Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
domenica 18 agosto 2019 | aggiornato alle 09:35| 60390 articoli in archivio
Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
di Vincenzo D’Antonio
Vincenzo D’Antonio
Vincenzo D’Antonio
di Vincenzo D’Antonio

L’Italia tra cibo, politica e cultura
Ad Artimino, la storia continua…

L’Italia tra cibo, politica e cultura 
Ad Artimino, la storia continua…
L’Italia tra cibo, politica e cultura Ad Artimino, la storia continua…
Pubblicato il 01 aprile 2019 | 12:46

Un piacevole ritrovarsi a cadenza annuale; cadenza scandita dalle edizioni del nostro Premio Italia a Tavola. Infinite le suggestioni, in questa undicesima edizione dedicata all’Italia del ‘600.

Si è reso omaggio, partecipi divenendo, ad un secolo che tanto fortemente nel saggio cammino della storia, seppe trasmettere ai posteri in termini di conoscenza e di sapere, così ponendo le basi per generare quella cultura dei cui canoni e dei cui modelli a tutt’oggi ci gioviamo.

(L’Italia tra cibo, politica e cultura Ad Artimino, la storia continua…)

Per la precisione, il cosiddetto tuffo nel passato è un balzo all’indietro di 400 anni. Siamo nel “quando” del 1619, ci governa Cosimo II de’ Medici e siamo nel “dove” del Granducato di Toscana, precisamente ad Artimino, nella villa medicea Ferdinanda.

Ed in questo anno, parliamo del 1619, ricorre il primo centenario della nascita di Caterina de’ Medici e ricorre il primo centenario della morte di Leonardo da Vinci. A dire cosa fu lo “scorso secolo”, ovvero il Seicento, il primo secolo moderno ed a ribadire cosa è il “secolo attuale”, ovvero il Settecento.

(L’Italia tra cibo, politica e cultura Ad Artimino, la storia continua…)

Su per le antiche scale, a libare, a gioire di frammenti di vita ben consapevoli, seppe dircelo in versi due secoli addietro nel suo “Trionfo di Bacco e Arianna” Lorenzo il Magnifico, che “Chi vuol esser lieto, sia: di doman non c’è certezza”.
Cena di gala con le pietanze provenienti dalle 19 corti di un’entità geografica, l’Italia, ancora ben lungi dal divenire nazione.

Per delega dei governanti, come si conviene nelle relazioni diplomatiche, ciascheduna corte ha mandato un proprio ambasciatore con lo scopo acclarato di deliziare gli ospiti. E si scopre che questi ambasciatori sono grandi cuochi. Padrone di casa, ambasciatore in casa sua, lo chef Gaetano Trovato. Dal confinante Ducato di Urbino, il Duca Francesco II della Rovere invia come suo ambasciatore Moreno Cedroni.

(L’Italia tra cibo, politica e cultura Ad Artimino, la storia continua…)

Il Papa Paolo V Borghese affida l’ambascia a Maurizio Serva. Carlo I Emanuele di Savoia dal Ducato di Savoia invia l’ambasciatore Marcello Trentini. Claudio Sadler è ambasciatore del Ducato di Milano. Filippo III di Spagna, qui denominato anche Filippo il Pio, nel doversi diplomaticamente destreggiare tra Regno di Napoli e Regno di Sicilia, di ambasciatori ne invia tre: Andrea Migliaccio, Giovanni Porretto e Massimo Mantarro.

Ruolo di ambasciatore per il lontano Regno di Sardegna, affidato al prode e savio Sergio Mei. I Grigioni, lieti di essere ospitati da Cosimo II, di ambasciatori ne inviano due: Gianni Tarabini ed Enrico Derflingher. Di quest’ultimo le cronache attuali tacciono un fatto che poi diverrà importante: Enrico Derflingher diverrà nel XXI secolo il presidente di Euro-Toques Italia.

(L’Italia tra cibo, politica e cultura Ad Artimino, la storia continua…)

Ancora fresco dell’atmosfera conciliare (Concilio di Trento), il Vescovo Carlo Gaudenzio Madruzzo che clericalmente governa il Principato di Trento, invia come ambasciatore Daniel Facen. La Serenissima, governata dal Doge Antonio Priulì invia l’ambasciatore Lionello Cera. Una spiccata presenza femminile è l’ambasciatrice Fabiana Tabai che Ferdinando I Gonzaga argutamente, così abile nel fare scouting, invia qui in rappresentanza del Ducato di Mantova. E Cesare d’Este dal Ducato di Modena e Reggio manda come suo ambasciatore Luca Marchini. Dalla Repubblica Marinara di Genova, non badando a spese, il Doge Giovanni Giacomo Imperiale Tartaro (per gli amici Jonny) giunge come valente ambasciatore il prode Paolo Masieri.

Giuseppe Mancino è l’ambasciatore della vicina Repubblica di Lucca. Continuità del passato con il presente lungo lo scorrere lento del savio fiume della storia. Quante pietanze prelibate che i graditi ospiti, gaiamente frammischiati a compìti figuranti, hanno potuto degustare ed apprezzare. Ed al termine della cena, tra squilli di trombe e rullare di tamburi, la gioiosa premiazione dei Personaggi dell’Anno 2018 - Premio Italia a Tavola.

(L’Italia tra cibo, politica e cultura Ad Artimino, la storia continua…)

(L’Italia tra cibo, politica e cultura Ad Artimino, la storia continua…)

premioitaliaatavola iat italiaatavola premioiat cena cena di gala chef storia cultura ambasciatore cucina italia artimino

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...
Mostra più articoli >

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato a tutti i mezzi del network: la rivista mensile per la ristorazione Italia a Tavola, la rivista in versione digitale per un pubblico più vasto, le diverse newsletter Italia a Tavola settimanale rivolte ad un pubblico di esperti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza su tutti i principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch)
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160
& Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato a tutti i mezzi del network: la rivista mensile per la ristorazione Italia a Tavola, la rivista in versione digitale per un pubblico più vasto, le diverse newsletter Italia a Tavola settimanale rivolte ad un pubblico di esperti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza su tutti i principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch)