Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e ospitalità
mercoledì 21 novembre 2018 | aggiornato alle 12:49 | 56504 articoli in archivio
di Claudio Zeni
di Claudio Zeni

La Corte dell’Oca a Subbiano
il piacere dell’ospitalità toscana

Pubblicato il 12 settembre 2018 | 19:33

All’interno del vecchio Borgo Maestro del centro casentinese di Subbiano (Ar) vi è “La Corte dell’Oca”, ristorante - albergo, frutto di un restauro seguito direttamente dal titolare Franco Donati.

Quest'ultimo propone un’ospitalità di vecchio stampo, nel nome di tradizioni e cibi che sembravano perduti. Suggestivo è entrare nella Corte dall’ingresso di Via Roma, dove, dopo aver percorso uno stretto andito ricavato al pianoterra del sovrastante palazzo ottocentesco, fa mostra di sé, ambiziosa quanto immutata nel tempo, la cantina di Quintilio, che custodisce gelosamente tutti i segreti della pigiatura dell’uva, della fermentazione e del travaso del mosto nelle botti.

(La Corte dell’Oca a Subbiano il piacere dell’ospitalità toscana)

Entrati nella Corte si scopre subito, con non lieve sorpresa, che il tempo qui sembra essersi fermato agli anni ’50, a quell’Italia ingenua e sentimentale, che sapeva godere di cose semplici, familiari, non ancora abituata a quel superfluo che offre il terzo Millennio e che non emoziona più nessuno.

La cucina è rigorosamente toscana e tradizionale, senza alcuna rivisitazione modaiola, a base di crostini di milza bagnati nel vinsanto, zuppa di fagioli, crema di cipolle, tortelli di patate accompagnati dal classico sugo d’anatra, cinghiale in salmì, trippa fumante, coniglio fritto, fagioli cotti nel fiasco, zuppa inglese e crostate, golosità servite in tavola da sorridenti cameriere guidate da Olga, la figlia di Franco.

(La Corte dell’Oca a Subbiano il piacere dell’ospitalità toscana)

La sala esterna, dove fanno bella mostra di sé il camino ed il forno a legna, è il luogo ideale per chi desidera trascorrere una serata in santa pace, in un locale che evoca la piacevole tradizione familiare.

Nel segno della tradizione anche gli appuntamenti culinari a cadenza periodica, dove si alternano bolliti misti, fritti, pietanze in umido e arrosti, mentre la domenica è d’obbligo prenotare per il pranzo della festa. Sia il pranzo della domenica che gli altri appuntamenti vengono proposti ad un prezzo eccezionale di 28 euro.

(La Corte dell’Oca a Subbiano il piacere dell’ospitalità toscana)

Una sosta alla Corte dell’Oca è quindi un’esperienza unica da raccontare agli amici nel segno della buona cucina e della cordiale ospitalità toscana.

Per informazioni: www.cortedelloca.it

Locali ristoranti iat italia a tavola Subbiano Arezzo Toscana Franco Donati La corte dell oca cantina di Quintilio uva fermentazione pigiatura portata piatto pranzo cucina tradizione camino forno a legna


ARTICOLI CORRELATI
Loading...
Mostra più articoli >

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >

ARTICOLI RECENTI
Loading...


COMMENTA
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

Sky
Tomatopiu
Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Edizioni Contatto Srl
via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg)
P.IVA 02990040160
Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548