Rational
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
lunedì 18 novembre 2019 | aggiornato alle 05:06| 62052 articoli in archivio
Rational
Pentole Agnelli
di Mariella Morosi
Mariella Morosi
Mariella Morosi
di Mariella Morosi

I “Personaggi dell’anno” a Firenze
per celebrare lo stile italiano

I “Personaggi dell’anno” a Firenze 
per celebrare lo stile italiano
I “Personaggi dell’anno” a Firenze per celebrare lo stile italiano
Primo Piano del 04 aprile 2016 | 11:03

Chef Rubio, Sara Papa, Vito Intini e Gian Nicola Libardi sono stati i protagonisti della cena di gala del “Premio Italia a Tavola”, l’evento che insieme a loro ha celebrato il meglio dell’enogastronomia made in Italy. Grande emozione per la consegna dei premi e per l'evento che è diventato un punto di riferimento del settore

Ancora una volta a Firenze è stata grande la partecipazione alla festa dell’enogastronomia del network Italia a Tavola che per l’ottavo anno ha consolidato l’attenzione sul mondo dell’enogastronomia coinvolgendone in articolati eventi tutti i protagonisti dell’eccellenza e della convivialità, pur con professionalità e competenze diversificate. Il “Premio Italia a Tavola”, organizzato da Italia a Tavola insieme a Fipe, Confcommercio ed Ebtt, è stata una festa, sì, ma non autocelebrativa.

da sinistra: Alberto Lupini, Annie Féolde, Dario Franceschini e Lino Stoppani
da sinistra: Alberto Lupini, Annie Féolde, Dario Franceschini e Lino Stoppani

I lavori sono cominciati la mattina di sabato 2 aprile a Palazzo Vecchio, nella Sala dei Cinquecento, con il talk show moderato dal direttore del Tg2 Marcello Masi, con ospite d'onore il ministro dei Beni culturali e del Turismo, Dario Franceschini. Tra i relatori Lino Stoppani, presidente di Fipe-Confcommercio, Annie Féolde dell'Enoteca Pinchiorri di Firenze (3 stelle Michelin) e il direttore di Italia a Tavola Alberto Lupini. Un dibattito che è riuscito a coinvolgere gli "stati generali" dell'accoglienza italiana, grazie agli interventi di importanti cuochi, presidenti di associazioni di categoria e rappresentanti delle istituzioni, dell'imprenditoria e della moda. Tutti insieme hanno affrontato nodi e incongruenze del settore, sulla base degli scenari contemporanei della ristorazione e dell’accoglienza.

Nel corso dell'evento, sono stati consegnati alcuni premi speciali: gli "Award 2015 di Italia a Tavola e Fipe-Confcommercio" al Ministro Franceschini, alla famiglia Cerea (Da Vittorio), a Niko Romito (Ristorante Reale) e a Rosario Scarpato (Itchefs-Gvci); e i premi speciali del Consiglio regionale della Regione Toscana consegnati ad Annie Féolde (Premio "Pegaso") e Mariuccia Passera (Premio "Targa").



Al termine del talk show, un gustoso light lunch nella Sala d'Arme di Palazzo Vecchio, a cura dell’Unione regionale cuochi toscani e di tutte le associazioni provinciali. Piatti della tradizione regionale, in cui l’ingrediente principe è stato il pane. In abbinamento ottimi vini del territorio, forniti dalle Donne del Vino della Toscana. Tra gli altri prodotti tipici d’eccellenza, il Pane Verna del Panificio Menchetti, il Panino con Lampredotto di Gavinana, la selezione di formaggi di De Magi, porchetta e finocchiona della Salumeria di Monte San Savino, salumi del Casentino de Le Selve di Vallolmo, Olio Igp Toscano, Panbriacone Bonci.

Il pomeriggio è proseguito con un convegno al Mercatom Centrale di Firenze, l’incontro dal titolo “Pane e Olio, l’anteprima” dedicato alla centralità di due materie prime italiane d’eccellenza e moderato dal direttore Alberto Lupini. Tra i principali relatori l’on. Luciano Violante, presidente di ItaliaDecide, e Umberto Montano, presidente del Mercato Centrale. Un'anticipazione della manifestazione che si svolgerà a Matera e Martina Franca tra il 5 e l’8 maggio, in occasione della Biennale delle memorie.



È stata una giornata importante, basata sul dialogo e sul confronto, con la convinzione di tutti che è tempo di guardare oltre, e soprattutto ai nuovi comportamenti di consumo. Scenari già in atto ma destinati a crescere esigono ormai una visione strategica e sinergica con attenzione nuova a tematiche destinate a consolidarsi, come qualità, natura, benessere ed estetica. I protagonisti del cambiamento, cuochi e pasticcieri, opinion leader, maître e sommelier e barman sono stati posti da Italia a Tavola al giudizio degli utenti della rete, ma l'obiettivo del sondaggio non era quello di creare classifiche di merito, come del resto avvenuto anche nelle precedenti edizioni.

