Allegrini
Molino Quaglia
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
lunedì 06 luglio 2020 | aggiornato alle 07:55| 66554 articoli in archivio
HOME     LOCALI     TENDENZE e MERCATO

Caffè con prenotazione obbligatoria
In Veneto una stretta sull'asporto

Caffè con prenotazione obbligatoria  
In Veneto una stretta sull'asporto
Caffè con prenotazione obbligatoria In Veneto una stretta sull'asporto
Pubblicato il 04 maggio 2020 | 12:58

Con la recente ordinanza firmata dal governatore Zaia, non ci si può presentare al bar per ritirare cappuccino e brioche in libertà, pur in fila, con mascherina e a distanza di sicurezza. Una retromarcia che fa discutere.

Bar, via libera da oggi all’asporto, attenendosi alle regole che codificano la sicurezza e in base alle direttive indicate sia nei decreti ministeriali sia nelle ordinanze regionali. E proprio questa in Veneto è stata la nota dolente. Con un'ordinanza firmata ieri, 3 maggio, dal governatore Zaia, non ci si può presentare al bar per ritirare cappuccino e brioche in libertà, pur in fila, con mascherina e a distanza di sicurezza. Ci vuole la prenotazione, obbligatoria.

Caffè con prenotazione obbligatoria  In Veneto una stretta sull'asporto
Asporto con prenotazione obbligatoria in Veneto

All’Appe-Associazione provinciale pubblici esercizi di Padova sono sconsolati. «Un provvedimento sinceramente poco comprensibile – ha dichiarato a Il Gazzettino il segretario Filippo Segato – Dopo giorni in cui il presidente Zaia continuava ad affermare che le attività, se fosse stato per lui, sarebbero già aperte, e dopo che già da una settimana il Governo aveva dato il via libera alla vendita per asporto senza prenotazione, non ci saremmo mai aspettati il rinnovo dell’obbligo di prenotazione. Ci chiediamo quale sia la differenza tra l’andare a fare la spesa al supermercato o tra i banchi del mercato, dove si può andare liberamente senza prenotazione, e andare al bar a prendere un panino. Contiamo che il governatore possa presto riconsiderare la sua decisione».

Una vera doccia fredda, perché, secondo i dati comunicati da Appe, ci sono centinaia di pubblici esercizi che erano pronti a riprendere il lavoro e si erano organizzati per fornire un servizio di asporto in sicurezza. Avevano preparato i locali seguendo i protocolli, richiamato i dipendenti e fatto approvvigionamenti. La prenotazione obbligatoria mette un bel freno.

Il timore a monte dell’ordinanza è che il via libera possa essere interpretato come un liberi tutti. «Questa non è la fase in cui ci si rilassa – ha puntualizzato Andrea Micalizzi, assessore ai Lavori pubblici del Comune di Padova – Anzi, a casa si stava più al sicuro dal contagio; il difficile viene adesso, la sfida con il virus è ora in strada, in campo aperto. È qui che dobbiamo fare attenzione».

Per informazioni: www.appe.pd.it

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
Abbonati alla rivista cartacea in spedizione postale

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


locali iat italiaatavola; Appe Padova; Veneto apsorto pubblici esercizi bar caffe prenotazione obbligatoria Andrea MIcalizzi Filippo Segato Luca Zaia

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Sky
Sofidel Papernet
Allegrini
Caricamento...
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®