Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e ospitalità
martedì 25 settembre 2018 | aggiornato alle 03:13 | 55742 articoli in archivio
HOME     MEDIA     STAMPA, WEB, TV e APP
di Gabriele Ancona
vicedirettore
di Gabriele Ancona
vicedirettore

Dalla Cassazione un duro colpo al Gufo
I siti rispondono dei commenti offensivi

Primo Piano del 12 luglio 2018 | 10:06

Un altro colpo di scena. Protagonista, a cadenza ritmata, TripAdvisor. È solo di pochi giorni fa l’accordo strategico con Fipe-Confcommercio che dovrebbe cambiare lo status quo in merito alle fake news. Chi si rivolgerà agli uffici delle Ascom per lamentare recensioni false dovrebbe trovare soddisfazione veloci.

Che il vento stia girando a favore del mondo Horeca lo testimoniano anche le motivazioni di una sentenza della Suprema Corte di Cassazione.

(Dalla Cassazione un duro colpo al Gufo I siti rispondono dei commenti offensivi)

Questa ha affermato la responsabilità penale del gestore di un sito internet per aver mantenuto online i contenuti offensivi di un articolo, omettendo di rimuoverlo una volta venuto a conoscenza del carattere denigratorio pubblicato. In questo modo la Cassazione, di fatto, ammette la sussistenza di un obbligo di rimozione, per i gestori dei siti internet, di ogni contenuto potenzialmente offensivo pubblicato dagli utenti di cui il gestore sia venuto a conoscenza (anche in via potenziale).

Respinte pertanto le argomentazioni sollevate dalla difesa del gestore del sito, che aveva rimarcato il fatto che l’utente aveva inserito in modo autonomo l’articolo nella community “senza alcun intervento del gestore del sito”, il quale, tutt’al più, aveva solamente ricevuto un messaggio di posta elettronica all’interno del quale era allegato proprio il file incriminato.

Il punto è proprio questo. Una piattaforma internet non può fare da collettore di quanto inviato dall’esterno senza assumersene gli oneri in merito ai contenuti. Non si tratta di un parcheggio incustodito. Oggi il gestore è responsabile di quanto pubblica. Una sentenza che apre nuovi scenari. E torniamo a TripAdvisor. Le news, quando sono fake, vanno rimosse e quindi controllate in tempo reale. Lo ha enunciato la Cassazione: hanno rilevanza penale. Ne deriva che gli operatori dei pubblici esercizi possono citare in giudizio il Gufo, al quale non conviene metter mano al portafogli per effettuare rimborsi a pioggia, stile class action.

stampa media iat italiaatavola Tripadvisor Horeca sentenza Cassazione responsabilita fake news internet rimborsi Ascom ristoratore penale commenti online false recensioni Gufo web giustizia


ARTICOLI CORRELATI
Loading...
Mostra più articoli >

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >

ARTICOLI RECENTI
Loading...


COMMENTA
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

Sky
Tomatopiu
Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Edizioni Contatto Srl
via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg)
P.IVA 02990040160
Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548