Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
sabato 13 agosto 2022 | aggiornato alle 17:54 | 86944 articoli in archivio

I magnifici sei del Sondaggio IaT Orgoglio, gioia e qualche lacrima

A mezzanotte di domenica si sono chiuse le votazioni per il 3° e ultimo turno dal quale sono emersi i vincitori delle sei categorie in gara: Cuochi, Pizzaioli, Pasticceri, Sala&Hotel, Barman e Opinion leader. Raggiunti telefonicamente hanno parlato con emozione e soddisfazione per il percorso fatto in virtù dei tanti voti ricevuti.

17 febbraio 2020 | 18:40
I magnifici sei del Sondaggio IaT 
Orgoglio, gioia e qualche lacrima
 
I magnifici sei del Sondaggio IaT 
Orgoglio, gioia e qualche lacrima

I magnifici sei del Sondaggio IaT Orgoglio, gioia e qualche lacrima

A mezzanotte di domenica si sono chiuse le votazioni per il 3° e ultimo turno dal quale sono emersi i vincitori delle sei categorie in gara: Cuochi, Pizzaioli, Pasticceri, Sala&Hotel, Barman e Opinion leader. Raggiunti telefonicamente hanno parlato con emozione e soddisfazione per il percorso fatto in virtù dei tanti voti ricevuti.

17 febbraio 2020 | 18:40
 

Antonio e Vincenzo Lebano, Lorenzo Sirabella, Luca Montersino, Paolo Porfidio, Cinzia Ferro e Chiara Maci. Sono loro i magnifici sei che si sono aggiudicati il sondaggio “Personaggio dell’anno dell’enogastronomia e dell’accoglienza di Italia a Tavola” nelle rispettive categorie.


Il sondaggio ha espresso i suoi verdetti (I magnifici sei del Sondaggio IaT Orgoglio, gioia e qualche lacrima)
Il sondaggio ha espresso i suoi verdetti

Vincenzo Lebano racconta come hanno vissuto i tre mesi di votazioni nella categoria Cuochi: «Sono stati tre mesi interessanti, tre mesi dove ci siamo divertiti, abbiamo fatto tanta comunicazione sui social, anche con tutti i nostri alberghi in Europa. finalmente il risultato è stato quello che ci aspettavamo».

Lorenzo Sirabella ha avuto la meglio tra i pizzaioli, nelle sue parole la sua soddisfazione: «È stata una bella soddisfazione e poi è molto gratificante sapere che ci sono tutte queste persone che seguono il mio operato, soprattutto è bello vedere  tutti i commenti che hanno lasciato nel sondaggio di tante persone che vengono a trovarmi al Dry dimostrandomi davvero tanto affetto».

Rivince dopo il successo nel 2014 Luca Montersino, tra i pasticceri: «Sono molto contento anche perché è una bella sensazione, è la seconda volta che vinco negli anni e mi ha fatto molto piacere sapere che nonostante passino gli anni la gente continua a seguirmi, dopo aver seminato tanto iniziamo un po’ a raccogliere».

Grande successo per la categoria Sala&Hotel dove a vincere è stato Paolo Porfidio che sottolinea la marea di voti. «È un bel segnale, stiamo facendo un bel lavoro secondo me a livello di servizio, a livello di rivoluzionare la sala e dare più valore al servizio che è quello che conta ed è quello che fa la differenza nell’esperienza di un ospite, di un cliente a tavola».

Realmente commossa Cinzia Ferro, anche lei già vincitrice in passato tra i Barman: «L’affetto della gente è cresciuto tantissimo, infatti ho appena finito di piangere. Davvero tantissimi voti, è vero che io fatto tanto tam tam sui social però noN pensavo un risultato così e sto dicendo agli amici grazie anche se non ho fatto niente, avete fatto voi perché questo è, ed è la cosa più bella».

Altra riconferma, quella di Chiara Maci tra gli Opinion leader che si sofferma sul ruolo dei food blogger: «Per me è importante perché sono 11 anni che cerco di far capire quanto importante sia il nostro lavoro che è quello di comunicare e comunicare tante cose. È anche un modo per lanciare il mondo del web».

Hashtag: #premioiat

© Riproduzione riservata STAMPA

 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali