ABBONAMENTI
 
Rational
Ros Forniture Alberghiere
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
venerdì 25 settembre 2020 | aggiornato alle 02:13 | 67960 articoli in archivio
Rational
Ros Forniture Alberghiere

Pranzi di lavoro, 10 milioni in meno
I buoni pasto rischiano l'estinzione

Pranzi di lavoro, 10 milioni in meno 
I buoni pasto rischiano l'estinzione
Pranzi di lavoro, 10 milioni in meno I buoni pasto rischiano l'estinzione
Pubblicato il 23 luglio 2020 | 10:50

I ticket non solo stanno scomparendo sommersi dallo smart working, ma non danno più nemmeno ossigeno agli esercizi per via di commissioni elevate arrivate ormai al 20%. La denuncia di Fipe.

Il lockdown prima e lo smart working poi hanno messo ulteriormente in ginocchio i ristoratori che puntavano a ripartire dai pranzi di lavoro ed invece si sono ritrovati con i tavoli vuoti. Niente è più come prima e tra le innumerevoli conseguenze di queste due situazioni c’è anche la questione, già parecchio intricata, dei buoni pasto.

Ristoranti senza più pranzi di lavoro - Pranzi di lavoro, 10 milioni in meno I buoni pasto rischiano l'estinzione
Ristoranti senza più pranzi di lavoro

I pranzi di lavoro quotidiani che sono scomparsi dopo lo sblocco dei locali rispetto alla media sono 10 milioni. Come sarà a settembre nessuno lo può dire anche se le previsioni non sono del tutto rosee considerando che il Governo sta puntando a prolungare la durata dello smart working, scelta a dir poco discutibile, soprattutto nella pubblica amministrazione.

Ma il problema, anche se tutto dovesse tornare alla normalità, è che per gli esercenti i buoni pasto non sono ossigeno per le casse. Facendo due conti emerge che le commissioni nette da pagare per bar, ristoranti, pizzerie e grande distribuzione, ammontano al 20%. Fatto 7€ il ticket medio che un lavoratore riceve ogni giorno, l’incasso “pulito” dell’esercente è di 5,6 euro. Solo per il 20% di commissioni, alle quali poi vanno aggiunte le tariffe del pos e i lunghi tempi per la riscossione (45 giorni se va bene).

La situazione diventa dunque insostenibile come denuncia anche Luciano Sbraga, direttore dell’Ufficio Studi Fipe: «Il ticket - ha spiegato ad Avvenire - gode di una totale decontribuzione e defiscalizzazione. È già quindi scontato, ma lo “sconto” è previsto per chi deve incassare. Insomma i buoni pasto non convengono agli esercenti che, infatti, sono restii ad accettarli».

Chi sorride sorniona invece, come spesso accade, è la grande distribuzione che negli ultimi tempi si è buttata a capofitto su questo mercato generando una concorrenza altissima. «Non abbiamo numeri precisi - spiega Sbraga - ma si stima che il 70% dei buoni finisca nella Gdo e solo il 30% nei pubblici esercizi. E poi c’è il problema dei pos che dovrebbero essere unici per tutti i ticket elettronici; ma così non è e i tempi in cassa si allungano, le commissioni lievitano.

La questione è intricata già da tempo come detto perché tutto parte dal fallimento di Qui!Group, l’azienda leader dei buoni pasto da erogare alla pubblica amministrazione. La sua scomparsa ha generato un “buco” da 200 milioni di euro ai danni degli esercizi commerciali convenzionati. Di seguito Fipe con altre associazioni di settore si erano date da fare per congelare la lievitazione delle commissioni e poi ancora per garantire il valore nominale del ticket lungo tutta la filiera. Nel mirino era finita anche la Consip, centrale unica di acquisto per tutta la pubblica amministrazione, per le gare da essa bandite e per una mancata attenzione ai campanelli d’allarme lanciati dalle associazioni proprio su Qui!Group.

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
Abbonati alla rivista cartacea in spedizione postale

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


sindacato buono pasto ticket qui group ristorante bar pizzeria grande distribuzione consip fipe Luciano Sbraga

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Surl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Surl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®