La cena di gala a Palazzo Borghese è stata l'occasione per premiare i Personaggi dell’anno 2015. I voti espressi - e questa è stata un’edizione da record con 163.914 votanti - hanno meglio identificato nelle quattro categorie i portatori di nuove idee e di proposte concrete in grado di valorizzare l’intero settore dell’Italian style al di là di individualismi, ciascuno nelle proprie professionalità e competenze. E se nell’arco di 8 settimane in tanti hanno espresso la loro scelta, significa che non sono soltanto gli addetti ai lavori a seguire con attenzione e partecipazione l’evoluzione dell’intero settore dell’enogastronomia e dell'accoglienza. Non a caso la cena di gala in onore degli eletti - Chef Rubio (al secolo Gabriele Rubini), Sara Papa, Vito Intini e Gian Nicola Libardi - è stata preparata da chef anche stellati, coordinati da Annie Féolde dell’Enoteca Pinchiorri di Firenze, in un'unica grande brigata insieme a campioni della pasticceria, esperti sommelier e barman di tendenza.



Di grande prestigio la location della festa fiorentina: Palazzo Borghese. Tra i saloni affrescati, dove danzavano Paolina Borghese e la nobiltà fiorentina nell’Ottocento, sono state allestite postazioni e corner dove le centinaia di ospiti hanno potuto degustare piatti creati dagli chef che non sono voluti mancare a questa occasione unica di incontro e di confronto. Oltre ai due chef tristellati, Annie Féolde ed Enrico Cerea, hanno proposto i loro piatti Rocco Pozzulo, presidente della Federazione italiana cuochi, Enrico Derflingher presidente di Euro-Toques Italia e International, Marco Stabile presidente dei Jeunes Restaurateurs d’Europe Italia, Claudio Sadler presidente de Le Soste, Marco Sacco presidente di Chic (Charming italian chef) e Diego Aira Piva di ItChefs-Gvci. Per i pasticcieri di AMPI (Accademia Maestri Pasticceri Italiani) c’erano il presidente Gino Fabbri, Gianluca Fusto, mentre per quelli di Conpait il presidente Federico Anzellotti.

Ma c’erano anche i cuochi Lorenzo Alessio (Fic), Luca De Negri (ItChefs), Fabio Potenzano (Fic), Seby Sorbello (Fic), Matteo Scibilia (per Tricecom) e Daniele Zennaro (per Valbona), e i pasticceri Matteo Berti (Alma), Andrea Restuccia (Conpait) e Paolo Sacchetti (Ampi).

Di alto livello anche la squadra dei barman e delle barlady, tutti coordinati da Cinzia Ferro, campionessa della categoria nel sondaggio Personaggio dell'anno 2013. Affollatissime le postazioni dove preparavano i cocktail Francesco Cione, Flavio Esposito (nella foto sotto), Ilaria Fondi e Paolo Rovellini, ma a calamitare l’attenzione degli amanti del bere miscelato è stato il cocktail “Ti regalo un sogno” (mescal, liquore al mandarino, lime fresco e limone), proposto da Gian Nicola Libardi, appena incoronato Personaggio dell’anno, unico dei campioni neoeletti impegnato sul campo invece che nei saloni a godersi la festa gustando i piatti degli chef e i complimenti di prammatica. Gli abbinamenti erano curati dai sommelier dell’Ais guidati da Massimo Rossi con la presenza in qualità di consultant di Alessandro Scorsone, Luca Martini e Andrea Galanti. L’assistenza per la cucina era del catering Lodovichi e quella logistica di Lo Scalco.



Tra flash e applausi si è svolta la cerimonia della premiazione con la consegna ai vincitori del sondaggio di targhe, gioielli e prodotti degli sponsor e con i ritratti e il nuovo libro dell’artista Renato Missaglia.

Chef Rubio è stato premiato con la targa consegnatagli da Aldo Cursano e con i gemelli da Alberto Lupini; da Renato Missaglia ha ricevuto il ritratto e il libro “Expo 2015 Milano. Con gli occhi dell’arte”, mentre Arturo Stocchetti, presidente del Consorzio del Soave, gli ha consegnato il premio una bottiglia del Consorzio.

da sinistra: Alberto Lupini, Chef Rubio e Arturo Stocchetti
Nella foto, da sinistra: Alberto Lupini, Chef Rubio e Arturo Stocchetti

