Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
giovedì 25 luglio 2024  | aggiornato alle 06:54 | 106677 articoli pubblicati

Bufala Campana
Bufala Campana

Il Miglior sommelier della Lombardia 2024? È Marius Dumitru

Dumitru è head sommelier del ristorante Ma.Ri.na di Olgiate Olona (Va). Secondo posto per Cristian Russomanno (delegazione Ais di Milano) e terzo Andrea Russetti (delegazione Ais di Como)

 
09 luglio 2024 | 14:44

Il Miglior sommelier della Lombardia 2024? È Marius Dumitru

Dumitru è head sommelier del ristorante Ma.Ri.na di Olgiate Olona (Va). Secondo posto per Cristian Russomanno (delegazione Ais di Milano) e terzo Andrea Russetti (delegazione Ais di Como)

09 luglio 2024 | 14:44
 

Marius Dumitru, della Delegazione di Milano, il Miglior Sommelier Ais (Associazione italiana sommelier) della Lombardia 2024. Dumitru sale finalmente sul gradino più alto del podio dopo un terzo e un secondo negli scorsi anni. Secondo posto per Cristian Russomanno (delegazione Ais di Milano) , terzo Andrea Russetti (delegazione Ais di Como). Le finali si sono svolte lunedì 8 luglio all’Hotel Westin Palace di Milano in occasione di Ais Birth Day, la giornata dedicata ai festeggiamenti per l’anniversario della nascita dell’Associazione italiana sommelier, che quest’anno spegne 59 candeline.

Il Miglior sommelier della Lombardia 2024? È Marius Dumitru

Marius Dumitru, miglior sommelier Ais della Lombardia 2024

Chi è Marius Dumitru, Miglior sommelier Ais della Lombardia

Classe 1988, nato a Timi?oara in Romania e trasferitosi all’età di 7 anni in Piemonte, Marius Dumitru è head sommelier del ristorante Ma.Ri.na di Olgiate Olona, storico punto di riferimento gourmet della provincia di Varese. «Dopo 3 tentativi e due podi, sono veramente contento di aver centrato questo importante risultato» commenta a caldo Dumitru - Adesso l’obiettivo è continuare a studiare e portare avanti altri progetti, tra i quali la partecipazione al concorso nazionale».

Le gare per decidere il Miglior sommelier Ais della Lombardia 2024

Durante le finali aperte al pubblico, i sommelier hanno dovuto sostenere diverse prove, come il riconoscimento e la descrizione di quattro vini e tre distillati, l’analisi di un menu con la scelta dei migliori vini, sia regionali che nazionali e internazionali, da proporre in abbinamento, e infine la decantazione e una prova di comunicazione. Alle prove scritte del mattino hanno preso parte 13 sommelier provenienti da diverse delegazioni provinciali della Lombardia.

«Il concorso lombardo è una competizione molto importante tra quelle regionali che si svolgono ogni anno all’interno dell’Associazione italiana sommelier» commenta Hosam Eldin Abou Eleyoun, presidente di Ais Lombardia - All’interno di Ais Lombardia esiste una specifica scuola concorsi che consente ai sommelier che si vogliono cimentare in questa ormai storica competizione, nata nel 1992, di prepararsi al meglio, grazie alla docenza di molti ex campioni regionali e nazionali».

Quest’anno la giuria che ha giudicato le prove dei finalisti era composta, oltre che dal presidente di Ais Lombardia, anche da Luisito Perazzo,responsabile dell’area concorsi di Ais Lombardia, coadiuvato dal sommelier Artur Vaso, ex campione lombardo, Federico Bovarini, miglior sommelier della Lombardia 2023 e Jessica Bordoni, giornalista e coordinatrice web della testata Civiltà del Bere.

Dolcevita

Ais Birth Day: successo per il gran banco di assaggio a Milano

L'edizione 2024 dell'AIS Birth Day ha riscosso un grandissimo successo, registrando un'affluenza di oltre mille persone tra soci Ais Lombardia e operatori del settore. Al centro della giornata si è posizionato il gran banco di assaggio, che ha permesso di degustare i vini di oltre 200 cantine provenienti da tutte le regioni d'Italia. Un vero e proprio viaggio enogastronomico attraverso la penisola, alla scoperta della straordinaria varietà e ricchezza del patrimonio vitivinicolo italiano. A completare la giornata, una masterclass approfondita dedicata alla Franciacorta, condotta dal rinomato giornalista e scrittore Armando Castagno. Un'occasione preziosa per conoscere a fondo uno dei più prestigiosi vini italiani, approfondandone la storia, la produzione e le caratteristiche uniche.

© Riproduzione riservata STAMPA

 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
       



Consorzio Asti DOCG
Molino Grassi

Martini Frozen
Consorzio Tutela Aceto Balsamico Tradizionale di Modena
Tecnoinox