paletti ad ogni novità.

Il punto vero è che questo intervento, il più modesto fra quelli messi in campo dal Governo, sembra avere subìto un’accelerazione per almeno due motivi: il primo, determinante, è che 5Stelle e Pd non vogliono offrire spazio per nuove polemiche all’opposizione che proprio sulle partite Iva ha una strategia per delegittimare la maggioranza; il secondo è che a spingere in questa direzione ci sono anche le organizzazioni delle piccole imprese, commercianti e artigiani in primis, che tengono sotto pressione l’esecutivo vista la crescente difficoltà di queste aziende.

I 600 euro vanno in pagamento Ma la Cassa integrazione dov’è?
I 600 euro vanno in pagamento. Ma la Cassa integrazione dov’è?

Ma, a conti fatti, questo bonus rappresenta davvero poco rispetto alla potenza di fuoco che il Governo aveva annunciato per combattere una crisi che giusto oggi il Fondo Monetario stima in una caduta del 9% del Pil per l’Italia. E questo mentre la partita con l’Europa si fa sempre più incandescente e se saliranno gli importi messi in campo per sostenere i diversi Paesi, sarà solo perché cresce il numero degli Stati dell’Unione che chiedono aiuti. Per nostra fortuna, in Germania la cancelliera Merkel comincia ad essere messa sotto pressione da importanti pezzi del suo stesso partito e da molti industriali che temono la chiusura delle loro fabbriche se si dovessero fermare le aziende italiane che producono subfornitura. Speriamo che dove non possono la solidarietà e l’etica, arrivi almeno l’interesse economico.

Ma torniamo agli interventi del Governo di cui non si sa ancora nulla. Entro il 15 aprile, ad esempio, avrebbero dovuto essere pagate le indennità di Cassa integrazione che riguardano in particolare tante piccole aziende del commercio e dell’artigianato, a partire da tutti i dipendenti di bar e ristoranti. Sembra che non ci siano stati bonifici in nessuna provincia italiana.

Sicuramente le indennità non sono state pagate in Lombardia, la Regione che ne ha di più da smaltire. Una situazione davvero preoccupante, o vergognosa, che ne ha generata però un’altra ancor più scandalosa. Alle regioni spetta infatti per decreto di fornire all’Inps gli elenchi dei dipendenti coi relativi bonifici (è l’ente che poi paga). Ma il Governatore lombardo, Attilio Fontana, ha fatto finta di nulla e, per coprire i ritardi dei suoi uffici, ha annunciato una fake news che ha dell’incredibile. Scaricando impropriamente la responsabilità dei mancati pagamenti della Cig sul Governo, Fontana ha sparato la balla che grazie all’intervento della Regione i lombardi potranno comunque ricevere dei soldi dalle banche. Peccato che questa anticipazione (un prestito senza interessi e costi) fa parte di un accordo “nazionale” fra l’ABI (l’associazione bancaria) e le organizzazioni sindacali di tutti i comparti. La Regione Lombardia non c’entra proprio nulla e, fra l’altro, spaccia per suo un impegno delle banche che neanche funziona. Con il personale che di fatto è quasi del tutto assente da ogni filiale, i lavoratori in Cig (che dovrebbero uscire di casa per questa operazione) non riescono nemmeno ad avere risposte dalle proprie banche. Al pari dei piccoli imprenditori che per i famosi prestiti garantiti dallo Stato (100mila euro con istruttoria e 25mila con una semplice domanda) non riescono nemmeno loro ad ottenere nulla dalle rispettive banche. A Bergamo e Brescia, nel cuore della pandemia, possiamo garantire che è così. E in questo modo, l’Italia rischia di finire peggio per la burocrazia che per il coronavirus...

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
Abbonati alla rivista cartacea in spedizione postale

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


CORONAVIRUS bonus 600 euro lavoratori autonomi Cig lavoratori dipendenti cassa integrazione in deroga cassa integrazione lavoro governo banche regione lombardia emergenza sanitaria fondi crisi economica ABI fondo monetario bonifico prestito Attilio Fontana Angela Merkel

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

21/04/2020 11:04:12
1) MA CE' QUALCUNO DI ASCOM FIPE CONFCOMMERCIANTI ECC.... ECCC.......
Buongiorno Alberto, le mando questa mail per stimolare una chaicchierata tra assocciazioni varie ( o AVARIATE) e magari qualche ristoratore/albergatore, barra sostenitore della terza parte del pil Italiano. Si perche' fino adesso non mi risulta che ci sia stato un tavolo rotondo con i ristoratori e altri attori della filiera hospitalita' che s isiano seduti ad un tavolo con le varie FIPE ASCOM Ecc ecc e abbiamo discusso seriamente i termini delle riaperture dei locali, si favoleggia su norme che non stanno ne in cielo ne in terra, tutti dicono delle fesserie giganti e le scrivono pure e nessuno ha chiesto ai diretti interessati un parere o almeno la disponibilita' ad una riunione per chiarire i bisogni e le modalita' per fare la tanto attesa riapertura. Ma non ce' proprio nessuno con un dito e mezzo di cervello attivo che si vuole svegliare e organizzare incontri e chiarire la futura prossima apocalisse per noi adetti ??? Cordialmente Ivano Gelsomino
Ivano Gelsomino


ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >

TUTTI GLI EDITORIALI


Loading...


Caricamento...
Edizioni Contatto Surl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Surl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®