Rotari
Rational
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
lunedì 06 aprile 2020 | aggiornato alle 13:16| 64663 articoli in archivio
di Alberto Lupini
direttore
Alberto Lupini
Alberto Lupini
di Alberto Lupini

Prodotti tipici, tecniche dal mondo
Il segreto di Masanti a Il Cantinone

Prodotti tipici, tecniche dal mondo 
Il segreto di Masanti a Il Cantinone
Prodotti tipici, tecniche dal mondo Il segreto di Masanti a Il Cantinone
Pubblicato il 10 dicembre 2019 | 18:53

La stella Michelin Masanti riapre per la stagione invernale il suo ristorante in Valchiavenna, con annesso il laboratorio artigianale dove produce, con il co-chef Ciabarri, brisaola senza conservanti.

La neve è scesa in anticipo quest'anno, le località montane più d'appeal aprono la stagione già quasi sold out, dall'Alto Adige al Trentino, dal Veneto fino alla Lombardia. Qui, nel cuore della Valchiavenna, c'è Madesimo, comune con oltre 10mila posti letto, con un'offerta invernale che spazia dagli sport all'enogastronomia, anche di alto livello. Stella Michelin qui è Stefano Masanti, socio Euro-Toques ed executive chef e patron de Il Cantinone.

Stefano Masanti, Raffaella Mazzina e Stefano Ciabarri (Prodotti tipici, tecniche dal mondo Il segreto di Masanti a Il Cantinone)
Stefano Masanti, Raffaella Mazzina e Stefano Ciabarri

Il ristorante è di famiglia: Masanti ci è cresciuto dentro, quando frequentava Relazioni pubbliche a Milano, alternava lo studio con la gestione del locale. Oggi il ristorante è suo, a fianco la moglie Raffaella Mazzina e lo chef di cucina Stefano Ciabarri. Qui s'incontrano montagna, territorio, prodotti tipici ma anche tanta ricerca. «Ricerca principalmente sui prodotti - spiega Masanti - sugli ingredienti locali... Ma ricerca anche sulla tecnica: prendo prodotti del mio territorio e li declino secondo il mio gusto personale utilizzando anche tecniche di ogni parte del mondo, cinesi ad esempio». I gusti che Masanti propone ed esalta sono riconoscibili, ma le preparazioni sono diverse rispetto a quelle a cui si è abituati, come accade nei Ravioli al grano saraceno: «Propongo il grano saraceno in un raviolo fritto con gambero di fiume e ricotta di capra... Una tipica tecnica cinese con ingredienti tutti valchiavennaschi». E in tutti i piatti si ritrova questo mix, molto ancorato per aromi e gusti alla montagna, ma capace di incantare e fare viaggiare per la tecnica usata o per le presentazioni.

Il ristorante stellato Il Cantinone durante la bella stagione (Prodotti tipici, tecniche dal mondo Il segreto di Masanti a Il Cantinone)
Il ristorante stellato Il Cantinone durante la bella stagione

Questa cucina, volta alla valorizzazione dei prodotti tipici della sua terra, gli è valsa la stella Michelin. Una stella che rimane appesa tutto l'anno fuori dal locale, ma che è a disposizione di tutti soltanto per quattro-cinque mesi l'anno. Perché Stefano, conclusa la stagione invernale, si trasferisce in California. «Ho avuto una bella opportunità da parte della cantina Vittorio Sattui Winery in Napa Valley. Mi occupo degli eventi dell'azienda, dell'organizzazione di tutti gli aspetti food, sempre con la stessa filosofia che adotto qui a Il Cantinone». Quindi cucina italiana, ma utilizzando prodotti locali di piccole aziende del posto, «farm locali che normalmente lavorano bio». E se per alcuni prodotti è bene rifornirsi in loco, perché importarli dall'Italia non sarebbe sostenibile né a livello economico né a livello ambientale, «come per il pomodoro fresco», per altri la situazione è ben diversa: «Ci sono dei prodotti insostituibili, il primo che mi viene in mente è il Parmigiano Reggiano... Quello bisogna comprarlo ed importarlo». Anche i dazi non sono un ostacolo: «Per un prodotto del genere si può fare uno sforzo».

Indivia al burro, tartare di agnello di Villa di Chiavenna e bagna cauda di misultin (Prodotti tipici, tecniche dal mondo Il segreto di Masanti a Il Cantinone)
Indivia al burro, tartare di agnello di Villa di Chiavenna e bagna cauda di misultin

Che sia negli States o tra le montagne della Valchiavenna, poco importa: l'attenzione ai prodotti locali per Masanti è una regola insostituibile. Tanto che proprio da questa filosofia di cucina nasce l'azienda artigianale di produzione di bresaola de Il Cantinone. Luoghi d'eccellenza per la produzione di Bresaola, la Valtellina e la Valchiavenna, una produzione di qualità e capillare che, per passione, ha coinvolto anche Stefano Masanti. «Un'idea che nasce circa 10 anni fa insieme ad un amico milanese, all'inizio mio socio, ora sostituito dal mio co-chef Stefano Ciabarri e da mia moglie Raffaella»; un'idea nata un po' per gioco, un po' per passione: «Ci è sempre piaciuto fare salumi, siamo stati coinvolti spesso in diverse degustazioni e in molti ci hanno chiesto di cominciare a produrne, tra i tanti anche Carlo Cracco all'inizio... Così abbiamo sviluppato questo piccolo laboratorio di bresaole artigianali e, adesso, anche di salumi a base di Maialino nero delle Alpi, un maiale tipico del paese di Samolaco, di cui è originaria mia moglie».


