ABBONAMENTI
 
Castel Firmian
Ros Forniture Alberghiere
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
domenica 27 settembre 2020 | aggiornato alle 02:33 | 68003 articoli in archivio
Rational
Molino Quaglia
di Federico Biffignandi
Federico Biffignandi
Federico Biffignandi
di Federico Biffignandi

La riapertura per ora è una tragedia
A giugno si copriranno i costi?

La riapertura per ora è una tragedia
A giugno si copriranno i costi?
La riapertura per ora è una tragedia A giugno si copriranno i costi?
Primo Piano del 24 maggio 2020 | 13:30

Ad una settimana dalle riaperture di bar e ristoranti, per Aldo Cursano (vice presidente Fipe) il bilancio è negativo. Poca gente ha voglia di sedersi ai tavoli e le perdite quotidiane sono ingenti. Poi la risposta al Codacons che denuncia un rincaro dei prezzi: «Molti ristoratori, al contrario, stanno applicando sconti».

«Un bilancio sulla prima settimana di apertura? Tragico». Non usa mezzi termini Aldo Cursano, vicepresidente della Fipe (Federazione italiana pubblici esercizi) per inquadrare il momento nero dei bar e dei ristoranti che dal 18 maggio hanno potuto riaprire, nonostante non poche defezioni rappresentate da chi ha scelto di rimandare.

Molti locali lavorano in perdita - La tragica riapertura dei locali Bilancio a pari entro giugno?
Molti locali lavorano in perdita

«Credo che i sacrifici comunque andavano fatti - ha precisato Cursano - ma bisogna dirlo che molti imprenditori hanno riaperto in perdita nonostante nel weekend il movimento sia aumentato un po’. Personalmente, per quanto riguarda i miei tre locali di Firenze, posso dire che ne ho riaperti due su tre e che tra venerdì e sabato ho lavorato al 25% del potenziale in una situazione normale; nel corso della settimana invece non c’era anima viva che volesse sedersi al tavolo, abbiamo lavorato solo con delivery e take away».

Ancora tanta la paura dei clienti - La tragica riapertura dei locali Bilancio a pari entro giugno?
Ancora tanta la paura dei clienti

Non è difficile spiegarsi da dove nasca questo andazzo poco confortante: «Bar e ristoranti - spiega Cursano - sono l’emblema di una qualità della vita gradevole e normale, è chiaro che nel momento in cui non tutti gli uffici hanno riaperto e la gente ha ancora timore del contagio i locali rimangano pressoché vuoti. Tuttavia il settore è chiamato ad affrontare questo periodo guardando all’immagine e assumendo il ruolo di trascinatore: se si guarda al business, agli incassi, ai bilanci si percorre una strada non prolifica che porterà ad un alto tasso di mortalità delle imprese; se invece si resisterà continuando a trasmettere fiducia, voglia, intraprendenza, garanzia e sicurezza allora si ripartirà. Al momento si lavora in perdita, ma l’auspicio è che entro giugno si riesca aalmeno a coprire la totalità delle spese».

Si muove qualcosa nel weekend, ma in settimana tutto si ferma - La tragica riapertura dei locali Bilancio a pari entro giugno?
Si muove qualcosa nel weekend, ma in settimana tutto si ferma

Da qui, la dura risposta di Cursano al Codacons il quale ha denunciato un aumento di 4 euro sugli scontrini battuti da alcuni esercenti in questa settimana e già prima della riapertura stimava un aumento del 21% dei conti di bar e ristoranti. «Diffido chi parla male del settore - attacca Cursano - questo è un momento di enorme difficoltà per il Paese nel quale tutti siamo sulla stessa barca. Non stiamo giocando e non vogliamo perderci in questo tipo di giochini, vogliamo lavorare e farlo seriamente. Le insinuazioni sull’aumento dei prezzi sono temi accessori ai quali non vogliamo dar retta. Noi siamo convinti, anche per via di monitoraggi che stiamo conducendo, che gli imprenditori del nostro settore stiano lavorando per rialzarsi attraverso la comunicazione di un modello di stile di vita improntato sulla qualità e sull’accoglienza. Sappiamo di tantissimi gestori di locali che stanno attuando addirittura degli sconti anche solo sul caffè oppure offrendo promozioni ai clienti per invitarli a tornare con regolarità alle abitudini di prima, sempre nel pieno rispetto delle norme. Il lavoro che stiamo facendo è controllare che nessuno abbia alzato i prezzi dal periodo pre-covid ad ora, non valutare il costo di un prodotto perché è chiaro che se è di alta qualità anche il prezzo aumenta».

Aldo Cursano - La tragica riapertura dei locali Bilancio a pari entro giugno?
Aldo Cursano

Il discorso di Cursano è corale e coinvolge tutto il tessuto sociale e culturale del Paese: «Dobbiamo fare in modo che la gente torni a frequentare le piazze, i centri storici, dobbiamo far sì che si ritrovi il senso di comunità, di socialità. Il modello italiano è a rischio, ma bisogna salvarlo a tutti i costi, con l’aiuto di tutti. Abbiamo ad esempio chiesto alla Siae di non chiedere i costi consueti per permettere a giovani artisti, ad esempio, di esibirsi nelle città. Quello che bisogna comprendere è che non ci sono in ballo i fatturati, ma un modello di Paese costruito in decenni di storia».

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
Abbonati alla rivista cartacea in spedizione postale

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


locali bar ristoranti movida pranzo cena cliente imprenditore crisi covid lockdown riaperture codacons aldo cursano

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Surl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Surl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®