Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
sabato 21 settembre 2019 | aggiornato alle 02:40| 61009 articoli in archivio
HOME     MEDIA     STAMPA, WEB, TV e APP

TripAdvisor Premium, l'ultimo “ricatto”
1.200 euro per «influenzare il cliente»

TripAdvisor Premium, l'ultimo “ricatto” 
1.200 euro per «influenzare il cliente»
TripAdvisor Premium, l'ultimo “ricatto” 1.200 euro per «influenzare il cliente»
Primo Piano del 30 gennaio 2017 | 09:46

L'ultimo servizio di TripAdvisor dà la possibilità ai ristoratori, con 99,99 euro al mese (circa 1.200 l'anno), di comprarsi visibilità e manovrare l'opinione del cliente mettendo in risalto le opinioni più positive. Le testimonianze di chi non lo sceglie ci sono già: Roberto Peschiera, consulente, parla di una raffica di recensioni negative

TripAdvisor Premium, l'ultima iniziativa di TripAdvisor, l'ultima trovata. Ora il ristoratore non dovrà pagare pacchetti sottobanco per avere buone recensioni, addirittura potrà sceglierle egli stesso, le sue preferite, sponsorizzarle, raccontarsi con esse e con fotografie cercando di influenzare gli utenti: tutto questo alla modica cifra di 99,99 euro al mese. E già ci sono testimonianze di cosa accade se non si dà corda al Gufo: una pioggia di recensioni negative, e una caduta senza controllo, in fondo alla classifica. Una chiara ingiustizia, e mentre i ristoratori si scoprono con le mani legate, i sindacati di settore non muovono un dito.

TripAdvisor Premium, l'ultimo ricatto  1.200 euro per «influenzare il cliente»

Si è iniziato con commenti anonimi e false recensioni, raggiungendo l'apice quando i pareri dei recensori compulsivi hanno valutato locali chiusi o addirittura inesistenti. Impossibile per il ristoratore uscire da questo circolo vizioso. TripAdvisor non ha agito, tante parole al vento senza poi fatti concreti per rimediare a questa situazione, anzi... Dopo la “messa in vendita” di gadget con il proprio logo, scontati per i ristoratori che volessero (giustamente o ingiustamente?) scalare le classifiche, ora se ne torna all'attacco con l'ennesima iniziativa che fa storcere il naso: TripAdvisor Premium.

Come se non bastasse, quando già il “pacchetto base” già sapeva di truffa, ora la versione Premium pare promettere per il futuro un'ulteriore separazione tra quei ristoratori fedeli al Gufo e quelli che invece decidono di puntare sulle sole proprie forze. Già, perché se già “auto-estromettersi” dal portale non è possibile, e il ristoratore che non foraggia, viene penalizzato, con la versione Premium il divario si farà ancora più grande.

TripAdvisor Premium, l'ultimo ricatto  1.200 euro per «influenzare il cliente»

È tramite una mail personale, inviata ai singoli ristoratori, che Trip segnala questa nuova opportunità: «Per aiutare (il ristoratore in questione) a distinguersi dalla concorrenza su TripAdvisor e influenzare i potenziali clienti su uno dei siti di ristoranti più grandi del mondo, era necessario qualcosa di nuovo, efficace ed entusiasmante. Finalmente ci siamo: ecco a voi TripAdvisor Premium per i Ristoranti».

E passi che il Gufo già non controlli le recensioni che vengono pubblicate, passi anche che il ristoratore che sceglie questo servizio per aumentare la propria visibilità deve pagare a “uno dei siti di ristoranti più grandi del mondo” altri 99,99 euro al mese (per un totale di 1.200 euro l'anno, circa). Ciò che il servizio offre piuttosto è ciò che dovrebbe allarmare, secondo i criteri di veridicità richiesti dal settore.

TripAdvisor Premium, l'ultimo ricatto  1.200 euro per «influenzare il cliente»

Fare un'ottima impressione creando una Storyboard, così da essere ancora più visibili su Trip, senza alcun merito se non quello d'aver pagato. Ottenere poi le informazioni dettagliate necessarie a consolidare l'attività con dati sui clienti... ma soprattutto: «Mettete in mostra il vostro ristorante. Influenzate potenziali clienti mettendo in evidenza una delle vostre recensioni preferite: mostrate il meglio del vostro ristorante». Checché se ne voglia, ora si rasenta il fondo dell'ambiguità: TripAdvisor si nasconde tra le sue parole, proprio come i gufi fanno nel buio della notte, e cela dietro al “mettere in evidenza le proprie recensioni preferite”, un: lasciate in disparte quelle che odiate di più, penalizzate le critiche, sia vere che false - non importa -, e soprattutto, non fatelo grazie ai meriti, ma pagando.

TripAdvisor Premium, l'ultimo ricatto  1.200 euro per «influenzare il cliente»

Lanciato da poco, e già non mancano le critiche mosse dai ristoratori. Esemplificazione è il post pubblicato su Facebook da Roberto Peschiera, consulenze e formazione Food & beverage presso Total quality project, sulla di lui pagina “Gufo? No grazie!”, che riportiamo, integralmente, di seguito. Insomma, TripAdvisor propone, aiuta i ristoratori... ma lo fai obbligandoli, in un certo senso: se non si accetta, ecco le conseguenze, ecco l'impatto, ed ecco anche le mani alzate del Gufo, alla luce del giorno, che dice: «Io non ne sapevo niente».

E i sindacati, Confesercenti e Fipe in primis, responsabili per norma e definizione della tutela di questa categoria, sembrano le tre scimmie: non vedo, non sento e non parlo.

TripAdvisor Premium visibilita Gufo recensioni online false recensioni anonimato web ristorante

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

05/07/2019 11:31:51
3) CONDIVIDO QUESTO ARTICOLO
Questo mio messaggio per condividere le opinioni espresse in questo articolo.
PINO MORELLO

17/07/2017 10:43:26
2) cappio alla ristorazione
anche noi abbiamo piu volte denunciato di come questa multinazionale metta sotto ricatto i ristoratori, o paghi o peggio per te. spero le associazioni di consumatori si muovano.
3omega3 .it

31/01/2017 11:47:45
1) TripAdvisor, recensioni a pagamento
Buonasera, Sono la titolare di "Cantina del Rondo'", ristorante a Neive. Da qualche giorno ricevo pressanti mail da Tripadvisor per aderire ad un loro "nuovo servizio" a pagamento che mi pare molto pericoloso. Gia' ricevo spesso mail di soggetti che si propongono per pacchetti di recensioni a pagamento ai quali non ho mai risposto. Che Tripadvisor chieda soldi ai ristoranti mi pare grave. Come possiamo difenderci? Apprezzo molto il vostro lavoro su questo problema, grazie.
Emanuela Merli

Cantina del Rondo'

ARTICOLI CORRELATI
Loading...
Mostra più articoli >

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato a tutti i mezzi del network: la rivista mensile per la ristorazione Italia a Tavola, la rivista in versione digitale per un pubblico più vasto, le diverse newsletter Italia a Tavola settimanale rivolte ad un pubblico di esperti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza su tutti i principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch)
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160
& Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato a tutti i mezzi del network: la rivista mensile per la ristorazione Italia a Tavola, la rivista in versione digitale per un pubblico più vasto, le diverse newsletter Italia a Tavola settimanale rivolte ad un pubblico di esperti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza su tutti i principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch)