Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
venerdì 17 settembre 2021 | aggiornato alle 05:17 | 77889 articoli in archivio

L'addio alle stelle di Matteo Metullio «Basta cucina, voglio fare il padre»

di Federico Biffignandi
05 febbraio 2019 | 16:47

L'addio alle stelle di Matteo Metullio «Basta cucina, voglio fare il padre»

di Federico Biffignandi
05 febbraio 2019 | 16:47

Arriva sempre, nella carriera dei grandi, un momento in cui fermarsi e dire basta, anche solo per un po’. Perché se è vero che il lavoro è una priorità della vita, ci sono altri valori capaci di andare ben oltre.

Arriva sempre, nella carriera dei grandi, un momento in cui fermarsi e dire basta, anche solo per un po’. Perché se è vero che il lavoro è una priorità della vita, ci sono altri valori capaci di andare ben oltre.

Come la famiglia, soprattutto quando questa si amplia con la nascita di un figlio che richiede impegno, presenza, dedizione. E soprattutto dopo che si è passata una vita di sacrifici, di ore passate in cucina, di mesi (o anni) passati lontani da casa, mettendo a repentaglio relazioni personali, familiari importanti, cruciali.

Matteo Metullio (Metullio e l’addio a La Siriola «Basta cucina, voglio fare il padre»)
Matteo Metullio

Succede ai cuochi, che fanno del loro mestiere una missione, ed è successo a Matteo Metullio che con la nascita del suo primogenito ha detto «Basta, devo fermarmi». Troppi i sacrifici richiesti alla futura moglie e madre di suo figlio, troppo il tempo sottratto a lei e al suo erede e così ha scelto: togliersi il grembiule e abbandonare la cucina de La Siriola che lui stesso aveva “addobbato” con due stelle Michelin insieme alla famiglia Wieser, frutto di lavoro, passione, capacità.

«Il rapporto con la famiglia Wieser - ha spiegato Metullio - è sempre stato sereno e limpido sin dal primo giorno. Non esiste alcuna motivazione legata al mio rapporto con loro in questa scelta di andarmene. Il motivo sta nel fatto che voglio dedicarmi alla mia famiglia. Ho lasciato la mia ormai moglie vicino a Roma durante la gravidanza mentre io ero a lavorare a San Cassiano e a inizio anno ho scelto di dire basta. Né io, né lei siamo di qua e abbiamo ritenuto doveroso scegliere di crescere nostro figlio altrove».

La convinzione di Metullio è forte e anche condivisibile tanto è che non ci sono progetti futuri in vista: «Il mio unico progetto - ha detto - è quello di fare il padre».

© Riproduzione riservata

 
Voglio ricevere le newsletter settimanali