Sofidel Papernet
Molino Quaglia
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
domenica 09 agosto 2020 | aggiornato alle 20:09| 67145 articoli in archivio
Sofidel Papernet
Ros Forniture Alberghiere
HOME     LOCALI     TENDENZE e MERCATO

Lombardia, gli aiuti agli agriturismi
svantaggiano i ristoranti già in crisi

Lombardia, gli aiuti agli agriturismi 
svantaggiano i ristoranti già in crisi
Lombardia, gli aiuti agli agriturismi svantaggiano i ristoranti già in crisi
Primo Piano del 01 agosto 2020 | 18:46

Confesercenti parla di ristoratori lombardi beffati. Infatti il Consiglio regionale lombardo avrebbe soppresso la soglia massima dei pasti giornalieri somministrabili negli agriturismi da venerdì a domenica. La conseguenza è che i ristoranti, già in crisi post-lockdown, rischiano di perdere clienti potenziali per potersi rimettere in piedi.

Mentre 1 ristorante su 3 registra un calo di oltre la metà del fatturato e oltre 1 su 5 teme direttamente la chiusura per la crisi derivante dall’emergenza coronavirus, il Consiglio regionale della Lombardia decide di sopprimere la soglia massima dei pasti giornalieri somministrabili negli agriturismo per le giornate di venerdì, sabato e domenica, con il supporto dell’assessore all’agricoltura Fabio Rolfi, che annuncia per settembre una nuova misura a favore di queste strutture: un contributo a fondo perduto per ristorare le perdite subite durante il lockdown. Questa scelta, non concordata con le associazioni di categoria della ristorazione, dà una mano all'agriturismo, ma penalizza la ristorazione in un momento molto delicato. Sopprimendo la soglia massima dei pasti giornalieri per il weekend, i potenziali clienti dei ristoranti potrebbero scegliere di rivolgersi altrove, all'agriturismo più vicino, facendo quindi perdere entrate ad una ristorazione lombarda che, post-lockdown, può dirsi in difficoltà.

I ristoranti lombardi rischiano una crisi ancora più nera - Lombardia, gli aiuti agli agriturismi svantaggiano i ristoranti già in crisi
I ristoranti lombardi rischiano una crisi ancora più nera

La novità normativa, approvata con un emendamento riproposto all’ultimo nell’ambito di un provvedimento che esulava totalmente dalla materia - l’Assestamento di Bilancio regionale - e senza alcun preventivo confronto con le associazioni delle imprese della ristorazione, è in verità solo l’ultima di una serie di disposizioni con cui la Regione ha progressivamente ampliato i margini di operatività di circa 1.600 agriturismo lombardi, senza troppo curarsi delle conseguenze per oltre 22mila ristoranti attivi nella regione, che purtroppo non possono avvalersi dei numerosi e sostanziosi vantaggi di cui godono i loro “cugini di campagna” (tra cui contratti di lavoro meno onerosi, tenuta contabile semplificata, nonché tassa rifiuti e Iva ribassate).



Raddoppiati i posti letto ed estesa la recuperabilità dei pasti giornalmente non somministrati su base annuale anziché settimanale nel giugno 2019 - nonostante la forte contrarietà di Confesercenti - nel novembre successivo la Regione ha deciso - senza più alcun confronto preventivo con la categoria - dapprima di sopprimere il limite giornaliero di pasti somministrabili per 20 giorni all’anno (nei fatti l’unico criterio minimamente idoneo a evitare un abuso del sistema del recupero pasti su base annuale) e dunque - col deflagrare dell’emergenza coronavirus - di autorizzare la vendita per asporto e la consegna a domicilio, arrivando infine a estendere la soppressione del limite giornaliero di pasti somministrabili per oltre 150 giorni all’anno.

«Siamo semplicemente esterrefatti dai costanti favoritismi della Regione nei confronti delle strutture agrituristiche, tanto più in un momento di profonda crisi per il comparto della ristorazione - dichiara Gianni Rebecchi, presidente di Confesercenti regionale Lombardia - Ricordiamo all’Assessore all’Agricoltura Rolfi che l’attività di somministrazione costituisce l’unica fonte di reddito per la ristorazione, a differenza di quanto dovrebbe avvenire per quelle aziende agricole che dovrebbero proporla solo rispettando un rigoroso “rapporto di connessione” con la loro diversa attività caratteristica. Chiediamo con forza all’assessore allo Sviluppo economico, Alessandro Mattinzoli, di far valere il suo ruolo di garante nei confronti delle imprese della ristorazione lombarda, convocando un tavolo di confronto urgente per rimediare quanto prima a questa deriva».

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
Abbonati alla rivista cartacea in spedizione postale

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


ristorante agriturismo Lombardia emendamento somministrazione pasto crisi lockdown Confesercenti assessore Fabio Rolfi Gianni Rebecchi

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Sky
Allegrini
Caricamento...
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®