TuttoFood
Rotari
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e ospitalità
domenica 24 marzo 2019 | aggiornato alle 16:20 | 58124 articoli in archivio
HOME     OLIO    

Xylella, la procura sequestra un albero
Scoppia la protesta dei gilet arancioni

Pubblicato il 14 gennaio 2019 | 16:12

Si è riaccesa in Puglia la protesta dei gilet arancioni dopo la notizia del sequestro, da parte della Procura della Repubblica, di un ulivo nelle campagne di Monopoli (Bari) perché infetto dal batterio della xylella.

Dopo le manifestazioni dei giorni scorsi sia a Bari che a Roma, torna dunque a farsi sentire la voce degli agricoltori e degli avicoltori pugliesi: «Il sequestro dell'albero infetto, insieme a tutto il campo, probabilmente a causa di un esposto di qualche santone e negazionista - è la dura replica del portavoce, Onofrio Spagnoletti Zeuli - è una notizia gravissima che ci preoccupa per le ripercussioni nella lotta al batterio in provincia di Bari. Assistiamo al sequel dello stesso film disastroso girato in Salento con i sequestri iniziali che diedero il via all’avanzata del batterio e i risultati che adesso sono sotto gli occhi di tutti».

(Xylella, la procura sequestra un albero Scoppia la protesta dei gilet arancioni)

Secondo Spagnoletti, il proprietario della pianta avrebbe fatto richiesta per l’eradicazione della pianta: «Il sequestro - aggiunge - proviene sicuramente dall’esposto di qualche santone e dalle sponde che questi personaggi riescono a trovare anche nelle Procure. Sarebbe un fatto gravissimo perché inizierebbero da subito i rallentamenti nel contrasto al batterio che rischia di distruggere il nostro territorio».

E mentre i gilet arancioni tornano a chiedere una legge speciale che consenta il taglio delle piante infette, immediatamente dopo aver avuto con certezza il risultato positivo dell’analisi, a prendere posizione sul sequestro della Procura è anche Gennaro Sicolo, presidente di Italia Olivicola: “A sette mesi di distanza dalle nostre denunce contro tutti i santoni che hanno rallentato il contrasto alla xylella con le loro follie - dice - non abbiamo notizie dalle Procure, mentre questa gentaglia presenta un esposto e un minuto dopo la magistratura mette i sigilli a piante e terreni rinviando l’eradicazione necessaria. Ma in che paese viviamo? Non riesco davvero a comprendere perché si dia priorità agli esposti folli di questa gentaglia e non alle denunce serie e circostanziate di chi davvero è parte lesa nella vicenda xylella - aggiunge - È sconfortante tutto questo perché è proprio grazie a queste storture che la xylella avanza indisturbata».

olio oil evo xylella Gilet arancioni Onofrio Spagnoletti Zeuli Gennaro Sicolo Italia Olivicola ulivi oliveti Puglia


ARTICOLI CORRELATI
Loading...
Mostra più articoli >

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >

ARTICOLI RECENTI
Loading...


COMMENTA
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

Sky
Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Edizioni Contatto Srl
via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg)
P.IVA 02990040160
Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548