Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
martedì 16 luglio 2024  | aggiornato alle 11:13 | 106470 articoli pubblicati

Bufala Campana
Bufala Campana

Salvatore Trapanese vince “Sala e Hotel”: «Crisi del personale? Scuola e lavoro sono distanti»

Il docente e banqueting manager di Procida si è aggiudicato contro ogni pronostico il primo posto del Premio di Italia a Tavola nella categoria riservata ai professionisti dell'hotellerie. Da insegnante dice: “Manca la parte di laboratorio, serve allinearsi con le esigenze del mercato”

17 marzo 2023 | 11:00
Salvatore Trapanese Salvatore Trapanese vince “Sala e Hotel”: «Crisi del personale? Scuola e lavoro sono distanti»
Salvatore Trapanese Salvatore Trapanese vince “Sala e Hotel”: «Crisi del personale? Scuola e lavoro sono distanti»

Salvatore Trapanese vince “Sala e Hotel”: «Crisi del personale? Scuola e lavoro sono distanti»

Il docente e banqueting manager di Procida si è aggiudicato contro ogni pronostico il primo posto del Premio di Italia a Tavola nella categoria riservata ai professionisti dell'hotellerie. Da insegnante dice: “Manca la parte di laboratorio, serve allinearsi con le esigenze del mercato”

17 marzo 2023 | 11:00
 

Se c'è stata una sorpresa nell'edizione 2023 del Premio Italia a Tavola è senza dubbio quella che ha coinvolto la categoria "Sala e Hotel", dove ad aggiudicarsi il primo posto è stato Salvatore Trapanese, docente di scuola superiore e banqueting manager, oltre che referente del suo territorio, Procida, per Amira, l'Associazione maître italiani ristoranti e alberghi.

Pur avendo raccolto negli anni diversi riconoscimenti, ultimo in ordine temporale quello di Professionista dell'anno 2022 da parte di Solidus, il suo successo era difficilmente pronosticabile e ha sorpreso lo stesso Trapanese: «Tra tutti quei nomi ero di certo il personaggio meno noto e lo sono ancora, nonostante la vittoria mi farà sicuramente conoscere a un pubblico maggiore. Per me era importante non fare brutta figura e, invece, ho vinto».

Salvatore Trapanese vince il Premio Iat 2023 "Sala e Hotel"

Salvatore, intanto complimenti per la vittoria. La prima domanda sorge spontanea: com'è nato l'amore per il tuo lavoro?
«L'ho scelto venticinque anni fa. Mi è sempre piaciuto stare in mezzo alla gente e lavorare per il prossimo. Tutto è partito da casa mia, Procida. Lì ho iniziato, prima di girare l'Italia e l'Europa e, infine, tornare a casa. La mia terra ha grandissime potenzialità, non sempre sfruttate al massimo. Mi sto impegnando perché possa essere sempre di più apprezzata. L'accoglienza per me è questo: racconto e condivisione del territorio».


LEGGI LE INTERVISTE AI VINCITORI

- Max Mariola, il cuoco della porta accanto, da pelapatate a chef star sul web

- Intervista al "vincitore" Franco Pepe: l'eccellenza nella pizza e nella formazione

- Luca Montersino: «I dessert sono oggi come il pane quotidiano, serve consapevolezza»

- Barman, vince Deborah Santoro: «Lavoriamo il triplo degli uomini per ottenere risultati»

Raspelli (top opinion leader): «I critici della cucina saranno presto disoccupati»

 

Una visione nobile e che dà l'idea dell'importanza del ruolo di chi lavora nell'hotellerie. Negli ultimi tempi, però, il lavoro non sembra riscuotere un gran successo. Lei si è fatto un'idea dei motivi?
«Negli anni il nostro è diventato un mestiere sfruttato e sottopagato. Un lavoro banale. O meglio, banalizzato. Paghiamo lo scotto di non aver valorizzato nel modo giusto il nostro comparto, di averlo sottovalutato, dandolo in pasto a tutti. Non è, invece, un lavoro per tutti. Serve rimanere sempre aggiornati, formarsi e adeguarsi di volta in volta ai nuovi standard qualitativi. Per questo penso e spero che nei prossimi anni supereremo questa fase, grazie al lavoro delle associazioni e delle scuole. In tanti pensano che le alternative siano due: o si fa la fame o si è fortunati e si va in televisione. La realtà è diversa. Ci sono tantissimi professionisti compresi tra i due estremi, professionisti che si sono trovati un loro spazio e sono riusciti a togliersi numerose soddisfazioni».

 

Lei, oltre a praticare la professione, è anche un docente, quindi conosce anche l'altro lato della medaglia. In cosa è carente la formazione dei giovani in Italia?
«Nelle scuole manca l'attività di laboratorio e anche quando c'è non è comunque all'altezza delle richieste delle imprese. Occorre allinearsi sotto questo aspetto, un allineamento che in questo momento non c'è. La scuola e il lavoro si muovo, secondo me, su due linee parallele e di conseguenza le esigenze non si incontrano. Quando un ragazzo diplomato esce da un istituto o ha una formazione vecchia e quindi non è pronto oppure semplicemente lo si perde, va a fare altro».

Salvatore Trapanese Salvatore Trapanese vince “Sala e Hotel”: «Crisi del personale? Scuola e lavoro sono distanti»

Salvatore Trapanese

E lei, che questi ragazzi li vede ogni giorno, ha un consiglio da dare loro?
«Io dico sempre la verità: questo è un lavoro che, per essere fatto bene, va amato al pari della propria famiglia. Si dovrà fare i conti con tanti problemi, con le emergenze quotidiane, e per farlo c'è solo una strada: amare il proprio lavoro. Alla base di tutto ci deve essere quello».

In conclusione, lei è positivo o negativo se pensa al futuro?
«Io credo che le difficoltà del nostro comparto siano in realtà condivise anche da altri e facciano parte di un momento generale. Sono convinto che, con il lavoro di tutti, ne sapremo uscire.

© Riproduzione riservata STAMPA

 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
       

22/03/2023 15:11:31
1) GRANDE
Ha vinto un professionista, dove la sua arma migliore è l'umiltà. Titolo ampiamente meritato.
Diodato Buonora




Consorzio Barbera Asti
Tecnoinox

Nomacorc Vinventions
Sartori
Schar