Allegrini
Ros Forniture Alberghiere
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
martedì 14 luglio 2020 | aggiornato alle 15:55| 66713 articoli in archivio
Sofidel Papernet
Ros Forniture Alberghiere
HOME     LOCALI     TENDENZE e MERCATO
di Sergio Cotti
Sergio Cotti
Sergio Cotti
di Sergio Cotti

Cene e aperitivi sulle piste da ballo
Le discoteche diventano risto-pub?

Cene e aperitivi sulle piste da ballo 
Le discoteche diventano risto-pub?
Cene e aperitivi sulle piste da ballo Le discoteche diventano risto-pub?
Primo Piano del 31 maggio 2020 | 06:50

Le nuove disposizioni su distanziamento e assembramenti, insieme al divieto di ballo, impogono ai locali del divertimento notturno di ripensare le loro offerte per poter riaprire. Dalla Romagna alla Lombardia, dal Veneto alla Toscana, molti chiederanno il cambio di licenza per trasformarsi in risto-pub.

L’alternativa sembra non lasciare scelta: da un lato il rischio di restare fermi ancora per mesi, dall’altro, provare a cambiare pelle, reinventando non solo la propria offerta, ma anche il modo di divertirsi dei giovani. È il dilemma con cui si trovano a fare i conti in queste settimane i gestori delle oltre 2.500 discoteche sparse in tutta Italia. Vietato il ballo (almeno così come lo ricordiamo fino a qualche mese fa), da nord a sud i locali notturni stanno provando a riconvertirsi per tornare a lavorare e salvare, per quanto possibile, una stagione che ai più appare già compromessa.

Cambiano le discoteche, cene al posto del ballo Cene e aperitivi sulle piste da ballo La metamorfosi delle discoteche
Cambiano le discoteche, cene al posto del ballo

Dalla musica sparata a tutto volume fino al mattino, a un ambiente più lounge, in cui i tavolini rubano spazio alle piste da ballo: il futuro prossimo delle discoteche potrebbe essere questo. In altre parole, pub o risto pub al posto delle balere. Non potrà essere ovunque così, per ragioni di spazio e di target di clientela, ma è quello che molti locali (i primi esempi in Veneto ed Emilia Romagna), stanno già organizzandosi a fare, grazie alla possibilità di convertire, anche temporaneamente, la loro licenza. La questione della riapertura delle discoteche va dunque oltre l'utilizzo del termoscanner all'ingresso, una questione che si era posta nelle scorse settimane e che aveva visto favorevoli i gestori. Le restrizioni comunque ci saranno e l'obiettivo è quello di rendere l'attività di questi locali sostenible per la loro sopravvivenza.

Tra restrizioni e cambiamenti i locali notturni vogliono ripartire - Cene e aperitivi sulle piste da ballo La metamorfosi delle discoteche
Tra restrizioni e cambiamenti i locali notturni vogliono ripartire

«Parliamo di una riconversione vera e propria, ma che non può essere la soluzione a tutti i mali», spiega Gianni Indino, vicepresidente di Confcommercio Emilia Romagna, nonché presidente del Silb di Rimini, il Sindacato italiano dei locali da ballo. «La discoteca resta un luogo d’incontro anche fisico, altre soluzioni possono essere trovare, ma solo in attesa di tempi migliori e non tutti i locali sono attrezzati a farlo».

Sui circa 300 locali della regione, sono una quarantina quelli che cambieranno pelle già dalle prossime settimane. Un modo per riaprire subito e per sfruttare i loro grandi spazi all’aperto, in vista dell’estate ormai prossima. «Alcuni di questi – spiega Indino – già avevano un servizio di ristorazione; si tratterà di privilegiare serate con cena e spettacoli musicali, distanziati e senza ballare».

Dj in consolle e tavolini sulla pista da ballo - Cene e aperitivi sulle piste da ballo La metamorfosi delle discoteche
Dj in consolle e tavolini sulla pista da ballo

Qualcuno sta già pensando di fare propria l’idea di Flavio Briatore, che già settimane fa aveva parlato della possibilità di trasformare ogni tavolo in una sorta di privé per permettere ai commensali di alzarsi e di ballare sul posto. Entro metà giugno, i gestori dei locali – almeno quelli già attrezzati – sperano di riaprire un po’ dappertutto. «Per tanti sarà una scelta di cuore, più che economica – dice ancora Gianni Indino – Le spese per i locali restano, ma gli incassi saranno senz’altro inferiori. Qualcuno si sta organizzando anche con aziende di catering per evitare di cimentarsi con un servizio di ristorazione troppo complesso, in modo da completare la propria proposta, dando lavoro a un altro settore che in questi mesi si è letteralmente fermato».