Un piccolo laboratorio di bresaole, lo definisce il cuoco stellato, la cui Brisaola di sottofesa di scottona e di codone, però, il Gambero Rosso la mette al primo posto in assoluto: "Una bresaola preistorica e senza conservanti, [...] odore pervasivo e coinvolgente di ottima carne frollata, [...] unica". Una bresaola per cui non vengono utilizzati conservanti di nessun genere: «Usiamo solo sale, aromi e spezie... È una scelta produttiva particolare, abbastanza complicata anche, perché il salume poi deve stagionare per più tempo. Fortuna vuole che siamo almeno a 1.600 metri di altitudine». Le stagionature delle bresaole di Masanti vanno da un minimo di 45 giorni ad un massimo di 180, «quando si parla di pezzi infiltrati e grassi».

Stefano e Stefano ne preparano circa 5-6 quintali a settimana, «lavoriamo tutto a mano»: quantità quindi ridotte che vengono commercializzate in tutta Europa, divise tra ristoranti, gastronomie ed enoteche... Gdo «assolutamente no».

La bresaola, quindi, insieme a tanti altri prodotti tipici nel "super-menu" che Masanti ha preparato in occasione della riapertura invernale, stagione 2019-2020, de Il Cantinone. Un po' una summa di alcuni dei suoi pezzi unici che vale sicuramente la pena assaggiare.

Ravioli di pernice, crema di zucca speziata, semi di zucca ed erbe alpine (Prodotti tipici, tecniche dal mondo Il segreto di Masanti a Il Cantinone)
Ravioli di pernice, crema di zucca speziata, semi di zucca ed erbe alpine

Si parte con Frutta secca speziata a cui segue la Cialda di polenta e crema di formaggio di capra, solo apparentemente un piatto tipico. Il Guscio d'uovo con crema di uovo e bisque di gamberi al ginepro madesimino è ovviamente un piatto che vira verso il fusion, ma non rinuncia ai gusti della montagna. E ugualmente rientra in zona l'Ostrica marinata ai mirtilli di Madesimo e limone.

A seguire Verdure invernali, una superba Royale di anguilla fumè, i Ravioli di grano saraceno ripieno di gamberi di fiume e ricotta di capra, fritto con yogurt asciugato e ketchup di rosa canina (tipicità all'ennesima potenza, sposata con contaminazioni orientali). Notevole è il Carpaccio di capra valchiavennesca, fegato grasso, caviale di lumache, rape rosse, così come intrigante e assolutamente originale il Panino al vapore, salsa leggera e cervella di lepre. Un piatto delicatissimo, a cui ha fatto seguito Patate e mortadella di fegato di maialino nero delle Alpi, solo nel nome apparentemente pesante, in realtà molto elegante.


E ancora, Indivia al burro, tartare di agnello di Villa di Chiavenna e bagna cauda di misultin (le sarde essiccate del lago), la Zuppa ai cereali di Valchiavenna e ortiche, gli straodinari Ravioli di pernice, crema di zucca speziata, semi di zucca ed erbe alpine, l'ottimo Persico al riso e latte di capra con polvere di salvia e burro e un ricercato Lombo di capriolo, purè di castagne, ciliegie al balsamico di ciliegie, fondo al whisky.

Per chiudere Formaggi di Valchiavenna alle nespole di Samolaco, poi Gemme di abete, fiori marinati, sciroppo di sambuco e infine Semifreddo al miele di rododendro e biscotti di Prosto, gelatina di genziana, cioccolato al latte, cialde di latte e yogurt in polvere, prima della piccola pasticceria a base di Macaron cioccolato bianco ed erba iva, Bon bon crema di cioccolato e nocciole valchiavennasche, Prugna di Pianazzola, vino rosso su cracker di cioccolato alla cannella e Cornetto di polenta, gelato al Rum Caroni.

In abbinamento solo vini biologici della cantina Hermau, in località Pianazzola, Chiavenna (So), un'altra chicca che solo la provincia montana per eccellenza della Lombardia può offrire. Proposti uno spumante non degorgiato, un Nebbiolo e un orange wine.


Il ristorante Il Cantinone è all'interno del Sport Hotel Alpina, gestito dal padre di Stefano. L'albergo quattro stelle offre la classica ospitalità alpina, ma di alto livello: 8 suite pensate per il massimo relax. A disposizione degli ospiti c'è anche un centro benessere con sauna, bagno turco e romano, zona relax, idromassaggio e piscina (con la possibilità, in aggiunta, di prenotare sedute di massaggio personalizzate).

Per informazioni: www.stefanomasanti.com

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


ristorante restaurant Il Cantinone stella Michelin Madesimo inverno Valchiavenna Valtellina turismo Michelin bresaola laboratorio produzione artigianale California cantina prodotto tipico territorio Stefano Masanti Stefano Ciabarri Raffaella Mazzina

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Surl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES - Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). - © ®
Edizioni Contatto Surl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES - Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). - © ®