Anna Lapini ha premiato Sara Papa con la targa; da Alberto Lupini ha ricevuto una collana, mentre Elisabetta Serraiotto, responsabile marketing e comunicazione del Consorzio Grana Padano, le ha consegnato la scaglia di Grana Padano in cristallo serigrafata. Renato Missaglia le ha consegnato il ritratto e il libro.

da sinistra: Alberto Lupini, Elisabetta Serraiotto e Sara Papa
Nella foto, da sinistra: Alberto Lupini, Elisabetta Serraiotto e Sara Papa

Vito Intini ha ricevuto la targa da Aldo Cursano, i gemelli da Alberto Lupini, la Magnum del Consorzio Trentodoc da Sabrina Schench e il ritratto e libro “Expo 2015 Milano. Con gli occhi dell’arte”da Renato Missaglia.

da sinistra: Alberto Lupini, Vito Intini e Sabrina Schench
Nella foto, da sinistra: Alberto Lupini, Vito Intini e Sabrina Schench

A Gian Nicola Libardi è stata consegnata la targa da Anna Lapini, i gemelli da Alberto Lupini, il premio del Consorzio olio toscano (la bottiglia di olio e un weekend in Toscana) da Christian Sbardella, una Magnum Trentodoc da Sabrina Schench; da Renato Missaglia il ritratto e il libro “Expo 2015 Milano. Con gli occhi dell’arte”.

da sinistra: Alberto Lupini, Christian Sbardella e Gian Nicola Libardi
Nella foto, da sinistra: Alberto Lupini, Christian Sbardella e Gian Nicola Libardi

Tra gli intervenuti, la parlamentare Vittoria D’Incecco della Commissione Affari Sociali della Camera, già impegnata nella stesura della cosiddetta legge anti-spreco, che ha lodato l’impegno del direttore di Italia a Tavola, Alberto Lupini, nel promuovere insieme alla gastronomia i temi della natura e dell’ambiente.

«Grazie a tutti - ha detto Lupini - per la grande partecipazione ad un evento che coinvolge annualmente tutto il mondo dell’enogastronomia e di cui è divenuto un punto di riferimento. Soprattutto grazie anche agli sponsor che lo hanno reso possibile». Molti applausi sono andati anche a lui da parte di tutti gli intervenuti, ospiti, protagonisti e rappresentanti delle istituzioni. L’appuntamento 2016 è stato chiuso da Eugenio Giani del Consiglio Regionale della Toscana che ha espresso l’orgoglio della città di Firenze per aver ospitato la manifestazione per tutti i suoi otto anni e ha donato il Pegaso d'argento, il cavallo alato simbolo di libertà, ad Aldo Cursano, presidente della Federazione italiana pubblici esercizi di Firenze.

da sinistra: Vito Intini, Vittoria D'Incecco e Sara Papa
Nella foto, da sinistra: Vito Intini, Vittoria D'Incecco e Sara Papa

Ma come hanno vissuto la festa e la premiazione gli eletti dal sondaggio? Influirà questa straordinaria affermazione sui loro progetti futuri? Chef Rubio, nella categoria Cuochi e Pasticcieri, ha ottenuto dal popolo della rete il maggior numero di voti registrato in questa edizione: 17.280, lasciandosi alle spalle grandi nomi, da Igino Massari, maestro dei maestri pasticcieri Italiani a molti altri. Un bel traguardo per un giovane considerato un outsider, un anti-chef senza ristorante che rifiuta di indossare la toque, che si muove leggero tra le sovraesposizioni della cucina d’autore e a cui le sirene della visibilità ad ogni costo non hanno fatto spostare di un millimetro un personale percorso alla radice del cibo.

In più viene spesso giudicato come “antiqualcosa” piuttosto che portatore di un linguaggio propositivo basato sulla semplicità e sulla riflessione. Lo incontriamo, impeccabile in un completo scuro, mentre gusta un risotto Acquerello con tartufi firmato Marco Stabile. No, non cambierà niente per lui - ci dice - ora che in tantissimi lo hanno scelto tra tanti valenti colleghi. C’è però - ed è davvero gratificante - la certezza di essere stato compreso, considerazione questa che ci è stata espressa anche dagli altri tre premiati dal sondaggio.

Chef Rubio

«Non posso che essere contento - ha detto Chef Rubio - non tanto per il premio in sé quanto perché col mio modo di operare di tutti i giorni ho inconsapevolmente spinto molte persone a porsi delle domande, a tornare alle origini del cibo. Spesso chi ne parla non riesce a vedere oltre l’esecuzione del piatto, Ma se l’attenzione mediatica non si trasforma in qualcosa di concreto, se non ci si sensibilizza a tematiche che vanno oltre al cibo, come l’ambiente, la lotta agli sprechi e l’uso di materie prime con bassissimo impatto ambientale, non si va da nessuna parte».

