Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
sabato 15 giugno 2024  | aggiornato alle 10:29 | 105886 articoli pubblicati

Elle & Vire
Siad
Siad

Pagamenti con il Pos, ecco nel dettaglio tutte le nuove regole

A partire dal 30 giugno, commercianti e professionisti non potranno più rifiutare i pagamenti elettronici, pena una sanzione pecuniaria pari a 30 euro, aumentati del 4% del valore della transazione

di Luca Ronzoni
 
29 giugno 2022 | 10:32

Pagamenti con il Pos, ecco nel dettaglio tutte le nuove regole

A partire dal 30 giugno, commercianti e professionisti non potranno più rifiutare i pagamenti elettronici, pena una sanzione pecuniaria pari a 30 euro, aumentati del 4% del valore della transazione

di Luca Ronzoni
29 giugno 2022 | 10:32
 

A partire dal 30 giugno 2022, commercianti e professionisti non potranno più rifiutare i pagamenti tramite carte di debito, di credito o prepagate, pena una sanzione pecuniaria pari a 30 euro, aumentati del 4% del valore della transazione per la quale sia stata rifiutata l’accettazione del pagamento.

Pagamenti con il Pos, ecco nel dettaglio tutte le nuove regole

Quando si rischia la sanzione 

Dalla lettera della norma emerge come la violazione non sia integrata dal mero fatto di non avere la disponibilità di un POS per consentire i pagamenti elettronici, ma dal rifiutare la richiesta del cliente di effettuare il pagamento di quanto dovuto tramite una carta di pagamento. Vale a dire che, fino a quando il cliente non effettuerà simile richiesta, non sarà integrata alcuna violazione. Allo stesso modo, alcun rischio di sanzione è ipotizzabile quando, fin dall’inizio del rapporto, si sia pattuito un diverso mezzo di pagamento (ad esempio, il bonifico bancario).

Commercianti e professionisti sono tenuti ad accettare pagamenti effettuati attraverso carte di pagamento, relativamente non solo ad una carta di debito o di credito, ma anche a carte prepagate.

L'obbligo c'era già: non c'erano le sanzioni

Peraltro, i soggetti sopra ricordati avrebbero da tempo dovuto accettare pagamenti effettuati attraverso “carte di pagamento”, fatti salvi i casi di oggettiva impossibilità tecnica (e ferme le disposizioni antiriciclaggio del DLgs. 231/2007). Ai sensi del testo originario dell’art. 15 comma 4 del DL 179/2012 convertito, tale obbligo avrebbe dovuto applicarsi “dal 1° gennaio 2014”.

L’obbligo, tuttavia, non è ancora oggi assistito da alcuna sanzione, dal momento che, in primo luogo, il Consiglio di Stato aveva espresso parere contrario (parere n. 1446/2018) allo schema di uno dei DM predisposti in attuazione dell’art. 15 comma 5 del DL 179/2012 convertito, e che avrebbe dovuto disciplinare le modalità, i termini e l’importo delle sanzioni amministrative pecuniarie (in base a tale disposizione, infatti, con uno o più decreti attuativi, vengono disciplinati le modalità, i termini e l’importo delle sanzioni amministrative pecuniarie, anche in relazione ai soggetti interessati, di attuazione della disposizione ... anche con riferimento alle fattispecie costituenti illecito e alle relative sanzioni pecuniarie amministrative”).

 

 

Chi deve sanzionare?

In attesa di indicazioni ufficiali su come, in concreto, si debba procedere alla segnalazione della violazione in questione – che, come detto, appare presentare connotati residuali nel mondo professionale, dove, normalmente, il pagamento delle parcelle avviene con bonifici o assegni – non resta che ricordare come, per le sanzioni relative alle violazioni in questione, trovino applicazione le procedure e i termini previsti dalla L. 689/1981. È espressamente esclusa, tuttavia, l’applicazione della c.d. oblazione amministrativa ex art. 16 della L. 689/1981; istituto che consente al contravventore di pagare una somma pari alla terza parte del massimo della sanzione o, se più favorevole e qualora sia stabilito il minimo della sanzione edittale, pari al doppio del relativo importo, oltre alle spese del procedimento.

All’accertamento delle violazioni sono chiamati a provvedere gli ufficiali e gli agenti di polizia giudiziaria, nonché gli organi che, ai sensi dell’art. 13 comma 1 della L. 689/1981, sono addetti al controllo sull’osservanza delle disposizioni per la cui violazione è prevista la sanzione amministrativa del pagamento di una somma di denaro. L’autorità competente a ricevere il rapporto relativo alle violazioni è il Prefetto della Provincia nella quale è stata commessa la violazione.

 

Per ulteriori dettagli o approfondimenti rivolgersi a:

Studio Perrucchini Ronzoni & Partners
Passaggio Canonici Lateranensi 1
24121 Bergamo
Tel 035 216100 - Fax 035 249927
luca.ronzoni@sinapsisrl.it

© Riproduzione riservata STAMPA

 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
       


Valverde
Molino Pivetti
Consorzio Tutela Aceto Balsamico Tradizionale di Modena
Electrolux
Siad

Valverde
Molino Pivetti
Consorzio Tutela Aceto Balsamico Tradizionale di Modena

Electrolux
Debic
Julius Meiln