EMILIA ROMAGNA
Chi non aprirà di sicuro è il Cocoricò di Riccione, uno dei templi del divertimento notturno, tra le discoteche più famose d’Italia e non solo. Chiuso da circa un anno dopo un fallimento, la nuova proprietà aveva annunciato la riapertura per aprile dopo un profondo lavoro di restyling, ma il lockdown ha fermato tutto. «Non abbiamo date, né soprattutto modalità certe con le quali riaprire», dice Enrico Galli, il nuovo titolare della discoteca e proprietario anche dell’Altromondo di Rimini, due locali che insieme hanno una capienza di oltre 6mila persone. «Detto questo, non vedo possibilità di riconversione per locali come i miei – prosegue – Per quanto mi riguarda, sono già proiettato al futuro e sto lavorando alla programmazione della stagione 2021. Questa sarà un’estate complicata per tutti: con una capienza al 30% per tanti locali, non si può pensare di sopravvivere, ma se cambierà qualcosa anche all’ultimo, cercheremo di farci trovare pronti».

Marco Tiraferri, titolare del Peter Pan di Riccione, della Villa delle Rose di Misano Adriatico e del Matis di Bologna ha già pensato a rivoluzionare i suoi locali, immaginando un’offerta nuova, che potrebbe durare nel tempo. «Le discoteche resteranno – si affretta subito a precisare – ma nel frattempo abbiamo sviluppato un progetto che va oltre la riconversione in un bar o in un ristorante». In altre parole, Tiraferri ha pensato a un modo nuovo di vivere il divertimento nei suoi locali: «Si potrà cenare, ma anche bere, fare l’aperitivo, ascoltare musica e assistere a spettacoli senza obbligo di cena, con musica, spettacolo. Un progetto diverso, che non è solo un ristorante; abbiamo ridisegnato il layout del locale, che sarà suddiviso per spazi, unendo diverse tipologie di locali. È una formula che pensiamo possa resistere anche in futuro, una scommessa con la quale pensiamo di coinvolgere persone dai 20-25 anni fino ai 60 e più».

Tante discoteche si trasformeranno in grandi risto pub - Cene e aperitivi sulle piste da ballo La metamorfosi delle discoteche
Tante discoteche si trasformeranno in grandi risto pub

LOMBARDIA
Le discoteche cambieranno pelle anche in Lombardia, dove ci sono 430 locali da ballo. E pure nelle province che più di tutte hanno vissuto l’emergenza coronavirus, c’è incertezza sulla data di riapertura. Nei prossimi giorni i rappresentanti del settore torneranno ad incontrarsi con la Regione per provare ad individuare una via d’uscita condivisa: «Ci stiamo muovendo insieme per utilizzare i nostri spazi a mo’ di grandi contenitori. Siamo abituati a gestire il pubblico con elevati standard di controllo e sicurezza», spiega Roberto Cominardi titolare dell’Old Fashion, una delle discoteche storiche di Milano, e presidente provinciale del Silb. «Nel mio locale sono installate 32 telecamere – aggiunge – L’obiettivo è quello di trasformare le discoteche in grandi, medi e piccoli bar; locali con musica diffusa, selezione in base alle metrature, guanti, mascherine, sanificazione, controllo della temperatura. Si aprirà una fase transitoria, noi non abbiamo intenzione di correre, ma abbiamo bisogno di riprendere a lavorare».

Intanto nel Mantovano chi non ha la doppia licenza (com’è invece il caso dell’Impero Night Club di Castelluccio), sta preparando le carte per riconvertire almeno in parte il locale, in modo da effettuare un servizio di ristorazione. È il caso di Carmen Venerandi, titolare della discoteca Mascara e presidente provinciale del Silb: «Noi già facevamo ristorazione – dice – Ora utilizzeremo anche il grande giardino esterno che abbiamo a disposizione».

TOSCANA
In Toscana c’è invece chi è particolarmente critico nei confronti delle nuove soluzioni che vanno profilandosi per la ripresa dell’attività delle discoteche.  «Così si rischia di snaturalizzare l’emblema stesso del divertimento e di privare i clienti di un’emozione – dice Riccardo Tarantoli vicepresidente di Silb Toscana e titolare della discoteca Red Garter di Firenze – La situazione è seria, ma non si può continuare a mettere paura alle persone, come invece sta facendo qualcuno. I nostri sono i locali più sicuri e ci auguriamo che si rivedano presto le misure di distanziamento in atto, che a mio avviso non hanno più ragione di esistere con questi numeri. Per quanto ci riguarda, ci auguriamo di aprire a giugno, ma è importante iniziare a infondere messaggi positivi».

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
Abbonati alla rivista cartacea in spedizione postale

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


locali discoteche ballo locali notturni emilia romagna cocorico peter pan old fashion mascara red garter firenze ristorazione risto pub aperitivi cene licenze riapertura lomardia toscana Altromondo Impero Night Club Marco Tiraferri gianni indino Enrico Galli Roberto Cominardi flavio briatore Riccardo Tarantoli

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Sky
Sofidel Papernet
Allegrini
Caricamento...
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®