Sara Papa, la signora delle farine, eletta Personaggio nella categoria Opinion Leader con 15.271 voti, non ha potuto che apprezzare le composizioni di pani fatti con farine selezionale sui tavoli di Palazzo Borghese. Autrice di quattro libri sull’arte bianca e sulla cucina (e un quinto in arrivo), ha espresso gioia per il riconoscimento che comunque non cambierà i suoi programma.

«Ma a cambiare - ha detto con soddisfazione la regina della panificazione - sono state le persone che mi hanno seguito su Alice e Geo & Geo, che hanno imparato a fare il pane e a cucinare scegliendo le buone materie prime in base alla loro stagionalità. Ho avuto la fortuna di avere genitori legati alla terra, che mangiavano biologico senza saperlo. Amo il mio lavoro, lo faccio senza fatica e continuerò a farlo, cercando di trasmettere il vero valore del cibo che l’industria ha rischiato di distruggere. E’ alla semplicità che dobbiamo ritornare».

Vito Intini, presidente Onav (Organizzazione nazionale assaggiatori vino) e coordinatore della Convi (Consulta nazionale del vino italiano, 170milaiscritti), alla sua prima candidatura nel sondaggio, ha collezionato 12.866 preferenze.

«Questa - ha detto Intini - è una giornata storica, ma il riconoscimento non va alla mia persona, come rappresentante di un gruppo di associazioni, ma all’intero comparto del vino, che è patrimonio di tutti. Dobbiamo superare gli ambiti campanilistici. Nel rispetto della logica dei singoli bisogna sinergizzare le energie per vincere la battaglia sui mercati. Ci sono problemi come il crollo dei consumi, il rapporto dei giovani con un consumo che diventa occasionale e modaiolo. Il concetto del bere non consapevole va ribaltato. Positiva la presentazione di due proposte di legge, quella di Massimo Sani, più concentrata in ambito professionale come le scuole alberghiere, e quella di Dario Stefàno rivolta alle scuole primarie e secondarie, su modello di quanto accade in Francia dagli anni 90. Sarebbe tuttavia opportuno auspicare una loro fusione perché l’una non elide l’altra. Aggiungere piuttosto alle leggi qualche altra accezione che è quella della dieta mediterranea, della cultura del cibo, dell’olio del vino, del pane. Il vino è la grande energia dell’agroalimentare italiano, ma non è la sola».

Servendo un cocktail dopo l’altro, Gian Nicola Libardi, forte del dei 9.461 voti nella categoria barman, ci spiega il suo entusiasmo per una professione in grande risalto da cui è stato conquistato giovanissimo. «È importante - ha detto Libardi - che si lavori tutti insieme per proporre il bere miscelato al grande pubblico. È una nuova età dell’oro per questa professione, che richiede grande ricerca. La formazione è importante, ma è giorno per giorno che si continua ad imparare, senza che venga meno l’entusiasmo. È importante la conoscenza del classico ma bisogna reinterpretarlo in chiave moderna. C’è anche un grande ritorno dei cocktail americani di fine Ottocento e primo Novecento».


Ospiti del Principe Filippo e della Principessa Giorgiana Corsini

Chiusura della due giorni in grande stile, con l'inaugurazione al Museo Bardini della mostra “Appunti di stile dell’Italia a Tavola. Viaggio nella storia dell'arte di ricevere”, curata da Anna Lapini e Annamaria Tossani. Circa trenta scenografiche “mise en place” che offrono suggestivi scorci di interni familiari esclusivi, a testimonianza dello stile italiano a tavola. La mostra, al Museo Bardini fino al 30 maggio, si può visitare anche tramite smatphone e tablet, grazie alla brochure di presentazione che si può scaricare dalla App Italia a Tavola (per Apple e Android) o sfogliare tramite ISSUU, oppure utilizzando i QR Code riportati di seguito:



Main sponsor del “Premio Italia a Tavola” sono stati Consorzio Grana Padano, Trentodoc, Consorzio Tutela Vini Soave e Consorzio Olio Toscano Igp; in partnership con importanti associazioni di categoria, rappresentative delle varie anime della ristorazione: Fic, Euro-Toques Italia, Itchefs-Gvci, Conpait, AMPI, Abi Professional, Noi di Sala, Le Soste, Jre, Chic, Ais Toscana e la scuola di cucina Alma. Tra i media partner ci sono Radio Bar, Firenze Spettacolo e Radio Toscana.

Foto: Giulio Ziletti - Riccardo Melillo - Nicola Impallomeni - Modestino Tozzi - Giovanni De Angelis

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


Personaggio dell anno Premio Italia a Tavola Chef Rubio Sara Papa Vito Intini e Gian Nicola Libardi cena di gala premiazione Palazzo Borghese talk show Dario Franceschini

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160
& Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).