Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
lunedì 26 febbraio 2024  | aggiornato alle 06:24 | 103385 articoli pubblicati

Sì della Commissione nazionale Unesco alla candidatura della pizza napoletana

La Commissione italiana Unesco ha accettato di candidare la pizza napoletana nella lista dei patrimoni culturali immateriali dell’umanità. Il dossier sarà consegnato alla sede dell'Unesco il prossimo 30 marzo. Una scelta che rafforza le politiche del Governo di contrasto delle contraffazioni di alimenti made in Italy

27 marzo 2015 | 10:56
Sì della Commissione nazionale Unesco 
alla candidatura della pizza napoletana
Sì della Commissione nazionale Unesco 
alla candidatura della pizza napoletana

Sì della Commissione nazionale Unesco alla candidatura della pizza napoletana

La Commissione italiana Unesco ha accettato di candidare la pizza napoletana nella lista dei patrimoni culturali immateriali dell’umanità. Il dossier sarà consegnato alla sede dell'Unesco il prossimo 30 marzo. Una scelta che rafforza le politiche del Governo di contrasto delle contraffazioni di alimenti made in Italy

27 marzo 2015 | 10:56
 

Via libera della Commissione italiana Unesco all'iscrizione della pizza nella lista Unesco del patrimonio culturale immateriale dell’umanità. La Commissione nazionale italiana per l'Unesco, presieduta da Giovanni Puglisi - al quale erano state consegnate 300mila firme raccolte da parte della Coldiretti insieme all'Associazione Pizzaiuoli Napoletani e alla fondazione UniVerde dell'ex ministro dell'Agricoltura Alfonso Pecoraro Scanio a sostegno della campagna lanciata sulla piattaforma Change.org - ha deliberato di candidare "L'arte dei pizzaiuoli napoletani" nella Lista del Patrimonio Culturale Immateriale dell'Umanità dell'Unesco per il ciclo 2015/2016.



Si tratta dell'unica candidatura italiana per questo periodo. Il riconoscimento dà valore ad una tradizione sostenibile, attenta alla naturalità, che parla di materie prime povere e d’ingegnosità umana, di genialità di donne e uomini che volevano trovare modi gustosi e sostanziosi per nutrire le proprie famiglie e la propria comunità.

«La decisione della Commissione nazionale Unesco ci riempie di gioia - ha dichiarato il Ministro Maurizio Martina - soprattutto perché arriva a pochi giorni dall'inaugurazione dell'Esposizione universale, a Milano, dedicato ai temi della nutrizione. La scelta del governo italiano di presentare a Parigi, quale unica candidatura nazionale, quella dell'arte dei pizzaiuoli napoletani, rappresenta il modo migliore per riaffermare l'importanza che il patrimonio culturale agroalimentare ha per l'Italia. È una decisione rilevante anche per contrastare quei fenomeni di imitazione di questa antica arte italiana e rilanciare le tecniche tradizionali di produzione, tramandate di generazione in generazione».

«Nell'anno in cui l'Italia, e l'Europa, ospitano l'Expo - ha concluso il Ministro Martina - candidare come patrimonio dell'umanità uno dei simboli più rilevanti del made in Italy è una scelta che rafforza le politiche del governo di contrasto delle contraffazioni ma anche di promozione nel mondo delle nostre tradizioni agroalimentari. Sono convinto che riusciremo a convincere l'Unesco che si tratti di un patrimonio da salvaguardare e da valorizzare in tutto il mondo».

«Il riconoscimento dell’Unesco ha un valore straordinario per l'Italia che è il Paese dove più radicata è la cultura alimentare e la pizza rappresenta un simbolo dell’identità nazionale - ha affermato il presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo nel sottolineare che - quando un prodotto diventa globalizzato il rischio è che se ne perda l'origine ed è proprio il caso dell’arte della pizza».

Il dossier sarà materialmente consegnato alla sede dell'Unesco il prossimo 30 marzo. Da quel momento inizierà un lungo e complesso negoziato internazionale che coinvolgerà oltre 150 Stati. Per conto dell'Italia il negoziato sarà condotto da Pier Luigi Petrillo che recentemente ha fatto ottenere il prestigioso riconoscimento dell'Unesco alla pratica agricola della coltivazione della vite ad alberello di Pantelleria.

© Riproduzione riservata STAMPA

 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
       


Delyce
Prugne della California
Roner
Ristorexpo

Delyce
Prugne della California
Roner

Ristorexpo
Bonduelle
ROS