Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
domenica 14 aprile 2024  | aggiornato alle 16:47 | 104571 articoli pubblicati

Marchesi vince la disputa contro l’allievo Guido Rossi ha violato il diritto d’autore

L'autorità giudiziaria ha giudicato il cuoco Guido Rossi responsabile di contraffazione e nello specifico della violazione del diritto d'autore del piatto “Riso, oro e zafferano”, ideato da Gualtiero Marchesi

 
17 novembre 2015 | 12:29

Marchesi vince la disputa contro l’allievo Guido Rossi ha violato il diritto d’autore

L'autorità giudiziaria ha giudicato il cuoco Guido Rossi responsabile di contraffazione e nello specifico della violazione del diritto d'autore del piatto “Riso, oro e zafferano”, ideato da Gualtiero Marchesi

17 novembre 2015 | 12:29
 

Il Tribunale di Milano si è pronunciato a favore di Gualtiero Marchesi (nella seconda foto in basso, il secondo da destra) per la disputa sulla sua ricetta più celebre: “Riso, oro e zafferano” riprodotta dal suo ex allievo Guido Rossi, condannato al risarcimento morale e monetario del suo ex maestro. Guido Rossi, dopo un contrasto con Marchesi, aveva aperto un proprio ristorante a Milano dove serviva un piatto identico a quello di Marchesi denominato “Risotto Oro e Zafferano. Omaggio a Marchesi”, adottando anche lo stesso prezzo. Nella ricetta originale però è usato il riso Carnaroli, che Rossi ha sostituito con la qualità Basmati, non adatto a cucinare una ricetta del genere, e per giunta usava un Basmati di bassa qualità. Per questo Marchesi si è rivolto all’Autorità giudiziaria milanese.



Il collegio riunitosi ha stabilito la «validità della registrazione come marchio di forma e come disegno registrato del piatto riso, oro e zafferano del maestro Gualtiero Marchesi», e dunque accertato e dichiarato la «tutelabilità come opera del diritto d’autore del piatto stesso». Oltretutto Guido Rossi «si è reso responsabile di contraffazione», nello specifico di «violazione del marchio di forma» e del «disegno registrato», oltre che del diritto d’autore, di «atti di concorrenza sleale sotto il profilo della imitazione servile, della appropriazione di pregi, del rischio di denigrazione del prodotto» e di «violazione di legge comunque di comportamenti contrari alla correttezza professionale».



Rossi è stato condannato a fare pubblica ammenda, facendo pubblicare la sentenza sulla rivista La Cucina Italiana, sul sito dell’Ente Nazionale Risi, oltre che sul sito del ristorante e/o sul sito personale dello chef. Naturalmente Rossi è stato condannato anche al risarcimento dei danni in favore di Marchesi e al divieto di commercializzazione, pubblicizzazione e offerta in pubblico della ricetta contraffatta, con una penale di 100 euro per ogni violazione del divieto e di 2mila euro per ogni giorno di ritardo nel conformarsi a questi ordini. Esistono già alcune forme di tutela del food (taste and smell), in particolare ai sensi del diritto d'autore, di cui si discute in Europa e negli Stati Uniti e sulle quali si sono pronunciate alcune corti straniere. Per queste però non c'è ancora giurisprudenza italiana.

© Riproduzione riservata STAMPA

 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
       


Giordana Talamona
Molino Spadoni
Mulino Caputo
Fratelli Castellan

Giordana Talamona
Molino Spadoni
Mulino Caputo

Fratelli Castellan
Fonte Margherita
Di Marco