ABBONAMENTI
 
Ros Forniture Alberghiere
Rational
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
lunedì 30 novembre 2020 | aggiornato alle 08:48| 69919 articoli in archivio
Rotari
Molino Quaglia
di Gabriele Ancona
vicedirettore
Gabriele Ancona
Gabriele Ancona
di Gabriele Ancona

Discoteche, l'allarme del sindacato:
«Troppe feste clandestine»

Discoteche, l'allarme del sindacato: 
«Troppe feste clandestine»
Discoteche, l'allarme del sindacato: «Troppe feste clandestine»
Primo Piano del 16 luglio 2020 | 08:30

Anche in Lombardia riaperte le danze per chi ha dehors. A livello nazionale bisogna aspettare il 31 luglio. I “pierre” disoccupati organizzano feste underground difficili da individuare e quindi anche da bloccare. Il pensiero e le preoccupazioni di Roberto Cominardi, presidente Silb Fipe di Milano.

Il mondo della notte lombarda ritrova le discoteche. Hanno potuto riaprire il 10 luglio quelle con spazi all’aperto. Fanalino di coda del re-start, tra non poche polemiche, anche questo segmento dell’accoglienza torna a respirare. Nel senso stretto del termine, perché si può ballare solo sotto le stelle e rispettando la distanza di almeno 2 metri dalle altre persone. Una regola che è di per sé una penalizzazione per il comparto; nel Milanese su 110 locali, solo una dozzina può consentire i balli in pista. A livello nazionale, per tutti gli altri, apertura rimandata al 31 luglio dall’ultimo Dpcm. Al momento possono solo trasformarsi in “bar con musica diffusa”. Un’altra pelle. Una situazione precaria che apre le porte all'illegalità; il settore infatti denuncia l'altro rischio che gli organizzatori di feste rimasti "appiedati" nei locali tradizionali possano organizzarsi in modo clandestino.

Si ritorna a ballare, ma all'aperto Le disco clandestine un problema
Anche il Lombardia si torna a ballare, ma all'aperto. Apertura generalizzata il 31 luglio?

I titolari delle disco open air devono seguire e far seguire un protocollo che prevede la mascherina sempre per dipendenti e per i clienti quando si spostano da una zona all’altra del locale, niente consumazione al bancone, ma solo al tavolo, contatti ravvicinati tra conviventi, vestiti riposti in sacchetti al guardaroba, ma vista la stagione per ora è un non problema. La capienza viene ridotta per far rispettare il distanziamento sociale in pista. Consigliata la prenotazione per evitare code e assembramenti.



Roberto Cominardi, presidente Silb Fipe -Associazione italiana imprese di intrattenimento, sezione di Milano, e titolare di una storica discoteca del centro città, ha spiegato a Italia a Tavola quali sono oggi le regole del gioco e come rispettarle.

Come è andato il primo week end di apertura?
Sicuramente con molta tensione da parte degli imprenditori, perché coniugare il desiderio del divertimento con l’indubbia necessità della tutela della salute pubblica è molto complicato. È un grande stress ricordare a tutti quanti il mantenimento della distanza, di indossare la mascherina e governare il complesso delle linee guida che siamo tenuti a rispettare in maniera rigorosa.
Dal punto di vista del business, un disastro. I costi sono quelli di prima, ma le entrate hanno rappresentato generalmente il 30% rispetto al pieno regime. La ripartenza, comunque, è stata un primo passo importante, un segnale di speranza anche nei confronti di chi non ha potuto ancora riaprire.

Si parla sempre di più di un universo dance parallelo.
Purtroppo sappiamo che il mondo dell’abusivismo prospera allegramente in questo momento. È infatti difficile da intercettare; un’operazione titanica per le forze dell’ordine. Ci sono tantissime segnalazioni di scantinati o altre strutture che vengono trasformati in luoghi per party dove tutto è consentito. In ambito nazionale, se prima queste situazioni erano già diffuse in molte regioni, oggi con il problema Covid e con il divieto di ballare in aree chiuse si stanno utilizzando cantine, loft, case isolate per organizzare feste. Discoteche clandestine che ci danneggiano. E le forze dell’ordine si trovano in grande difficoltà nel bloccare questo fenomeno di abusivismo perché è capillare sul territorio e imprevedibile. Sono eventi che si creano e si disfano nel giro di poche ore. Oltre al rischio contagi Covid, si aggiunge l’elusione di tutte le norme di sicurezza che le discoteche da sempre rispettano. Per non parlare dell’aspetto fiscale. La chiusura delle discoteche fino al 31 luglio in un certo senso dà una mano a questo sommerso.

Chi c’è a monte di questo mercato undergound?
Molti sono i cosiddetti organizzatori di feste, nella vulgata i “pierre”. Persone che non possono operare alla luce del sole, perché i locali sono chiusi, ma continuano a organizzare i propri eventi in altro modo. Ripeto, un abusivismo due volte pericoloso. In assenza di ogni controllo si mette a repentaglio la salute della gente e, a cascata, delle comunità. In seconda battuta, se si trovano a ballare 300 ragazzi in uno scantinato e scoppia un incendio? È come se fossero rave party al chiuso e essendo nascosti sono difficili da individuare. Mi preme però sottolineare che l’abusivismo non deve essere utilizzato come una giustificazione da parte del singolo gestore, penalizzato, per adeguarsi a queste situazioni. Sappiamo benissimo che siamo in una posizione svantaggiata ma dobbiamo dimostrare la nostra professionalità ed essere vicini alle autorità per far ripartire a piccoli passi il nostro mondo del divertimento

Il ruolo del gestore è più complicato oggi?
Non è facile riuscire a controllare, ma è nostro dovere far rispettare tutte le regole, dall’igienizzazione ai percorsi separati. Il comportamento e la responsabilità individuali sono però la chiave di volta. Come sui treni il controllore esige che i viaggiatori indossino la mascherina, così facciamo noi, ma quando giri le spalle è la consapevolezza del singolo a entrare in gioco. Dobbiamo vigilare, essere collaborativi, stringere i denti e andare avanti.



Per informazioni: www.silb.it

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
Abbonati alla rivista cartacea in spedizione postale

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


locali iat italiaatavola Silb Fipe locali notturni discoteche ballare open air covid sicurezza pierre disco clandestine forze ordine cliientela regole Lombardia Roberto Cominardi

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Surl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Surl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®