Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
sabato 21 settembre 2019 | aggiornato alle 03:29| 61009 articoli in archivio
HOME     MEDIA     STAMPA, WEB, TV e APP

La stampa agroalimentare e del turismo
chiede regole uguali per tutti

La stampa agroalimentare e del turismo  
chiede regole uguali per tutti
La stampa agroalimentare e del turismo chiede regole uguali per tutti
Pubblicato il 10 ottobre 2018 | 17:00

Il dilagare dell’interesse verso il mondo dell’agroalimentare e del turismo ha costretto anche il mondo del giornalismo a darsi delle regole e ad affermare con forza che ci sono tanti modi per fare informazione.

È nato così il Manifesto Gist-Arga dedicato al giornalismo agroalimentare e del turismo. Quello che emerge dal documento è la necessità di inquadrare ogni persona che parla di cibo, di vino, di turismo in una determinata categoria di riferimento e così anche gli argomenti e il modo con cui vengono trattati. L’obiettivo è quello di evitare un pericoloso mix di informazioni (e di questo gli influencer sono tra i primi responsabili) che potrebbero confondere le idee dei lettori, sia per un motivo deontologico che di reale contributo al settore. Di seguito il testo riportato integralmente.

(Agroalimentare e giornalismo Un manifesto per regolare l'informazione)


Posto che l’Ordine e il sindacato dei Giornalisti tutelano per definizione la professione giornalistica, sia in ambito deontologico che economico, dai tavoli di lavoro degli Stati Generali Gist-Arga Lombardia sono emerse necessità e sensibilità molto diverse.

Profili Professionali - Influencer, blogger e giornalisti non si sovrappongono. Rispondono a esigenze diverse di comunicazione: il giornalista produce contenuti approfonditi autorevoli, fa riferimento a fonti verificate e per questo gode di un vantaggio reputazionale. Garantisce l’originalità di ciò che scrive.

Buona narrazione - Il turismo e l’agroalimentare, come l’enogastronomia, non sono soltanto viaggio, ma implicano la capacità di saper raccontare gli elementi culturali, economici, sociali di un territorio e, con una buona narrazione, valorizzarne e promuoverne gli elementi distintivi.

No alla deregolamentazione - Nell’affrontare il tema dell’evoluzione dell’informazione, sempre più destrutturata e disintermediata, si ritiene che oggi la deregolamentazione della professione giornalistica non sia percorribile. Questo risulterebbe controproducente per i lettori – utenti, così come per i giornalisti e i nuovi professionisti del digitale.
Estensione regole - La proposta è estendere le regole di deontologia ed etica anche alle nuove professioni del digitale. Questo significa attuare una politica di inclusione, che veda l’estensione di norme certe, attuali e concretamente praticabili a tutti i produttori di contenuti.

Self Branding - Il giornalista è opportuno acquisisca maggiore consapevolezza dei media per cui lavora, vale a dire conoscere e saper presentare la ‘reputation’ delle testate di riferimento e/o dei social che utilizza: deve attuare una politica di self branding.

In Rete con le imprese - Auspichiamo che i settori giornalistici di specializzazione, a partire da chi operai nei settori turismo e agroalimentare, diano vita a strumenti digitali che consentano il matching tra i bisogni di Mpmi (micro piccole medie imprese) e i professionisti dell’informazione.

Osservatorio - Proponiamo di istituire un Osservatorio sui strumenti, conoscenze e competenze da acquisire per la creazione e divulgazione di contenuti turistici e agroalimentari. Tenendo conto in modo centrale la sostenibilità della formazione.

Freelance - La maggior parte dei giornalisti iscritti all’Ordine Nazionale sono oggi freelance e, come imprenditori di loro stessi, vanno accompagnati in questo percorso nel rispetto della deontologia professionale. È necessario fare un upgrade delle competenze che vada nella direzione delle nuove professionalità richieste anche nelle realtà editoriali o comunque emerse in modo importante nell’attuale panorama della produzione di contenuti.

Formazione - In questo senso ci impegniamo a contribuire alla riorganizzazione dell’attuale offerta formativa con proposte specifiche per le tematiche del digitale e che valorizzino le specializzazioni nella professione giornalistica e suggeriamo di introdurre nel percorso formativo dei giornalisti oltre all’obbligo di 20 crediti deontologici nel triennio, almeno 10 crediti legati a temi inerenti le nuove professioni del web.

Sportello Consulenza - Riteniamo utile l’apertura di uno sportello di consulenza e presso gli Ordini regionali in modo che il professionista possa avere suggerimenti sul percorso individuale della sua formazione/aggiornamento, sui finanziamenti disponibili e sui regimi fiscali più adeguati alla sua attività.

stampa media iat italiaatavola informazione giornalismo manifesto Ordine dei giornalisti blogger regolamento deontologia cibo vino food social web

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...
Mostra più articoli >

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato a tutti i mezzi del network: la rivista mensile per la ristorazione Italia a Tavola, la rivista in versione digitale per un pubblico più vasto, le diverse newsletter Italia a Tavola settimanale rivolte ad un pubblico di esperti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza su tutti i principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch)
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160
& Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato a tutti i mezzi del network: la rivista mensile per la ristorazione Italia a Tavola, la rivista in versione digitale per un pubblico più vasto, le diverse newsletter Italia a Tavola settimanale rivolte ad un pubblico di esperti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza su tutti i principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch)