Ros Forniture Alberghiere
Rotari
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e ospitalità
martedì 26 marzo 2019 | aggiornato alle 11:14 | 58149 articoli in archivio
di Alberto Lupini
direttore
di Alberto Lupini
direttore

Il rinnovato Luogo di Aimo e Nadia
Continuità all'insegna della qualità

Pubblicato il 24 gennaio 2019 | 19:11


Uno spazio dedicato a workshop e masterclass, più unione tra sala e cucina e un piccolo spazio fumoir. Il Luogo di Aimo e Nadia cambia look ma rimane in via Montecuccoli, legame con una tradizione che dura da 50 anni.

Perché Il Luogo di Aimo e Nadia non dimentica la tradizione che l'ha portato ad essere ciò che oggi è: una storica insegna dell'eccellenza culinaria italiana, 2 stelle Michelin, nota in tutto il mondo. Il restyling, presentato da Stefania Moroni insieme ai due chef soci Euro-Toques Alessandro Negrini e Fabio Pisani, vuole trasmettere continuità e allo stesso tempo passaggio generazionale, proiezione verso il futuro del gruppo. «Loro hanno capito tutto - racconta, riferendosi ai due giovani cuochi, Aimo Moroni (premiato con l'Award di Italia a Tavola al #premioiat, 10ª edizione - quello che ho sempre desiderato è proprio ciò che loro oggi rappresentano: passione, voglia di fare, di esserci, di avere una grande cucina».

(Il rinnovato Luogo di Aimo e Nadia Continuità all'insegna della qualità)

Il ristorante è stato rinnovato e ampliato, gli spazi sono stati ripensati: alcuni mantengono quella matrice di storicità e di continuità, quei valori che negli anni hanno reso "Aimo e Nadia" ciò che è oggi, un tempio della cucina di qualità e dei prodotti selezionati. Tutto il progetto si basa inizialmente sulla ricerca di materiali, principalmente naturali e italiani, capaci di comunicare i concetti di italianità e di qualità propri de Il Luogo: «Quello che ci portiamo dentro, degli insegnamenti di Aimo e Nadia - ha spiegato in questo senso Alessandro Negrini - è l'importanza di lavorare sul tema del prodotto italiano».


Naturalmente tutto questo sopravvive nella sede originaria del ristorante: «Come prima cosa ci siamo detti "Rimaniamo in via Montecuccoli". Investire così tanto a livello di struttura, attrezzature e persone in un Luogo in via Montecuccoli è un messaggio importante per la città di Milano e per i colleghi: vale a dire, non bisogna per forza andare chissà dove, si può fare un progetto intelligente rimanendo comunque dove si è nati».

Stefania Moroni, Alessandro Negrini, Fabio Pisani, Alberto Piras e Nicola dell'Agnolo (Il rinnovato Luogo di Aimo e Nadia Continuità all'insegna della qualità)
Stefania Moroni, Alessandro Negrini, Fabio Pisani, Alberto Piras e Nicola dell'Agnolo

Il progetto architettonico è stato realizzato da Fontana Architetti e include anche la riqualificazione dell'area a cielo aperto situata dietro al ristorante, a segnare un nuovo punto d'integrazione tra interno ed esterno della struttura. Proprio qui prende vita un piccolo spazio fumoir: «Chi viene qui ama mangiare, ama molto bere - spiega Stefania Moroni - e magari può concedersi anche una sigaretta, in un fazzoletto di cielo che glielo consente, in tranquillità».


Altra novità è il Theatrum dei sapori, un luogo nel Luogo dove ingredienti e materie prime del territorio diventano protagoniste di incontri e masterclass; un teatro dove verranno messi in scena i sapori, per chiunque voglia avvicinarsi al mondo della cucina attraverso l'esperienza diretta, la conoscenza e l'approfondimento della storia della gastronomia italiana; uno spazio pensato per iniziative culturali gastronomiche, per la ricerca, lo sviluppo di nuove idee e nuove tecniche di preparazione e per la formazione di nuovi professionisti. E qui la tecnologia regna sovrana insieme alle pentole in rame o alluminio targate Agnelli.


Grazie a questo spazio, maggior valore viene dato anche alla sala, alla quale anche verranno dedicati momenti di approfondimento e corsi: «Abbiamo creato questa interazione tra sala e cucina - ha detto Fabio Pisani - proprio perché al Luogo esiste un team che lavora insieme da 14 anni. Nicola dell'Agnolo, il nostro direttore, e Alberto Piras, il nostro sommelier, sono due persone fondamentali e hanno avuto un ruolo determinante nella gestione della ristrutturazione».

Qualcosa è cambiato, qualcosa si è amplificato, ma altro rimane saldo e anzi in continuo miglioramento: la cucina di Pisani e Negrini. I due chef patron del ristorante bistellato partono sempre dalla ricchezza del territorio italiano, dagli ingredienti provenienti dalla nostra Penisola, recuperando profumi e sapori, portandoli nell'attualità. Una cucina viva nella quale vengono mantenuti due capisaldi imprescindibili della filosofia de Il Luogo: l'attenzione all'origine del prodotto e la relazione con il produttore. Tutto questo oggi si concretizza in un ambiente ancora più "consono": «Abbiamo sviluppato la vena gastronomica, adesso abbiamo uno spazio, una cucina che rende ancora più piacevole per Fabio e Alessandro lavorare insieme».


Parallelamente si inserisce in questo progetto di rinnovo anche l'arte: «La vena artistica - ha concluso Stefania - è un'anima che ci caratterizza da sempre, recuperata in un'ottica di continuità». A supportare l'arte de Il Luogo, il design di interni ad opera dello Studio Vudafieri-Saverino Partners, che predilige ambienti accoglienti in cui legno e tessuto avvolgono e decorano lo spazio, mentre i colori rispecchiano il quartiere milanese residenziale in cui il ristorante è nato.

Per sintetizzare con le parole di Stefania Moroni: «Qui ci sono tutte le nostre anime che si raccontano. Una continuità che ha visto questo progetto maturare negli anni e diventare quello che meglio rappresenta chi siamo noi oggi». Ed ecco che Il Luogo di Aimo e Nadia oggi è un'impresa di ristorazione, che include, oltre al ristorante due stelle Michelin, il bistRo e il nuovo spazio Voce, insieme ad un servizio di catering di alto profilo. Il nome Aimo e Nadia finisce per essere associato alla capacità di declinare i propri principi e valori in diverse offerte gastronomiche, sempre caratterizzate da italianità, rispetto della storia della gastronomia italiana e qualità dell'offerta.

foto: Paolo Terzi

Per informazioni: aimoenadia.com

Il Luogo di Aimo e Nadia Aimo Moroni Stefania Moroni Alessandro Negrini Fabio Pisani ristrutturazione restyling continuita cucina italiana arte spazio fumoir masterclass Alberto Piras Nicola dellAgnolo ristorante stella Michelin Euro Toques


ARTICOLI CORRELATI
Loading...
Mostra più articoli >

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >

ARTICOLI RECENTI
Loading...


COMMENTA
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

Sky
Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Edizioni Contatto Srl
via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg)
P.IVA 02990040160
Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548