Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
domenica 28 novembre 2021 | aggiornato alle 01:30 | 79815 articoli in archivio

Podere Marcampo ed enoteca Del Duca Dove la natura sposa l'enogastronomia

Il Podere Marcampo a Volterra (Pi), della famiglia Del Duca, abbina la storia e l'arte del suo territorio alla qualità dei vini di sua produzione. La famiglia gestisce anche l'ottimo ristorante enoteca Del Duca

di Marinella Argentieri
04 giugno 2015 | 15:25

Podere Marcampo ed enoteca Del Duca Dove la natura sposa l'enogastronomia

Il Podere Marcampo a Volterra (Pi), della famiglia Del Duca, abbina la storia e l'arte del suo territorio alla qualità dei vini di sua produzione. La famiglia gestisce anche l'ottimo ristorante enoteca Del Duca

di Marinella Argentieri
04 giugno 2015 | 15:25

Situata nel territorio dell’Alta Val di Cecina (Pi), Volterra domina, dai suoi 550 metri di altezza, un paesaggio punteggiato di fortificazioni, borghi, pievi, abitazioni rurali, immersi in una natura incontaminata. In questo contesto è ubicato il Podere Marcampo che si sviluppa intorno ad un casolare sapientemente ristrutturato nel quale sono state realizzate: tre camere doppie, due appartamenti ed una suite, tutte dotate di ogni moderno comfort ed arredate con gusto. Una bella piscina completa questa oasi di pace, circondata da vigne e roseti.



Il proprietario Genuino Del Duca, ha dato qui vita al suo sogno di produrre vino di qualità. Ha conseguito diplomi da sommelier frequentando brillantemente corsi Ais (Associazione italiana sommelier) e Fisar (Federazione italiana sommelier albergatori e ristoratori), e ha iniziato a coltivare con passione e tenacia, su un terreno argilloso, due vitigni: Merlot e Sangiovese. Nel 2007 la prima vendemmia con la quale realizza tre etichette: Giusto delle Balze (Merlot 100 %), Marcampo (50% Sangiovese e 50% Merlot), Genuino (80% Sangiovese e 20% Merlot) per circa 10mila bottiglie; subito ha ottenuto riconoscimenti da autorevoli guide e dal mercato anche estero: esporta in Svizzera, Germania e Belgio. Con le vinacce produce due grappe: una invecchiata in barrique ed una bianca. L’agriturismo è seguito con professionalità dalla figlia Claudia che parla fluentemente diverse lingue e promuove la cantina alle fiere enologiche in Italia e in Europa.

Da Marcampo, in pochi minuti, si raggiunge Volterra, città d’arte che testimonia tremila anni di storia: etruschi, romani, medioevo, rinascimento hanno lasciato tracce visibili nel centro urbano, nei palazzi, nei musei e nell’artigianato artistico che vanta l’esclusiva lavorazione dell’alabastro, pietra che ricorda il marmo, ma è più tenera, leggera e trasparente. Roccia di origine gessosa, prevalentemente bianca, con la presenza di altri minerali assume tonalità e venature che vanno dal grigio al nero, dal giallo al marrone. La sua valorizzazione, iniziata già in periodo etrusco, oggi è affidata a pochi veri artigiani come l’antica bottega laboratorio della famiglia Rossi produttori dal 1912 di vere preziose opere d’arte, ma anche di piccoli graziosi souvenir.

da sinistra: Angelo Valentini, Marinella Argentieri, Ivana e Genuino Del Duca
Nella foto, da sinistra: Angelo Valentini, Marinella Argentieri, Ivana e Genuino Del Duca

Lasciato il Laboratorio Rossi, nei pressi dell’anfiteatro Romano, attraversata la bellissima Piazza dei Priori si giunge rapidamente al ristorante enotecaDel Duca (info@enoteca-delduca-ristorante.it) a ridosso di un palazzo storico (Palazzo Inghirami, del 1200). Il locale, nato nel 2001, ben presto è divenuto un riferimento dell’enogastronomia toscana grazie all’eccellente cucina di Ivana, moglie di Genuino. Nei giorni scorsi Ristoranti Regionali - Cucina Doc, durante la visita di alcuni giornalisti enogastronomi, ha consegnato la targa associativa del gruppo al locale. Per l’occasione Ivana ha preparato un succulento menu, utilizzando i migliori prodotti del territorio.

Ha iniziato con la degustazione di antipasti: terrina di piccione con emulsione di aceto balsamico, sformatino di ricotta con tartufo, mousse di pecorino con miele d’acacia, tortino di verdure con erbette di Marcampo. Quindi ha proposto un’antica minestra di fave e tagliatelle all’uovo con ragù bianco d’anatra, per proseguire con capretto nostrano al forno e cinghiale alla volterrana. La terrina ai tre cioccolati con caramello d’arancio ha chiuso in dolcezza un menù superlativo abbinato, naturalmente, ai vini di Marcampo.


Podere Marcampo
Pod. Marcampo, 30 - 56048 Loc. San Cipriano, Volterra (Pi)
Tel 0588 85393 / 348 5149782 / 328 1744605
www.agriturismo-marcampo.com
info@agriturismo-marcampo.com

© Riproduzione riservata

 
Voglio ricevere le newsletter settimanali