ABBONAMENTI
 
Ros Forniture Alberghiere
Molino Quaglia
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
martedì 20 ottobre 2020 | aggiornato alle 08:00| 68649 articoli in archivio
Ros Forniture Alberghiere
Molino Quaglia
HOME     PROFESSIONI     CUOCHI
di Federico Biffignandi
Federico Biffignandi
Federico Biffignandi
di Federico Biffignandi

Ristoratori indignati dalla Castelli:
Cambi lavoro per il bene del Paese

Ristoratori indignati dalla Castelli: 
Cambi lavoro per il bene del Paese
Ristoratori indignati dalla Castelli: Cambi lavoro per il bene del Paese
Primo Piano del 21 luglio 2020 | 08:30

Il vicepresidente della Federazione Italiana Pubblici Esercizi, Aldo Cursano, attacca la viceministro del M5s dopo le sue parole sui ristoranti senza clienti. «Ferisce chi spende una vita per la sua attività». Critica anche Marina Lalli, presidente di Federturismo, che auspica arrivino gli aiuti promessi dallo Stato per il settore.

La ristorazione e il turismo sono in rivolta, più che mai. Le parole del viceministro all’Economia Laura Castelli (M5s) che ha invitato i ristoratori in crisi e senza clienti a cambiare mestiere non sono piaciute - per usare un eufemismo - a nessuno. E l’onda lunga di questa uscita a dir poco infelice non si placa. Perché il suo è un peso specifico enorme già di per sé, ma si porta dietro anche una serie di uscite sbagliate o non-uscite delle istituzioni che dal lockdown in poi hanno sempre preso a calci il settore dell’accoglienza “dimenticandosi” di sostenerlo economicamente e politicamente, lasciandolo in balia di un andazzo tutto italiano che ha sempre portato il Belpaese a non sfruttare al 100% l’enorme patrimonio di cui gode.

Cuochi in rivolta per le parole della Castelli - Più facile cambiare viceministro che un milione di ristoratori
Cuochi in rivolta per le parole della Castelli

Molte associazioni di categoria hanno voluto rispondere alla Castelli, tanti cuochi o addetti ai lavori sono usciti allo scoperto singolarmente per condannare la dichiarazione, anche noi come Italia a Tavola ci siamo subito chiesti come sia stato possibile ciò chiedendo subito le dimissioni del viceministro. Nel frattempo ci ha pensato anche  la Fipe, che è sempre stata il punto di riferimento per i pubblici esercizi. Il vicepresidente Aldo Cursano sorride amaro nel commentare le parole della Castelli e non utilizza mezze misure: «Non è comprensibile - spiega - che un viceministro chieda ai professionisti del nostro settore di cambiare mestiere dopo che abbiamo costruito tutta la nostra vita per un’attività. Sostituire oltre un milione di professionalità come vorrebbe è complesso, forse è più facile sostituire un viceministro, aiutandola a reinventarsi. Faremmo il bene del Paese».

Aldo Cursano - Più facile cambiare viceministro che un milione di ristoratori
Aldo Cursano

Troppo comoda scaricare il settore in questo momento solo perché è in crisi nera. Chiaro che sia stato solo il lockdown e l’impoverimento degli italiani a mettere al tappeto bar, ristoranti e alberghi dato che il trend era in costante crescita prima della pandemia. «Chi come noi sta lottando da mesi per mantenere in piedi la propria azienda, la propria storia, il proprio progetto di vita - prosegue Cursano - è profondamente ferito dalle parole del viceministro che ci invita a pensare ad un altro progetto di business. E non ferisce solo chi ci sta mettendo l’anima e il cuore, ma ferisce la storia e la cultura della nostra Italia. I ristoranti sono una testimonianza viva dello stile di vita made in Italy che passa attraverso una rete di accoglienza, di tradizioni espresse con un piatto, un racconto, un luogo.



Gli amministratori del Paese dovrebbero essere i massimi custodi di questo patrimonio, dovrebbero curare e condividere il buon vivere italiano, chi viene da noi è soprattutto per questo. E invece ci chiedono di rinunciare, il che vuol dire rinunciare all’anima dell’Italia che noi giorno dopo giorno custodiamo anche pagando un altissimo prezzo. Tanti colleghi hanno dovuto alzare bandiera bianca, chiudendo posti che hanno fatto la storia di un territorio e si sono così perse testimonianze vive delle nostre origini. Ci chiedono di adeguarci ad un business internazionale che punta sulla grande distribuzione, sui fast food, su proposte banali che non fanno parte del sistema italiano costruito su qualità, ricerca, artigianalità. Ci chiedono di adeguarci al ribasso rinunciando alla nostra storia e noi non ci stiamo».

E giustamente. Incomprensibile come ancora oggi il Governo non comprenda a fondo l’apporto economico che l’Horeca è in grado di dare a tutto il Sistema Italia. Si può far finta di non riconoscerne il valore culturale, magari meno tangibile, ma conti alla mano è da stolti voltare le spalle a cuochi e albergatori.

Albergatori e in generale tutto il mondo del turismo che non hanno potuto che tendere l’orecchio e indignarsi per quanto spiegato dal viceministro Laura Castelli. Del resto va ribadito - visto che pare non essere ancora entrato del tutto nella mentalità istituzionale - che la ristorazione e il turismo per necessità vanno sempre più a braccetto.

«Una frase a dir poco infelice - ha spiegato la presidente di Federturismo Marina Lalli - Ho visto che il viceministro ha detto che è stata mal interpretata, ma resta una frase infelice. Il settore della ristorazione è in fortissima crisi, così come tutto il turismo perché siamo estremamente connessi. Non è un caso che in Federturismo abbiamo accolto il Movimento Imprese Ospitalità che si cura proprio della ristorazione; l’abbiamo fatto proprio per sottolineare estrema vicinanza. La ristorazione, che porta in alto la bandiera dell’Italia e dell’italianità, deve essere aiutata oggi più che mai e necessiti di misure ad hoc. Le cause del ko sono chiare, non sono chiare invece le soluzioni».

Marina Lalli - Più facile cambiare viceministro che un milione di ristoratori
Marina Lalli

Turismo che gioca a specchio e non vede luci all’orizzonte: «Oggi - spiega Lalli - le località di mare e di montagna stanno cercando di giocare in difesa stando attenti ai costi, moltiplicati per procedure di sicurezza. Per le città d’arte invece la storia è molto critica, non c’è proprio partita perché non c’è movimento, non c’è materia sulla quale lavorare. Succede perché, per tradizione, gli italiani d’estate non scelgono queste destinazioni che vivono invece sul turismo straniero, quest’anno praticamente assente. Stiamo aspettando il Decreto che riguarda i settori più in crisi tra i quali, mi auguro, venga inserito anche il turismo. Vogliamo capire quanto il Governo ci è vicino e quanto potremo rimetterci in gioco in vista del 2021: senza aiuti non arriviamo nemmeno a fine 2020.

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
Abbonati alla rivista cartacea in spedizione postale

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


cuoco chef governo viceministro economia movimento 5 stelle business ristorazione ristoranti bar pubblici esercizi fipe laura castelli marina lalli aldo cursano

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Sky
Caricamento...
Edizioni Contatto Surl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Surl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®