Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
sabato 20 agosto 2022 | aggiornato alle 01:24 | 87087 articoli in archivio

Affitti che costringono a chiudere Il caso di "Olio di Borgo Pulciano"

Il ristorante in provincia di Perugia sarà costretto a spostarsi in altre zone dell'Umbria. Lo chef e socio Euro-Toques Lorenzo Cantoni: «A gennaio 2021 la proprietà vuole l'affitto dei mesi di lockdown più un aumento». La storia di questo ristorante è purtroppo simile a quella di tanti altri locali non solo in Umbria, ma in tutto il Paese.

03 giugno 2020 | 06:50
Affitti che costringono a chiudere 
Il caso di
 
Affitti che costringono a chiudere 
Il caso di

Affitti che costringono a chiudere Il caso di "Olio di Borgo Pulciano"

Il ristorante in provincia di Perugia sarà costretto a spostarsi in altre zone dell'Umbria. Lo chef e socio Euro-Toques Lorenzo Cantoni: «A gennaio 2021 la proprietà vuole l'affitto dei mesi di lockdown più un aumento». La storia di questo ristorante è purtroppo simile a quella di tanti altri locali non solo in Umbria, ma in tutto il Paese.

03 giugno 2020 | 06:50
 

Fipe l'ha chiarito a Italia a Tavola nei giorni scorsi, attraverso le parole del suo direttore Roberto Calugi: «Noi non siamo in grado di pagare gli affitti per i mesi in cui siamo rimasti chiusi e siamo pronti a intasare i tribunali di contenziosi». Sempre Fipe, partendo dal fatto che è previsto nel Decreto Rilancio lo sconto del 50% sui canoni d'affitto degli impianti per le società sportive, vorrebbe allargare la misura anche ai pubblici esercizi. Gli affitti sono un problema per la ristorazione in questo momento. Un esempio concreto l'ha fornito a Italia a Tavola lo chef e socio Euro-Toques Lorenzo Cantoni. Lorenzo è chef del ristorante di Tano Simonato "L'Olio di Borgo Pulciano". Il ristorante di Montone, in provincia di Perugia, non riaprirà. La motivazione la fornisce lo stesso resident chef: «Non si riesce a trovare l’accordo con la proprietà sugli affitti (durante e post-Covid)».

Lorenzo Cantoni e la tartare del ristorante - L'Olio di Borgo Pulciano non riaprirà Manca l'accordo sui mesi d'affitto

Lorenzo Cantoni e la tartare del ristorante

Abbiamo parlato con Lorenzo, entrando un po' più nello specifico del caso: «Il nostro affitto è stato fin dall'inizio di 2.500 euro più Iva. Ci siamo confrontati con i proprietari dei muri per sapere come regolarci con l'affitto in questi e nei prossimi mesi. È tutta una famiglia che ha acquistato tempo fa l'intero borgo. Hanno previsto da giugno fino a dicembre lo stesso affitto che abbiamo sempre pagato, poi a gennaio 2021 un aumento. E i tre mesi di lockdown, marzo, aprile e maggio, dobbiamo pagarli interi a gennaio 2021. Non abbiamo potuto accettare». Lorenzo specifica che non si tratta di un problema economico, ma di una questione di principio.

"L'Olio di Borgo Pulciano" si trova nella situazione di molti altri ristoranti. Riuscirà a spostare la sua attività in altre location in Umbria, «dove ormai operiamo da tempo». Non tutti hanno questa possibilità. «Abbiamo sempre lavorato bene». Si tratta della cucina nata dalle menti di un trio: Cantoni, Simonato e Sara Preceruti, la chef di Acquada. «Appena ci siamo resi di nuovo disponibili, ci hanno chiamato in diverse location».

Lorenzo Cantoni
Lorenzo Cantoni nasce a Umbertide (PG) nel 1987. Dopo interessanti esperienze in Italia e all’estero, soprattutto in Francia, Belgio e Olanda, ritorna a casa e si innamora di un locale storico accanto alla celebre Rocca: Zibù. Qui costruisce piano piano una cucina a sua immagine, valorizzando i produttori locali e i Presidi Slow Food. La Condotta Slow Food lo sostiene organizzando serate a tema e incontri didattici su vino e cibo. La giovinezza e la voglia di fare lo portano, in estate, nella Baia di Portonovo (AN) da Marcello Nicolini. Poi la proprietà di Borgo Pulciano, a Montone, si accorge di lui. La grande struttura ha bisogno di uno chef maturo e consolidato nel territorio. Nel 2019 Tano Simonato, stella Michelin a Milano, prende le redini della cucina del Borgo, e Lorenzo è accanto a lui.

© Riproduzione riservata STAMPA

 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali